Quali sono i peggiori comportamenti online delle persone? Per definizione, un software o un hardware dotato di intelligenza artificiale riesce a simulare in maniera credibile il comportamento di un essere umano. E quando si tratta di persone reali? Quanto siamo umani noi come utenti, nelle nostre interazioni digitali quotidiane?

Di Emanuela Zaccone, social TV enterpreneur, Social media strategist & analist**

Mentre da una parte c’è una corsa crescente all’intelligenza artificiale – è una delle nuove buzzword più diffuse, tanto da dare l’impressione che le aziende non facciano altro che lavorare in questa direzione… – dall’altra sembra esserci un generale peggioramento di certi comportamenti online. Qui abbiamo individuato i peggiori comportamenti online e sui social delle persone (quelle reali)

Peggiori comportamenti online: in ordine crescente

1) Ridicolizzare contenuti di altri senza preoccuparsi delle conseguenze: quante volte vi siete imbattuti in video diventati “virali” – un caso su tutti: quello della filiale Banca Intesa di Castiglione delle Stiviere nato per un contest interno all’azienda – e ne avete agevolato la diffusione senza pensare che magari i protagonisti erano rintracciabili e dunque sarebbero stati tormentati e dileggiati direttamente e personalmente da altri utenti? Sì, di solito la questione viene liquidata con un “era per ridere”: ma fa davvero ridere ricevere “n” messaggi privati di insulti per qualcosa che neanche avrebbe dovuto essere pubblico? Tra i peggiori comportamenti online, di sicuro.

2) Creare o partecipare a gruppi di dileggio verso certe categorie di persone: qui è necessario un distinguo. Un conto è creare dei gruppi comico-satirici – un esempio tra i tanti, la pagina Facebook de Il Signor Distruggere – che spesso si spingono comunque al limite delle buone norme di rispetto, un altro è creare dei veri e propri gruppi che incitano all’odio (razziale, religioso, politico) in toni aggressivi. I social media mettono a disposizione degli utenti vari strumenti per tutelare la persona singola e la community in senso ampio, ad esempio segnalando pagine o contenuti che violano le norme stabilite. In generale però la loro proliferazione non cessa e funziona spesso da collettore di aggressività. Entrare e sostenere questi gruppi è do certo tra i peggiori comportamenti online. E quando tanta violenza si organizza sui social media per poi concretizzarsi in azioni reali? La risposta la conoscete.

3) Utilizzare toni e termini volutamente aggressivi: è uno dei casi più frequenti, che trova sfogo soprattutto negli insulti a politici o sostenitori di posizioni diverse da quelle dell’utente che li attacca. Basti vedere i toni usati dagli anti vaccinisti nei commenti ai post di Roberto Burioni o i toni usati con riferimento a Laura Boldrini (che infatti qualche tempo fa ha pubblicamente lamentato queste pratiche). Come se il confronto pacato e civile a cui siamo stati – o quantomeno dovremmo essere stati – educati nelle interazioni personali non valesse sui social. La violenza verbale è sempre tra i peggiori comportamenti online

4) Attaccare in maniera diretta utenti conosciuti o estranei: di solito è il passo successivo al precedente, soprattutto quando si tratta di personalità note, politici, personaggi famosi che si ritrovano i messaggi privati invasi da insulti.
E non solo, vale anche per le loro pagine ufficiali.
Per non citare tutti i casi di mention di account e pagine.
La differenza con quanto descritto al punto precedente è che di solito si assiste a una serializzazione di questi comportamenti: una sorta di “stalking digitale” che diventa un vero e proprio tormento per le vittime di questi obiettivi.

È banale ridurre i “leoni da tastiera” a un prodotto dei social media: non sono una novità in ambito digitale. Sono vecchi almeno quanto Internet, perché è obiettivamente facile insultare e giudicare sforzandosi semplicemente di usare uno smartphone o la tastiera di un computer.
D’altra parte è anche il motivo per cui questi comportamenti si sono diffusi così velocemente ed è chiaro che dietro c’è tanto impulso e poco pensiero.

I peggiori comportamenti online: le ragioni

Ma come in moltissimi altri casi non è da biasimare il mezzo bensì il modo in cui lo si usa.
Per tutti questi gravi comportamenti il minimo sindacale di intelligenza da applicare per arginarli consisterebbe infatti nel chiedersi: “farei lo stesso fuori da un canale digitale?” In parte è una domanda retorica: ovviamente no. (Quasi) nessuno assumerebbe certi comportamenti. Ma in parte è un quesito complesso. Questi media ci hanno abituato e abilitato a nuove modalità di interazione che modificano in parte i nostri abituali comportamenti. Non significa però che ci sollevino dal pensare prima di agire.
Ad ogni modo la domanda resta lecita.
E allora viene da chiedersi: se dovessimo programmare una intelligenza davvero artificiale, vorremmo che si comportasse in modo così poco umano?

peggiori comportamenti online

La lista dei peggiori comportamenti online

** Emanuela Zaccone: Digital Entrepreneur, co-founder e Marketing & Product Manager di TOK.tv. Ha oltre 10 anni di esperienza come consulente e docente in ambito social media analysis e strategy per grandi aziende, startup e università. È autrice di “Digital Entrepreneur: principi, pratiche e competenze per la propria startup” (Franco Angeli, 2016) e di “Social Media Monitoring: dalle conversazioni alla strategia” (Flaccovio, 2015).

I peggiori comportamenti online, gli esempi sui social media ultima modifica: 2018-03-07T07:20:40+00:00 da Web Digitalic

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!