Riconoscimento facciale, Facebook ora chiede il consenso: alcuni utenti di Facebook in Europa hanno ricevuto un messaggio circa la possibilità di attivare la sua controversa tecnologia di riconoscimento facciale. Il messaggio chiede se attivare o meno la tecnologia di riconoscimento facciale, un test per adeguarsi al GDPR.

riconoscimento facciale facebook

Facebook riconoscimento facciale, ora Zuckerberg chiede il consenso

Facebook ha successivamente comunicato che la notifica che suggerisce che l’impostazione del riconoscimento facciale era abilitata automaticamente (“l’impostazione è attiva”) è stata inviata per errore, ha affermato un portavoce.

In Europa, l’azienda spera di convincere gli utenti a consentire volontariamente all’implementazione della tecnologia ostile alla privacy, che è stata disattivata in blocco dopo la pressione normativa, nel 2012, quando Facebook ha iniziato a utilizzare il riconoscimento facciale per offrire funzionalità come i tag automatici degli utenti nei caricamenti di foto.

Riconoscimento facciale Facebook consenso

Facebook consenso al riconoscimento facciale per il  GDPR

Tuttavia, in vista di modifiche imminenti ai suoi termini e condizioni d0uso – apparentemente in conformità con lo standard di protezione dei dati GDPR in entrata nell’UE – l’azienda ha creato un flusso di consenso che cerca di convincere facilmente gli utenti a dare accesso ai propri dati, compreso il riconoscimento facciale, convincendo gli europei ad accettare i termini per l’uso dei dati biometrici.

Gli utenti che scelgono di non attivare il riconoscimento facciale devono ancora fare clic su una schermata “continua” prima di passare alla successiva. Su questa schermata, Facebook tenta di convincerli ad accendere il riconoscimento, mostrando esempi di come la tecnologia può “proteggerli”.

Secondo la giornalista Jennifer Baker, quello che Facebook sta facendo è incredibilmente malizioso, perché usa la paura per cercare di manipolare le scelte delle persone.

Nell’ambito del sistema di protezione dei dati a breve in vigore nell’UE, Facebook non può automaticamente abilitare il riconoscimento dei volti, ma deve convincere le persone a optare per tale tecnologia.

Le possibili questioni legali sul riconoscimento facciale Facebook

Molti esperti interpellati in merito non credono comunque che l’approccio al consenso di Facebook sia legale ai sensi del GDPR. Essenzialmente, questa è una grande manipolazione basata sui dati del processo decisionale umano – finché la risposta “giusta” (per le attività di Facebook) è “selezionata” dall’utente. In altre parole, non dato liberamente, consenso informato a tutti.

A questo punto le sfide legali sono certe.

Riconoscimento facciale Facebook e GDPR

Una portavoce di Facebook ha affermato che tutti gli utenti europei che sono stati informati su tale tecnologia adesso, prima della scadenza del 25 maggio GDPR, fanno parte del suo lancio di modifiche della piattaforma intese a rispettare lo standard legale presto in vigorei.

“Il flusso (di consensi) non è un test, fa parte di un’implementazione che stiamo attuando adesso in tutta l’UE”, ha affermato. “Stiamo chiedendo alle persone il consenso opt-in per tre cose: dati di terze parti per annunci pubblicitari, riconoscimento facciale e autorizzazione a elaborare i loro dati sensibili”.

Ha anche confermato che Facebook ha eseguito un test di “una versione molto simile di questo flusso con una piccola percentuale di utenti nell’UE a marzo”, aggiungendo che: “il flusso di parole utilizzate era sostanzialmente lo stesso. In ogni momento era in modalità opt-in.”

Il problema è che, dato che Facebook controlla l’intero flusso dei consensi e può contare su informazioni di grandi dimensioni raccolte dalla propria piattaforma (più di due miliardi di utenti), questo non è nemmeno lontanamente un combattimento leale. L’accettazione manipolata non è reale consenso.

Ma le sfide legali richiedono tempo e nel frattempo gli utenti di Facebook sono stati soggetti a ingegneria sociale, con esempi selettivi, per concordare con le cose che si allineano con gli interessi aziendali di raccolta dei dati dell’azienda: consegnare dati personali sensibili senza comprendere le piene implicazioni del farlo.

Richiesta consenso per riconoscimento facciale Facebook

Non è esattamente chiaro quanti utenti di Facebook facessero parte del precedente test sul consenso. È probabile che la società abbia utilizzato le suddette variazioni nella formulazione del flusso e delle parole utilizzate per determinare, tramite un processo di test A/B, quali schermate e parole relative al consenso abbiano avuto il maggior successo nel convincere le persone ad accettare una tecnologia altamente ostile alla privacy.

Il mese scorso, quando Facebook ha affermato che sarebbe stato rilasciato “un test limitato di alcune delle ulteriori scelte che chiederemo alle persone di fare come parte del GDPR”, ha anche detto che sarebbe iniziato “chiedendo solo a una piccola percentuale di persone così da poter essere sicuri che tutto funzioni correttamente “.

È interessante notare che non ha citato un numero in merito a quante persone sono state coinvolte in quel test.

Probabilmente la compagnia sperava che il test non avrebbe attirato troppa attenzione, dato il rilievo che hanno queste informazioni sul GDPR.

A seconda del successo di quei test a convincere gli europei a lasciarli usare i loro dati biometrici facciali, milioni di altri utenti di Facebook potrebbero presto fornire all’azienda nuovi flussi di dati sensibili e trovare calpestati i propri diritti fondamentali, ancora una volta, grazie a un flusso di consensi molto manipolativo.

 

Riconoscimento facciale, Facebook ora chiede il consenso ultima modifica: 2018-04-23T17:00:44+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!