Facebook ora punta sui messaggi crittografati ed “effimeri”, la conversione di Zuckerberg

Un nuovo importante post sul blog , Facebook sposterà sempre più l’attenzione dai post pubblici alle comunicazioni crittografate sul suo trio di app di messaggistica.

Lo ha affermato il CEO Mark Zuckerberg in un nuovo significativo post sul blog: Facebook punta sui messaggi crittografati e sulla privacy In una lettera di 3.200 parole, Zuckerberg afferma che la crittografia sarà una delle chiavi del futuro di Facebook e che l’azienda è disposta a essere bandita in paesi che si rifiutano di farla funzionare correttamente.

Mentre penso al futuro di Internet, credo che una piattaforma di comunicazione incentrata sulla privacy diventerà ancora più importante delle piattaforme aperte di oggi”, scrive Zuckerberg. “Oggi vediamo già che la messaggistica privata, le Storie effimere e i piccoli gruppi sono di gran lunga le aree in più rapida crescita della comunicazione online”.

messaggi-crittografati-facebook

Messaggi crittografati: il futuro della comunicazione?

I social network pubblici continueranno ad avere il loro ruolo, aggiunge Zuckerberg, ma egli vede una grande opportunità futura costruita su “una piattaforma più semplice che si concentra sulla privacy in primo luogo.” Ciò segnerà un netto rovesciamento per Facebook, che è divenuta una delle aziende più ricche del mondo inventando nuovi metodi esotici di raccolta di dati personali e consentendo ai marchi di vendere pubblicità. Facebook ha trascorso gli ultimi due anni impantanata in scandali sulla privacy dei dati, a partire dalle rivelazioni dell’anno scorso su Cambridge Analytica e proseguendo attraverso la più grande violazione dei dati nella storia dell’azienda.

Credo che il futuro della comunicazione si sposterà sempre più verso servizi privati ​​e crittografati in cui le persone possono essere certi che ciò che si dicono reciprocamente rimanga sicuro e che i loro messaggi e contenuti non restino per sempre a disposizione”, afferma Zuckerberg, e “questo è il futuro che spero contribuiremo a realizzare”, prosegue.

messaggi-crittografati-facebook

Messaggi crittografati: Facebook come WhatsApp

Per raggiungere il suo obiettivo, Zuckerberg afferma che le piattaforme di messaggistica di Facebook si evolveranno per assomigliare più a WhatsApp. La crittografia end-to-end diventerà standard nella suite di applicazioni di messaggistica di Facebook, come riportato anche dal New York Times all’inizio di quest’anno.

La notizia di questa mossa ha stimolato le critiche sul fatto che rappresentasse un altro enorme giochetto per la raccolta di dati da parte di Facebook, che una volta aveva promesso ai regolatori europei che avrebbe mantenuto i dati degli utenti di WhatsApp separati dagli altri servizi. Zuckerberg ora sta usando la promessa della crittografia per addolcire la pillola e tenta di invertire anni di danno reputazionale proclamando una credenza quasi religiosa nel potere della privacy.
Questa scelta potrebbe anche rappresentare un’opportunità di business: nel suo post, Zuckerberg sostiene che gli strumenti di messaggistica privati ​​e crittografati creeranno anche spazio per nuovi strumenti di business, in particolare quelli relativi ai pagamenti e al commercio, le odierne ossessioni dell’azienda. I servizi alla fine diventeranno “una piattaforma per molti altri tipi di servizi privati”, scrive.

Oltre a rendere la messaggistica più privata, Zuckerberg prevede anche di rendere interoperabile la messaggistica e ciò inizierà consentendo di inviare messaggi tra i servizi di Facebook, ma Facebook alla fine vuole rendere Instagram Direct, WhatsApp e Messenger interoperabili.

Mark-Zuckerberg

Per raggiungere i suoi obiettivi di privacy, Zuckerberg afferma che Facebook non “memorizzerà dati sensibili in paesi con storico debole su diritti umani come la privacy e la libertà di espressione”. Paesi come Russia e Vietnam richiedono sempre più che le piattaforme tecnologiche memorizzino i dati degli utenti localmente, dove è più facilmente renderli intercettabili dalle forze dell’ordine. La mossa sembrerebbe anche rendere meno probabile la possibilità che Facebook possa aprire in Cina, uno degli obiettivi più importanti di Zuckerberg.

Sostenere questo principio potrebbe significare che i nostri servizi verranno bloccati in alcuni paesi, o che non saremo in grado di entrare in altri in tempi brevi”, scrive Zuckerberg. “Questo è un compromesso che siamo disposti a fare. Non crediamo che l’archiviazione dei dati delle persone in alcuni paesi sia sufficientemente sicura per costruire un’infrastruttura internet così importante”Zuckerberg non ha fornito un periodo di tempo preciso per raggiungere il coronamento della sua visione, al di là che dire che sarebbe accaduto “nei prossimi anni”. Egli ha, inoltre, notato che la costruzione dei servizi da lui descritti comporterà molti compromessi ed è probabile che incorrerà nell’ira delle forze dell’ordine.

Abbiamo la responsabilità di lavorare con le forze dell’ordine”, scrive Zuckerberg; “stiamo lavorando per migliorare la nostra capacità di identificare e bloccare i cattivi protagonisti nelle nostre app rilevando i modelli di attività o attraverso altri mezzi, anche quando non siamo in grado di vedere il contenuto dei messaggi, e continueremo a investire in questo lavoro, ma affrontiamo un compromesso intrinseco perché non sapremo mai di tutti i potenziali danni che facciamo oggi quando i nostri sistemi di sicurezza possono vedere i messaggi stessi.”

Messaggi più effimeri su Facebook

Facebook investirà anche nel rendere i messaggi più effimeri, sostiene Zuckerberg. L’azienda prenderà in considerazione l’eliminazione dei messaggi per impostazione predefinita dopo un mese o un anno, consentendo all’utente di cambiare l’impostazione se lo desidera e l’azienda probabilmente permetterà di impostare i singoli messaggi con una scadenza dopo “pochi secondi o minuti”. Inoltre, Facebook ridurrà la quantità di tempo in cui memorizza i metadati sui messaggi.

Certo, una cosa è promettere un Facebook più nuovo e più privato e un’altra cosa è realizzarlo. L’azienda ha una lunga storia di annunci e promozione di funzionalità avanzate per la privacy, come strumenti di accesso anonimi e un pulsante “cancella cronologia” per ridurre ciò che gli inserzionisti sanno di te e rallentare o annullare la loro effettiva presentazione. Facebook ha la peggiore reputazione in merito a privacy, fra tutte le grandi aziende tecnologiche e un post sul blog di 3.200 parole non fa molto da solo per togliere dai guai la piattaforma social.

Eppure, Facebook ha, almeno, reso noto che nel futuro enfatizzerà la privacy in modo concreto e che è pronta a essere bloccata in molti paesi come risultato di questa scelta, pur di raggiungere gli obiettivi preposti. Dato che più governi si rallegrano all’idea di una sorveglianza in tempo reale dei loro cittadini che utilizzano gli strumenti di Facebook, questa scelta potrebbe segnare un cambiamento positivo.


Facebook ora punta sui messaggi crittografati ed “effimeri”, la conversione di Zuckerberg - Ultima modifica: 2019-03-08T07:57:11+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!