Un nuovo studio afferma che Facebook, Instagram e Snapchat sono collegati a fenomeni di depressione. I risultati della ricerca saranno pubblicati sul Journal of Social and Clinical Psychology di dicembre . Non è il primo studio che indaga sugli effetti dei social sugli adolescenti

Troppo tempo sui social media porta alla depressione ?

Un nuovo studio condotto da psicologi dell’Università della Pennsylvania ha dimostrato, per la prima volta, un nesso causale tra il tempo trascorso sui social media con la depressione e la solitudine, in base a quanto recentemente affermato da alcuni ricercatori.

Lo studio ha concluso che coloro che hanno risotto drasticamente il loro utilizzo di siti come Facebook, Instagram e Snapchat hanno visto un netto miglioramento del loro stato d’animo e del modo in cui si sentono riguardo alle loro vite.

“È stato sorprendente”, dice Melissa Hunt, professoressa di psicologia all’Università della Pennsylvania, che ha condotto lo studio, “quello che abbiamo scoperto nel corso di tre settimane è stato che i tassi di depressione e solitudine sono diminuiti in modo significativo per le persone che hanno limitato il loro uso (dei social media)”.

Molti di coloro che hanno iniziato lo studio con una depressione clinica moderata hanno terminato solo poche settimane dopo con sintomi molto lievi, ha affermato.

Lo studio è stato condotto su 143 studenti universitari

Lo studio, “Limitare i social media riduce la solitudine e la depressione”, è stato condotto da Melissa Hunt, Rachel Marx, Courtney Lipson e Jordyn Young e verrà pubblicato dalla rivista Journal of Social and Clinical Psychology.

Per lo studio, Hunt e il suo team hanno studiato 143 studenti universitari presso l’Università della Pennsylvania per un certo numero di settimane e hanno testato il loro umore e il senso di benessere utilizzando sette diverse scale stabilite. La metà dei partecipanti ha continuato a utilizzare i siti di social media come di consueto. (Facebook, Instagram e Snapchat non hanno risposto alla richiesta di un commento in merito).

L’altra metà si è limitata a dieci minuti al giorno per ciascuno dei tre siti studiati: Facebook, Instagram e Snapchat, i siti più popolari per la fascia di età.

Social e depressione: i risultati

Ecco il risultato netto: coloro che hanno ridotto l’uso dei social media hanno visto riduzioni “clinicamente significative” nella depressione e nella solitudine nel corso dello studio. I loro tassi di entrambe le misure sono diminuiti drasticamente, mentre quelli del gruppo di controllo, che non avevano modificato il loro comportamento, non hanno visto miglioramenti.

Questo non è il primo studio a trovare un collegamento tra l’uso dei social media, da un lato, e la depressione e la solitudine, dall’altro, ma nonostante studi precedenti hanno mostrato che esiste una correlazione, molti ricercatori hanno sostenuto che tale correlazione è in realtà una “connessione causale”.

È possibile e anche probabile che persone sole e depresse usino siti come Facebook più perché cercano connessioni sociali, afferma Hunt. Il nuovo studio suggerisce che Facebook, Instagram e Snapchat non sono solo popolari con i solitari e depressi, stanno anche rendendo le persone più sole e più depresse.

Perché i social media fanno sì che così tante persone si sentano male?

Lo studio non ha analizzato questo aspetto, ma Hunt offre due spiegazioni possibili: la prima è “il confronto sociale verso il basso”. Gli amici stanno deliberatamente creando uno spettacolo per rendere le loro vite apparentemente meravigliose, il risultato: “è più probabile che la tua vita faccia schifo a confronto”, dice Hunt. La seconda ragione: paura di perdere.

I siti di social media sono diventati così parte integrante del mondo moderno che molte persone semplicemente non riescono a tagliarli del tutto fuori dalla propria vita, afferma Hunt; questo è il motivo per cui lo studio si è concentrato solo sulla riduzione dell’uso. È un fatto significativo che limitare l’uso a dieci minuti per sito al giorno abbia aiutato così tanto chi soffre di depressione. Non devi rinunciare del tutto ai social per stare meglio.

depressione e social media lo studio

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!