Tumblr vieta i contenuti per adulti sulla sua piattaforma dal 17 dicembre in una mossa che sradicherà le comunità legate al porno sulla piattaforma e altererà fondamentalmente il modo in cui viene utilizzato il servizio.

Tumblr vieta contenuti per adulti

Tumblr vieta i contenuti per adulti: dal 17 dicembre saranno privati e non più accessibili

Tumblr vieta tutti i contenuti per adulti: come funziona

Il divieto include contenuti sessuali espliciti e nudità con poche eccezioni, come afferma il Social. L’annuncio della nuova politica arriva appena pochi giorni dopo che Tumblr è stato rimosso dall’App Store di Apple per un episodio di pornografia infantile, ma si estende ben oltre la questione specifica. “I contenuti per adulti non saranno più consentiti qui”, ha dichiarato l’azienda in un post sul blog.

I contenuti vietati includono foto, video e GIF di genitali umani, capezzoli di donne e tutti i media che riguardano atti sessuali, comprese le illustrazioni. Le eccezioni includono le statue classiche nude e le proteste politiche che presentano nudità.

Le nuove linee guida escludono il testo, quindi l’erotismo rimane permesso. Le illustrazioni e l’arte che presentano nudità sono ancora accettabili, purché non siano raffigurati atti sessuali, così come l’allattamento al seno e le foto post-parto.

Come Tumblr punirà i trasgressori al divieto di pubblicare contenuti per adulti

Dopo il 17 dicembre, eventuali post espliciti per adulti verranno contrassegnati e cancellati da algoritmi. Per ora, Tumblr sta inviando un’email agli utenti che hanno pubblicato contenuti per adulti contrassegnati da algoritmi avvisandoli che il loro contenuto sarà presto nascosto dalla vista degli utenti. I post con contenuti pornografici saranno impostati come privati, il che impedirà loro di essere aggiunti o condivisi altrove nella community di Tumblr.

Gli utenti hanno la possibilità di contestare la decisione di Tumblr in situazioni in cui pensano che ci sia stato un errore e la piattaforma ammette che c’è la possibilità che gli strumenti automatici che sta usando possano commettere errori.

È un processo che potrebbe richiedere un po’ di tempo, poiché la maggior parte dei post di Tumblr presenta contenuti espliciti. Gli utenti che gestiscono blog per adulti possono anche esportare i loro contenuti prima che il cambiamento avvenga al fine di salvare ciò che hanno.

I blog porno saranno autorizzati a rimanere sul servizio, ma saranno pesantemente censurati per tutti i visitatori. Tutte le specifiche si trovano nelle FAQ del servizio.

Perché Tumblr ha deciso di vietare i contenuti per adulti

Poiché Tumblr è stato fondato nel 2007, ha in gran parte chiuso un occhio sui contenuti per adulti.

L’azienda ha cercato di proteggerli dalla visualizzazione pubblica tramite il Safe Mode e filtri di ricerca più rigorosi, ma negli ultimi mesi e durante la proprietà dell’unità Oath di Verizon ha iniziato a iniziato a valutare la rimozione dei contenuti in modo più aggressivo. “Abbiamo pensato seriamente a chi vogliamo sia la nostra comunità”, ha affermato il CEO Jeff D’Onofrio in un post sul blog. “Ci siamo resi conto che per continuare a soddisfare la nostra promessa e il nostro posto nella cultura, soprattutto nel suo evolversi, dobbiamo cambiare”. D’Onofrio afferma che Tumblr ha valutato a fondo i pro e i contro prima di prendere una decisione. Inoltre, ha deciso di non rimuovere account espliciti perché voleva offrire a questi account la possibilità di pubblicare contenuti appropriati.

Sotto Oath, Tumblr ha ripulito la sua piattaforma più rapidamente di quanto avesse fatto negli anni precedenti. Ad agosto, Tumblr ha annunciato nuove linee guida della community per vietare le vendette a sfondo pornografico, l’incitamento all’odio e i post che glorificavano le sparatorie a scuola.

Per gli utenti che piangono la perdita di contenuti per adulti su Tumblr, D’Onofrio afferma di avere molte altre soluzioni: “non c’è carenza di siti su internet che presentano contenuti per adulti. Lo lasceremo a loro e concentreremo i nostri sforzi per creare un ambiente più accogliente possibile per la nostra comunità”, ha affermato.

 

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!