Gli account dei vip su twitter – quelli con più di 10 milioni di followers – si comportano spesso come bot. Lo dimostra una ricerca recente condotta dall’Università di Cambridge che ha studiato i dati di Twitter per identificare i bot, studiarne il comportamento e capire quale impatto hanno sull’attività del social network.

I ricercatori hanno diviso gli account in due categorie, a seconda del numero di follower che avevano. Hanno rilevato che i profili con più di 10 milioni di follower tendono a ritwittare in modo simile a quello dei bot. Le attività dei profili meno seguiti sono più simili ai comportamenti umani.

I risultati di questa ricerca saranno presentati alla conferenza internazionale IEEE/ACM International Conference on Advances in Social Networks Analysis and Mining (ASONAM) a Sydney, Australia.

Bot: maligni o benigni?

I bot, come le persone, possono essere maliziosi. maleducati oppure rispettosi ed educati. Il termine bot è spesso associato allo spam, a contenuti offensivi o di parte. In realtà molte grandi organizzazioni utilizzano i bot per veicolare i loro contenuti. Ad esempio, la BCC o la CNN che producono centinaia di contenuti e news tutti i giorni, si affidano a strumenti di condivisione automatica per pubblicare nel modo più efficiente. Questi account, che gli utilizzatori riconoscono come affidabili fonti di informazione, si comportano effettivamente come i bot.

“Un utente Twitter “umano” può comportarsi come uno spammer o un troll, così come un bot può essere benigno e veicolare informazioni verificate e utili” spiega Zafar Galani, studente PhD a Cambridge che ha partecipato alla ricerca, “è interessante capire come individuare gli account automatizzati e studiare gli effetti che il loro comportamento ha sulla community”.

Si stima che sul totale degli account Twitter, i bot siano tantissimi, tra il 40 e il 60%. Alcuni hanno decine di milioni di follower, anche se la maggior parte ne ha meno di un migliaio. I numeri sono simili a quelli dei profili “umani”.

La ricerca

Per individuare i profili automatici, i ricercatori hanno usato lo strumento online BotOrNot (poi rinominato BotOMeter), che però si è rivelato essere inaccurato. Quindi lo saff di ricerca ha deciso di passare a un approccio manuale, visitando i profili e determinando se erano bot o no.

Per classificare i profili, gli studenti hanno tenuto conto di diversi parametri: la data di creazione dell’account, la frequenza dei tweet, i contenuti postati, la descrizione presente sul profilo, le risposte ad altri tweet, i like messi e le interazioni con gli amici. Sono stati analizzati 3.535 account: 1.525 sono stati classificati come bot e 2.010 come umani. Dopodiché hanno realizzato un algoritmo che si è rivelato accurato nell’86% dei casi e che utilizza 21 parametri diversi.

Cosa differenzia il comportamento dei bot da quello umano?

I bot twittano più degli umani, ritwittano più spesso e frequentemente indirizzano gli utenti a visitare un link esterno. Fanno eccezione gli account con più di 10 milioni di follower, dove le differenze si affievoliscono e il comportamento risulta essere simile, sia per volume di tweet che di retweet.

“Probabilmente perché non riescono a creare contenuti originali e quindi preferiscono ritwittare I contenuti degli altri” ha detto Galani.

Inoltre i bot, sebbene stiano diventando sempre più sofisticati, non riescono a sostenere conversazioni strutturate e mettono molti meno “mi piace”.

A livello di engagement, però, sono gli umani a registrare i risultati più positivi. In media i loro tweet registrano 19 volte più like e 10 volte più retweet.

“Molte persone pensano che i bot siano il male, ma non è vero. Esattamente come le persone, possono essere educati o maleducati. Ora vogliamo studiare come la loro attività influenzi la community, quale sia il loro costo sociale, come modificano le relazioni e le conversazioni online? Quello che sappiamo per certo, è che non scompariranno” conclude Galani.

bot twitter

Twitter: gli account dei vip si comportano come bot ultima modifica: 2017-08-04T08:00:43+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!