Ogni anno Mark Zuckerberg si pone una sfida personale, per il 2018 è sistemare Facebook, correggere gli errori, fare il mondo che il tempo passato su Facebook sia ben speso. Negli scorsi anni aveva scelto di correre per almeno 1 miglio al giorno, imparare il Cinese, realizzare un’intelligenza artificiale per la sua casa, leggere 25 libri.

Le sfide personali di Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg sfida personale 2018

Mark Zuckerberg: cosa significa la sua sfida personale 2018 nel suo post integrale

Insomma sfide personali che potessero essere di ispirazione anche per gli altri, per dimostrare a se stesso e a tutti che se si decide di ottenere qualcosa impegnandosi si può farlo anche in tempi brevi, in un anno.

Mark Zuckerberg: la sfida personale del 2018 è il suo Facebook

Soprattutto negli ultimi anni le sfide personali fissati da Mark Zuckerberg sono state molto “politiche”, rivolte all’esterno, come quando ha deciso di visitare in un anno ogni singolo stato degli USA.
Tanto che si era vociferato che questa sua attività fosse una sorta di viaggio elettorale, un primo passo per raccogliere consensi in giro per il paese per poi candidarsi come presidente degli Stati Uniti.

Sistemare Facebook è l’obiettivo personale di Zuckerberg per il 2018

Con la sfida personale del 2018 Mark Zuckerberg torna a concentrarsi sulla sua azienda, su Facebook, quasi a dire al mondo la mia vita è qui, in questo social network.

Sfida alle fake news, all’odio online alle interferenze degli Stati

Evidentemente Mark Zuckerberg è rimasto scosso dai vari problemi e dalle diverse polemiche suscitate da Facebook e da come il social funziona.
Già qualche mese aveva chiesto scusa per gli errori commessi da Facebook, per le cose che ancora non funzionavano a dovere.

“Il mondo si sente ansioso e diviso, e Facebook ha molto lavoro da fare – se proteggere la nostra comunità da abusi e odio, difendersi dalle interferenze degli stati nazionali, o fare in modo che il tempo trascorso su Facebook sia tempo ben speso” Zuckerberg ha scritto in un post su Facebook. “La mia sfida personale per il 2018 è concentrarsi sulla risoluzione di questi importanti problemi”.

La sfida personale di Mark Zuckerberg per il 2018: post integrale

Ogni anno prendo una sfida personale per imparare qualcosa di nuovo. Ho visitato tutti gli Stati Uniti, ho fatto 365 km, ho costruito una Intelligenza artificiale per casa mia, ho letto 25 libri, e ho imparato il mandarino.

Ho iniziato a fare queste sfide nel 2009.

Che il primo anno l’economia era in una profonda recessione e Facebook non era ancora redditizio. Avevamo bisogno di fare sul serio per assicurarsi che Facebook avesse un modello di business sostenibile.

È stato un anno duro e ho indossato una cravatta ogni giorno come promemoria.

 Oggi è un po’ come il primo anno. Il mondo si sente ansioso e diviso, e Facebook ha molto lavoro da fare — deve chiedersi se sta proteggendo la nostra comunità da abusi e odio, difendendola dalle interferenze da parte degli stati nazionali, o se sta facendo in modo che il tempo trascorso su Facebook sia ben speso.



La mia sfida personale per il 2018 è di concentrarsi sulla sistemazione di questi importanti temi. Non si risolveranno  tutti gli errori o gli abusi, ma attualmente ci sono troppi errori nel far rispettare le nostre normative e nell’impedire  l’uso improprio dei nostri strumenti.
Se il mio impegno personale avrà successo quest’anno, alla fine del 2018 saremo su una traiettoria decisamente migliore.



Potrebbe non sembrare una sfida personale in senso stretto, ma penso che avrò molto da imparare a livello personale concentrandosi su questi problemi di quanto non potrei facendo qualcosa di completamente separato.

Questi temi toccano questioni di storia, educazione civica, filosofia politica, media, governo e, naturalmente, tecnologia. Non vedo l’ora di riunire gruppi di esperti per discutere e aiutarli a lavorare su questi argoment.

 Ad esempio, una delle domande più interessanti in questo momento è la centralizzazione e il decentramento.

Molti di noi si sono uniti alla tecnologia perché crediamo che possa essere una forza di decentramento che mette più potere nelle mani delle persone. (le prime quattro parole della missione di Facebook sono sempre state “dare alle persone il potere”.) negli anni 1990 2000, la maggior parte delle persone credeva che la tecnologia sarebbe stata una forza di decentramento.



Ma oggi, molte persone hanno perso la fiducia in questa promessa. Con l’ascesa di un piccolo numero di grandi imprese tecnologiche – e i governi che utilizzano la tecnologia per sorvegliare i propri cittadini – molti credono che la tecnologia sia solo un potere centrale, piuttosto che decentralizzato.



Ci sono importanti indicatori — come crittografia e criptovaluta — che prendono il potere dai sistemi centralizzati e lo mettono nelle mani della gente. Ma hanno il rischio di essere più difficili da controllare. Mi interessa approfondire e studiare gli aspetti positivi e negativi di queste tecnologie e il modo migliore per utilizzarle nei nostri servizi.



Questo sarà un anno serio di auto miglioramento e non vedo l’ora di imparare lavorando insieme per risolvere i nostri problemi.

Zuckerberg: cosa significa la sua sfida personale 2018, il post integrale ultima modifica: 2018-01-06T06:38:51+00:00 da Francesco Marino
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!