Circa 60 milioni di utenti di utenti abbandonano Twitter ogni mese. Parlando a una conferenza degli investitori a metà novembre, il CFO Ned Segal ha rilevato che 2 milioni di utenti riattivano i conti inattivi (più di 30 giorni dopo la loro ultima attività) o creano un nuovo account ogni giorno.

Gli utenti abbandonano Twitter

Segal ha notato che un terzo dei 2 milioni di account sono utenti completamente nuovi e ciò equivale a circa 243 milioni di utenti completamente nuovi nel corso dell’anno. L’anno scorso, l’ex direttore finanziario e attuale direttore operativo Anthony Noto aveva dichiarato che Twitter disponeva di 700 milioni di utenti attivi su base annuale, quindi circa il 35% di quegli utenti era realmente nuovo su Twitter. Con una modesta crescita degli utenti nell’ultimo anno, l’azienda, dunque, conserva solo circa due terzi dei suoi utenti in un dato anno.

Quest’aspetto, assente nel discorso di Noto dell’anno scorso, mette in luce quanto sia grave il problema della mancata fidelizzazione degli utenti di Twitter.

Perché gli utenti abbandonano Twitter

La scarsa fidelizzazione degli utenti è senza dubbio uno dei principali motivi di mancata crescita complessiva degli utenti di Twitter. Nell’ultimo anno, la piattaforma ha aumentato gli utenti attivi mensili del 4%; in confronto, Facebook (NASDAQ: FB) ha riscontrato una crescita degli utenti del 16% e il numero di utenti di Instagram è aumentato di oltre il 33%.

Ma fattore ancora più importante della crescita degli utenti è la scarsa capacità di Twitter di monetizzare i propri utenti e la scarsa fidelizzazione degli utenti rende il compito molto più impegnativo.

Twitter ha due fonti di entrate primarie: la pubblicità e il licensing dei dati. Entrambi i business richiedono database approfonditi per massimizzare le entrate e un numero maggiore di dati sugli utenti migliora il targeting degli annunci e consente ai licenziatari di dati di ottenere più valore dai set di dati di Twitter.

Se gli utenti abbandonano Twitter scendono gli incassi del social

Tuttavia, con 60 milioni di utenti mensili di Twitter che forniscono dati utente minimi o inesistenti, questi utenti presentano un valore limitato rispetto alla base di utenti chiave di Twitter. L’impatto del fenomeno è visibile nella più grande lamentela degli inserzionisti pubblicitari su Twitter: il ritorno sull’investimento non è all’altezza di quello di concorrenti come Facebook.

Le entrate pubblicitarie di Twitter sono diminuite per quattro trimestri consecutivi, dopo la decisione di de-enfatizzare alcuni prodotti pubblicitari all’inizio dell’anno. Il settore stava già manifestando segnali negativi prima della decisione e non è chiaro quando le entrato di Twitter in merito possano nuovamente iniziare a crescere.

Twitter vuole risolvere il problema.

Innanzitutto Twitter sta investendo per migliorare il proprio prodotto a beneficio degli utenti. Segal sottolinea che ha migliorato l’esperienza di disconnessione, reso più semplice il processo di onboarding, ordinato la timeline in modo algoritmico, anziché cronologico, aggiunto una nuova scheda “esplora” per scoprire nuovi contenuti e raddoppiato il numero di caratteri disponibili per i tweet. La maggior parte di questi cambiamenti, però, è avvenuta più di un anno fa e Twitter sta ancora affrontando lo stesso problema di retention degli utenti che ha avuto l’anno scorso.

Gli sforzi di Twitter relativi ai video potrebbero aiutare ad attrarre più utenti verso la piattaforma; la società sta investendo molto in nuovi video e Noto afferma che il suo obiettivo è offrire streaming video in diretta 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ma mentre i video, specialmente quelli di alto profilo, possono attrarre utenti sulla piattaforma, non necessariamente aiutano la piattaforma a mantenere gli utenti sul social

Le novità Twitter per utenti e inserzionisti

In secondo luogo Twitter sta lavorando per migliorare i prodotti pubblicitari. Recentemente ha introdotto un servizio di abbonamento per piccoli inserzionisti, in cui Twitter eseguirà e ottimizzerà le campagne pubblicitarie per loro. L’obiettivo è mostrare un ROI migliore per gli inserzionisti, una delle maggiori sfide in favore dei marketer sulla piattaforma. Allo stesso modo, Twitter sta espandendo i suoi prodotti di licensing dei dati per attrarre le piccole imprese.

Questi investimenti però costano e Twitter ha esaurito le possibilità di tagliare i costi. Se i nuovi prodotti di Twitter non riusciranno a migliorare la fidelizzazione degli utenti o il ritorno sull’investimento per gli inserzionisti, Twitter non sarà probabilmente una società redditizia per molto tempo. Il management prevede di realizzare un profitto nel quarto trimestre, ma le entrate sono stagionalmente forti in quel trimestre e la situazione economica potrebbe facilmente tornare al segno rosso di nuovo nel 2018.

gli utenti abbandonano Twitter

Un terzo degli utenti abbandonano Twitter ogni anno ultima modifica: 2017-12-05T16:17:39+00:00 da Web Digitalic
Anti-Hacker IQ Test

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!