Kim DotCom è tornato, con il servizio cloud “Mega”. Lo slogan recita “Bigger. Better. Faster. Stronger. Safer”. La comunità web  si  trova a disposizione l’ennesimo servizio cloud ? Sembrerebbe proprio di no! Infatti, se il buongiorno si vede dal mattino , “Mega”, il successore di MegaUpload, si presenta con 250.000 utenti registrati in poche ore.  “Centomila utilizzatori in meno di due ore, 250.000 iscritti, server al massimo della loro capacità, wow!!”, ha commentato euforico Dotcom sul suo account Twitter

Ma facciamo un passo indietro, chi è Dotcom? È il fondatore di Megaupload.com e gli Stati Uniti è stato accusato di violazione dei diritti d’autore.  A questo punto  viene spontaneo dare uno sguardo ravvicinato al nuovo servizio di “Mega”: L’iscrizione è gratuita e veloce,  il vostro nome, la @mail  e la password ed è fatta, la dashboard che si presenta è semplice ed è possibile gestire cartelle, file e contatti, il servizio per ora è lento ,ma visti i numeri di accessi credo vada data una seconda possibilità (fra qualche giorno) per testare la reale “velocità del servizio. Subito si viene colpiti dal piano gratuito offerto , 50 GB di archiviazione,  non male rispetto alla concorrenza che ne offre al massimo 7. 

Inoltre sono previsti vari piani in abbonamento mensile

  • Pro I      500 GB  a 9.99  euro al mese
  • Pro II    2TB a 19.99 euro al mese
  • Pro III  4TB a 29.99 euro al mese

…ma la domanda che vi state sicuramente ponendo è  “ma cosa offre di diverso rispetto ad altri servizi come Dropbox o Google Drive? “

Beh, attualmente nulla, eccetto i 50GB di spazio gratuiti appunto.

E allora dov’è il trucco?

Kim Dotcom ed il resto della mega-gang hanno davvero messo la testa a posto e deciso di passare dalla parte dei buoni ?  “Scavando” nel servizio ci sono vari indizi sui possibili sviluppi di “Mega” :

Si legge all’interno del sito web ufficiale: “Il cloud di MEGA è solo l’inizio.

  • In futuro, MEGA fornirà, direttamente nel tuo browser, una vasta gamma di applicazioni senza la necessità di installare nulla. La nostra tecnologia protegge le e-mail, le chiamate, le chat ed i flussi video.”
  • “Il sito è realizzato in Nuova Zelanda” ci tengono a precisare e campeggia su molte pagine.
  • Un altro fattore da non sottovalutare è la crittografia del sito, che sarebbe la nuova arma vincente di Mega. Grazie alla crittografia, il servizio non ha accesso al contenuto caricato dagli utenti e ciò aiuterebbe il servizio ad evitare tutti i grandi problemi avuti lo scorso anno da MegaUpload.
  • “La Vostra Privacy è al sicuro”, dichiarano Dotcom e soci  appellandosi alla dichiarazione universale dei diritti Umani :

 

Nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, famiglia, casa o nella sua corrispondenza. Ogni individuo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze.
Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, Articolo 12

È questa la sfida globale che Kim Dotcom sta lanciando?

Con la crittografia e tutto lo spazio di storage free è davvero difficile non prendere in considerazione “Mega” di Kim Dotcom. E’ possibile inoltre ipotizzare che potrebbe realmente competere con i colossi del settore come Dropbox, Drive, Box, ecc. 

Diciamo che questo è solamente il primo passo. Vedremo come Dotcom e il suo  “MEGA” saprà evolversi in futuro.

Twitter: @IlTestardoBlog

“Mega”, il ritorno (legale) di Kim DotCom ultima modifica: 2013-01-21T11:06:46+00:00 da Francesco Marino
Cloud Aruba GDPR

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!