4 strumenti di cui un Digital Entrepreneur non può fare a meno

Un Digital Entrepreneur deve essere presente online, in un’ottica di personal branding. Ecco gli strumenti che lo aiutano a gestire visibilità e attività.

#ARUBAIT, la rubrica realizzata in collaborazione con Aruba.it sui trend più interessanti del mondo della tecnologia e del web: Digital Entrepreneur.

di Emanuela Zaccone

L’imprenditore – o Digital Entrepreneur – è il primo “prodotto” di una startup. Il suo profilo, il suo network, le esperienze precedenti e la capacità di comunicare quanto sta realizzando sono elementi fondamentali nella costruzione di un personal branding che diventa anche promozione e carta da visita della realtà imprenditoriale creata.
Se la presenza sui social media costituisce un elemento fondamentale della propria presenza online, è vero anche che si tratta di strumenti la cui variabilità non è controllata da chi li usa: sono piattaforme in costante cambiamento, rispetto alle quali si può solo adattare la propria strategia.
In altre parole è fondamentale per il Digital Entrepreneur avere a disposizione e creare anche un proprio spazio online, dotandosi di una “cassetta degli attrezzi” che gli consentano di dare visibilità e gestire in tempi rapidi le proprie attività.

Quali sono gli strumenti di cui il Digital Entrepreneur non può fare a meno?

1. Dominio proprietario e personalizzato: a differenza dei social media – ricchi di contenuti in rapida obsolescenza e di “rumore” proveniente dalle molteplici voci degli utenti che costituiscono le nostre reti – il sito web è il luogo della “stabilità”, quello in cui organizzare e valorizzare i contenuti ritenuti più importanti per la propria strategia.
In molti casi si tratta anche del punto di accesso per chi cerca di entrare in contatto con il Digital Entrepreneur, quindi è fondamentale includere sempre i riferimenti email. Disporre d un dominio proprietario significa infatti avere anche la possibilità di creare delle email da usare per diversi scopi: ad esempio info@nomedelsito.com per richiedere informazioni, me@nomedelsito.com per le risposte personali etc.
Si tratta di un elemento da non trascurare: vi suona più professionale scrivere a me@nomedelsito.com oppure a tizio82@dominiogratuito.com?
Ricordate: meritate la fiducia e l’affidabilità che siete in grado di comunicare.

2. CMS preinstallati: un CMS (Content Management System) è una piattaforma software che consente ad un utente di modificare in modo semplice dei contenuti Web, pur senza disporre di competenze specifiche in quest’ambito a livello tecnico. Il caso più celebre è quello di WordPress, nato nel 2003 e oggi ampiamente adottato sia come soluzione CMS che come piattaforma di self-publishing, ad esempio per la creazione di blog. La potenza di WordPress – e una delle ragioni del suo straordinario successo – risiede tra l’altro nella possibilità di estenderne caratteristiche e funzionalità grazie all’installazione di plugin. Qualunque sia la vostra esigenza nel 99,9% dei casi troverete un plugin che fa al caso vostro. Non solo, ma c’è anche un’ampia scelta di temi – gratuiti e pagamento – da poter usare nella costruzione del proprio sito con pochi click e grazie alla possibilità di sfruttare anche editor visuali.

3. PEC e firma digitale: come imprenditori (digitali e non solo) una delle attività che potrebbero bruciare quella risorsa scarsa che è il tempo è rappresentato dal doversi recare personalmente presso vari uffici per espletare soprattutto attività burocratiche. Fortunatamente la normativa italiana consente di utilizzare strumenti come la PEC e la firma digitale che grazie alla certificazione della nostra identità sono validi ai fini di legge.

4. Dematerializzazione: in un contesto sempre più dinamico il numero di aziende che si organizzano per lavorare da remoto e che necessitano dunque di avere accesso costante e condiviso ai documenti è in continua crescita. Poter disporre di provider affidabili e certificati per la conservazione di documenti e atti in formato digitale è dunque fondamentale. Nel nostro Paese è l’AgID (Agenda per l’Italia Digitale) a certificare i cosiddetti “conservatori accreditati”, cioè i soggetti che rispondono ai requisiti di affidabilità necessari per garantire la sicurezza dei dati conservati.
L’azienda paper less è dunque solo a pochi click di distanza.

La parola chiave per l’efficienza di processi e attività è allora “semplificazione”, che si traduce (anche) in una maggiore disponibilità di tempo da dedicare alle attività di business e in una migliore organizzazione degli strumenti imprescindibili per ogni Digital Entrepreneur.

E voi che “cassetta degli attrezzi” usate? Come ottimizzate i processi della vostra azienda grazie al digitale?


4 strumenti di cui un Digital Entrepreneur non può fare a meno - Ultima modifica: 2017-02-13T13:58:27+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Smart Working

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!