Chrome 73 per desktop in rilascio con il supporto per la modalità scura del Mac

L’ultima versione di Google Chrome è adesso disponibile per Mac, Windows e Linux

Sui desktop, Chrome 73 introduce una serie di modifiche relative alla sincronizzazione e all’accesso all’account, oltre al supporto per gli sviluppatori e i tasti multimediali hardware. Tuttavia, l’aggiunta più significativa rivolta all’utente medio è la modalità scura per macOS.
La modalità scura di Chrome rispetta l’impostazione dell’aspetto in macOS Mojave e l’opzione per Windows 10 “Colors” si adatta a tale stile.

Impostazioni, segnalibri e altre sezioni rimangono bianche, mentre la pagina Nuova Scheda presenta un problema per cui il testo di scelta rapida è appena visibile.

Chrome 73: modalità scura per Mac

Nel complesso, la modalità, nell’estetica è identica al tema per la navigazione in incognito, con la modalità di navigazione privata che adotta un badge nell’angolo in alto a destra per distinguersi. Poiché la modalità Dark è finalizzata a conformarsi alle funzionalità a livello di sistema operativo, gli utenti devono visitare le Preferenze di Sistema su Mac per cambiare la visualizzazione. Fortunatamente, la transizione del tema avviene immediatamente e senza interruzioni. Al momento, con Chrome 73, la funzione è disponibile solo per macOS, ma dovrebbe essere disponibile su Windows a breve.

Chrome 73: nuova sezioni e funzionalità

Chrome 73 continua la spinta verso la semplificazione delle impostazioni aggiungendo una nuova sezione “Sincronizzazione e Servizi Google” che riunisce tutte le opzioni relative ai dati raccolti da Google nel browser. Molte delle impostazioni erano precedentemente in “Privacy”.
Quando Chrome Sync è abilitato effettuando l’accesso con l’account Google, è disponibile una nuova funzionalità per il “controllo ortografico avanzato e per report più estesi relativi alla sicurezza nella navigazione; c’è anche una nuova opzione che consente a Chrome di raccogliere URL anonimi. Queste nuove opzioni e la riorganizzazione delle impostazioni non sono ancora completamente disponibili e sono ancora in fase di rilascio.

Chrome ora supporta i tasti multimediali hardware per riprodurre/mettere in pausa il contenuto sui servizi supportati. I comandi di traccia successiva/precedente richiedono che i servizi e gli sviluppatori di terze parti sfruttino l’API di Media Sessions. l
La versione 73 inizia a testare l’Auto Picture-in-Picture per Web App progressive. Gli stream video saranno in grado di entrare e uscire automaticamente da PiP mentre si passa a diverse app e schede. Questa funzione è particolarmente utile per le videoconferenze.

Chrome 73 per desktop è ora disponibile e la versione per Android e Chrome OS è in arrivo nelle prossime settimane.


Chrome 73 per desktop in rilascio con il supporto per la modalità scura del Mac - Ultima modifica: 2019-03-14T12:37:03+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente