Netflix aumenta i prezzi: probabile rincaro degli abbonamenti entro il 2020

I possibili scenari indicherebbero come scopo un incremento dei ricavi compreso tra 500 milioni e un miliardo di dollari nell’anno fiscale 2021

Netflix aumenta i prezzi. Non una notizia ufficiale ma un rumors giunto dall’analista specializzato di Jefferies Alex Giaimo, secondo cui un aumento del costo degli abbonamenti è probabile nei prossimi mesi sia in Nord America che in Europa. Netflix, che conta 4 milioni di abbonati in Italia, non ha ancora deciso nulla in tal senso, sebbene qualche indizio potrebbe arrivare già il 20 ottobre, quanto la piattaforma del Ceo Reed Hastings annuncerà i risultati del terzo trimestre. In ogni caso nessun spauracchio. Si tratterebbe eventualmente di un aumento di 1 o 2 euro per fascia di abbonamento.

Gli attuali prezzi degli abbonamenti a Netflix

Il costo di Netflix è attualmente differenziato in 3 tipi di abbonamento:

  • abbonamento base Netflix 2020 a 7,99 euro al mese. Offre la possibilità di vedere i contenuti in definizione normale (quindi non è previsto HD) e su un unico dispositivo alla volta.
  • abbonamento standard Netflix 2020 a 11,99 euro al mese. Offre la possibilità di vedere i contenuti FullHD su due dispositivi contemporaneamente (quindi si potrà vedere un film sulla tv di casa mentre i figli guardano contemporaneamente la loro serie televisiva preferita)
  • abbonamento premium Netflix 2020 a 15,99 euro al mese. Permette di vedere contenuti streaming in ultraHD su ben 4 dispositivi contamporaneamente (ideale per chi ha una famiglia molto numerosa o per chi divide la propria abitazione con altre persone).

Film gratis su Netflix: lanciata una sezione fruibile senza abbonamento

Ricordiamo che i primi 30 giorni si pagano solamente 99 centesimi. Gli ultimi rincari risalgono a giugno 2019, quando la piattaforma aveva incrementato di 1 euro il costo del piano Standard e di 2 euro quello del Premium.

Netflix aumenta i prezzi, i probabili motivi

Netflix aumenta i prezzi

Un simile rincaro in Europa e Nord America, sempre secondo l’analista Giaimo, potrebbe tradursi per Netflix in un incremento dei ricavi compreso tra 500 milioni e un miliardo di dollari nell’anno fiscale 2021.  Inoltre c’è da fronteggiare la nuova concorrenza di Disney+, Apple TV+, Amazon Prime Video e, negli Usa, anche HBO Max.

Per Netflix, che come noto non ospita pubblicità di aziende terze, tale soluzione potrebbe quindi rappresentare il modo più semplice ed efficace per rimpinguare le proprie casse dall’alto dei suoi 193 milioni di abbonati (26 milioni dei quali ottenuti durante l’emergenza sanitaria). Attualmente Disney+ costa 6,99 euro al mese (o 69,99 euro all’anno), mentre Apple TV+ 4,99 euro al mese. Amazon Prime Video, incluso nel servizio di consegna rapida Amazon Prime, invece, solo 36 euro all’anno. Se Netflix aumenta i prezzi si collocherebbe su una fascia di prezzo più alta rispetto ai suoi competitor.

 


Netflix aumenta i prezzi: probabile rincaro degli abbonamenti entro il 2020 - Ultima modifica: 2020-10-06T09:30:41+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Packaging Premiere

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!