Pubblicità su YouTube: cambiano le regole, inserzioni senza pagamenti

La piattaforma video potrà inserire spot pubblicitari anche su piccoli canali fuori dal Programma Partner senza condividere i proventi con l’autore

La pubblicità su YouTube verrà inserita con spot anche nei piccoli canali. Ovvero su quegli account privati i quali non fanno parte del Programma Partner. Ma senza condividere i guadagni con chi ha caricato un video. I proventi saranno tutti della piattaforma di condivisione video di Google.  La notizia ha già fatto storcere il naso a molti utenti, perché il colosso guadagnerà da questi annunci. Ed i piccoli creator non sono abbastanza grandi per essere iscritti al Programma Partner di YouTube, di conseguenza non possono monetizzare i loro video.

All’interno della nota che accompagna questi cambiamenti si può infatti leggere “le pubblicità adesso possono comparire in video che non fanno parte dello YouTube Partner Program e inizieremo progressivamente a inserire pubblicità in video sicuri per i marchi”.

In passato solo i video che venivano scelti appositamente dagli autori potevano mostrare pubblicità su YouTube, adesso invece l’azienda potrà inserire spot pubblicitari a propria discrezione, sia che il video sia stato caricato da una persona che faccia parte del programma YouTube Partner o meno. Questo non solo comporta un aumento di pubblicità sulla piattaforma, ma scavalca anche l’eventuale decisione di chi crea il contenuto e che magari preferisce sfruttare altri metodi di monetizzazione, lasciando i video privi di pubblicità.

YouTube aggiorna le normative

Ricordiamo che per diventare un membro del Programma Partner di YouTube, un creator deve vivere in un paese in cui è disponibile il Programma partner. Inoltre, il canale deve avere almeno 4.000 ore di visualizzazione pubblica negli ultimi 12 mesi e deve avere più di 1.000 iscritti. YouTube comunque tiene a precisare che pubblicherà annunci solo sui video che seguono le sue linee guida. Quindi sono esclusi tutti i contenuti che contengono un linguaggio inappropriato, violenza, contenuti sessuali, correlati alla droga o armi da fuoco.

Al momento la modifica dei termini di servizio nella pubblicità su YouTube non riguarda i Paesi di fuori degli Stati Uniti, ma l’azienda fornirà ulteriori informazioni su quando le nuove regole entreranno in vigore per tutti. Si presume dal 2021.

 


Pubblicità su YouTube: cambiano le regole, inserzioni senza pagamenti - Ultima modifica: 2020-11-26T10:25:37+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Cyber Security

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!