Intelligenza artificiale per il Business: Digitalic n. 90

Bisogna pensare all’intelligenza artificiale come ad un esoscheletro per il lavoro cognitivo, qualcosa che si aggiunge all’uomo e ne potenzia le capacità

L’intelligenza artificiale avrà (anzi sta già avendo) un forte impatto su ogni settore: dall’industria alla sanità. Per crescere ancora il mondo ha bisogno dell’AI, è abbastanza semplice.
Avere più servizi, mantenendo costi ragionevoli, implica un maggiore utilizzo dell’automazione, che non è più solo una questione d’attualità per le industrie.

Digitalic n. 90 Intelligenza artificiale

L’intelligenza Artificiale al posto del lavoro intellettuale

Il lavoro fisico viene sostituito da robot; quello intellettuale sarà sostituito dall’AI e dal software. L’intelligenza artificiale è come un robot per la mente, può fare più velocemente e meglio alcune delle attività intellettuali dell’uomo, non tutte.
Bisogna pensare all’intelligenza artificiale come ad un esoscheletro per il lavoro cognitivo, qualcosa che si aggiunge all’uomo e ne potenzia le capacità. Una calcolatrice è uno strumento per fare i conti più rapidamente e con maggiore precisione di quanto non potremmo mai fare a mente; allo stesso modo, i computer e l’AI sono strumenti per eseguire attività troppo complesse o costose per essere svolte dagli uomini, come l’analisi di grandi quantità di dati.
Vista in questa prospettiva l’AI non è altro che uno strumento come lo sono state le macchine a vapore nella grande rivoluzione industriale. Allo stesso modo l’AI può migliorare il lavoro dell’uomo.
Alcune professioni spariranno? Certo, come sono spariti i venditori di ghiaccio dell’800 o i maniscalchi, poi sono arrivati i venditori di auto e frigoriferi.
Oggi non riusciamo a capire come cambierà il lavoro, così come nel 1800 i nostri trisavoli non potevano immaginare lavori oggi molto diffusi, tipo fare l’influencer… Fare l’esercizio di quanti posti di lavoro l’AI toglierà è un po’ sterile, dato che non sappiamo immaginare come sarà il mondo dell’intelligenza artificiale; è giusto fare questo, interrogarsi.

Il ruolo dell’AI

La tecnologia, in ogni sua forma, è uno strumento e come tale può far del bene o del male, a seconda di come viene usata, ma non è mai neutra.
È una responsabilità condivisa, questa, non appartiene solo al mondo hi-tech; tutti dobbiamo vigilare e partecipare al processo di formazione di una nuova economia e di una nuova socialità in cui l’artificial intelligence avrà un ruolo fondamentale.

 

Digitalic n. 90 Intelligenza artificiale

Digitalic n. 90 Intelligenza artificiale pe ril busienss

P.s. Quella che vedete è una delle copertine tecnicamente più difficili cha abbiamo realizzato, stampata calda con foil bianco pastello su velluto blu


Intelligenza artificiale per il Business: Digitalic n. 90 - Ultima modifica: 2020-01-03T18:26:09+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Packaging Premiere

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!