Il regista Duccio Forzano ha presentato il suo romanzo autobiografico “Come Rocky Balboa”. Volere è potere. Con determinazione, impegno e – soprattutto – tanta passione, si possono raggiungere i propri obiettivi, nonostante gli imprevisti della vita. Ce ne si convince ascoltando le parole di Duccio Forzano, che oggi è un regista affermato. Ha firmato molti dei più importanti programmi televisivi italiani, tra cui “Che tempo che fa” con Fabio Fazio per 15 anni, quattro edizioni del Festival di Sanremo, passando per tutti gli eventi di Claudio Baglioni.

Da qualche mese è uscito il suo romanzo d’esordio: “Come Rocky Balboa”, edizioni Longanesi. L’autore ha raccontato i retroscena del volume (e le storie della sua vita che sono state lo spunto per il racconto) a Limbiate, nell’aula consiliare adiacente alla Biblioteca, in occasione del ciclo di incontri “Il maggio dei libri”. Hanno dialogato con lui la bibliotecaria Michela Borgonovo e Agata Dalò, Assessore con delega all’istruzione e alla biblioteca.

Duccio Forzano Come Rocky Balboa - Limbiate

Duccio Forzano tra con Michela Borgonovo (sinistra) e Agata Dalò, Assessore con delega all’istruzione e alla biblioteca di Limbiate (a destra)

Un romanzo autobiografico quello di Duccio Forzano

Il protagonista del libro si chiama Duccio e in effetti non ci sono dubbi: si tratta di un racconto vero, della storia della sua vita, di come perseveranza e passione possano tradurre i sogni in realtà, anche partendo dalle situazioni più svantaggiate. “Certamente in alcuni punti ho romanzato o esagerato, ma non me la sono sentita di chiamare il mio personaggio con un nome fittizio”. È un libro sincero, come il suo autore, che non si vergogna di raccontare le sua vita, tra gioie e dolori, incidenti e colpi di fortuna.

L’insegnamento di Rocky Balboa per Duccio Forzano

Duccio Forzano ha sempre amato il cinema, fin da bambino. Aveva 11 anni quando, tornando da uno spettacolo, trovò il biglietto di sua madre che lo salutava per sempre. La donna se ne andò di casa lasciandolo con tre fratelli piccoli da curare e con un padre alcolizzato.
Al grande schermo è legato un altro episodio significativo del racconto: era il 1977 quando l’allora diciassettenne Duccio andò al cinema a vedere Rocky. Ne uscì con un grande insegnamento di vita: anche un uomo qualsiasi, se si allena duramente e ci crede davvero, può diventare un campione.

Duccio Forzano Come rocky balboa

Avere un obiettivo

Come Rocky Balboa Romanzo Duccio ForzanoDa bambino era il disegno, il sogno di Duccio Forzano, ciò a cui dedicava ogni momento libero della sua dura giornata. Poi sono arrivati il rock e la batteria: Duccio ha lasciato la Liguria per Milano, per suonare e diventare una rockstar. Arrivato al Nord si è trovato a combattere tutti i giorni per sopravvivere, dedicandosi a mille lavori per sbarcare il lunario: carrozziere, verniciatore, venditore di acqua minerale, di marmi e graniti, posatore di caminetti… anche se era la musica il suo obiettivo. Nonostante le fatiche della vita, in tutto ciò che ha fatto Duccio ha sempre messo la passione. Ha imparato a verniciare i cofani delle auto e ha studiato il modo di vendere più casse d’acqua. Non ha mai rinunciato ai suoi sogni creativi, ma allo stesso tempo ha dedicato il massimo dell’impegno a ogni mestiere, anche quello apparentemente più lontano dalla sua vocazione (il geometra, ad esempio…).

La scoperta della telecamera

A 31 anni, quando credeva di essere “arrivato”, sposato, con una casa e un reddito fisso, Duccio ha messo per la prima volta l’occhio nel mirino della telecamera. È stato un colpo di fulmine. Una rivelazione. Ci ha creduto, con perseveranza, ha bussato alle porte di fotografi di matrimoni, case di produzione, registi esperti. È stato pronto a ricominciare da zero, nel lavoro e negli affetti. Ha avuto l’umiltà di imparare, di vestire i panni dell’assistente, di fare la gavetta. Fino a quando l’incontro con Claudio Baglioni gli è stato trampolino di lancio.

L’entusiasmo contagioso di Duccio Forzano

Chi legge il libro “Come Rocky Balboa” e chi ha la fortuna di incontrare Duccio Forzano, capisce perché è riuscito a sfondare. Comprende il segreto del suo successo. Risulta evidente: è l’entusiasmo. L’energia con cui lavora, la passione che mette in tutte le azioni, anche quelle della quotidianità. La capacità di rialzarsi sempre dopo essere andato al tappeto (proprio come Rocky Balboa) e di affrontare la vita divertendosi.
Convivendo con una storia personale che, probabilmente, è il vero motore dell’energia del personaggio. Perché Duccio ha una domanda nella testa: “Se mia mamma non mi avesse abbandonato, cosa sarei diventato?”.

 

Duccio Forzano

Duccio Forzano presenta “Come Rocky Balboa”, il suo romanzo ultima modifica: 2017-06-12T11:30:51+00:00 da Francesco Marino
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!