Luisa Arienti Amministratore Delegato di Sap Italia racconta i vantaggi che la digital transformation offre alle imprese italiane tra formazione e attenzione ai giovani

*Di Ilaria Galateria

In un mercato che evolve velocemente, il cambiamento spesso è un’occasione di crescita e un’opportunità per le aziende. “Io sono una paladina del cambiamento. – afferma Luisa Arienti Amministratore Delegato di Sap Italia – Indubbiamente comporta dei rischi, non tutti calcolabili, però sta all’intuito dei leader operare le scelte migliori”.

Luisa Arienti, l’intervista

– Anche Sap si è lanciata verso nuove sfide…

Luisa Arienti: Assolutamente. Sap nasce nel 1972 in Germania con l’obiettivo di semplificare e automatizzare i processi amministrativi di un’azienda. Nel 2010 abbiamo deciso di cogliere i segnali che provenivano dai Big Data, dai social media e dal mobile. Abbiamo dunque intrapreso un percorso di trasformazione epocale che ci ha consentito di entrare in nuovi mercati. Ad esempio, in quello della medicina personalizzata dove abbiamo messo a punto soluzioni per tenere sotto controllo i malati cronici o i diabetici, mettendo a disposizione un servizio che facilita loro la vita e che consente anche di abbattere i costi legati alla cura. Ad oggi possiamo affermare che circa il 70% del nostro fatturato proviene proprio da queste nuove aree.

– La digital transformation porterà vantaggi solo alle aziende?

Luisa Arienti: Siamo convinti che i vantaggi saranno anche per gli individui. La digital transformation porterà indubbiamente opportunità alle aziende, ma anche significative facilitazioni alla comunità e al personale delle stesse. La tecnologia è fondamentale per dare un contributo positivo alla vita dei cittadini in termini di sicurezza, mobilità. Un esempio è lo smart working, strumento che innegabilmente migliora e semplifica la qualità della vita dei lavoratori.

I progetti di Luisa Arienti per la Digital Transformation

– Insieme all’Università Bocconi, SAP ha analizzato più di mille imprese manifatturiere italiane per capire se sono pronte per la quarta rivoluzione industriale. Cosa è emerso?

Luisa Arienti: Più dell’80% dei nostri clienti italiani sono una piccola o media impresa. Dall’analisi è emersa una tendenza positiva verso la digitalizzazione. Circa il 73% delle aziende manifatturiere, infatti, è in una fase in cui ha già concluso o almeno ha lanciato un’iniziativa di digitalizzazione. Mentre il 13% ha intenzione di farlo entro quest’anno.

– Nel 2014 siete stati partner della piattaforma di e-learning Academy Cube. Le nuove tecnologie possono fornire opportunità in termini di innovazione e creazione di posti di lavoro giovanile?

Luisa Arienti: Assolutamente sì. Diversi studi affermano che entro i prossimi tre anni vi saranno oltre cinquecentomila posizioni aperte nell’Ict solo in Europa. I lavori tradizionali sono destinati a cambiare radicalmente grazie al digitale. Dobbiamo pensare a tutto tondo alle opportunità offerte ai giovani.

Luisa Arienti: la formazione e la carriera delle donne

– Sap organizza diversi corsi di formazione. Quanto è importante lo studio e il continuo aggiornamento nella professione?

Luisa Arienti: In Sap i neolaureati o i giovani assunti con una breve esperienza lavorativa vengono formati per sei mesi in California, a Palo Alto, per poi tornare in Italia ed essere inseriti nella realtà lavorativa. Guardo con attenzione i progressi di questi ragazzi e noto una preparazione che, unita al loro entusiasmo e alla passione, sta dando risultati eccellenti.
Ci occupiamo, inoltre, anche di formazione sui temi della tecnologia nella sfera privata, ad esempio corsi per i genitori su come proteggere i loro figli dai rischi del web o sul cyberbullismo.
Recentemente abbiamo avviato anche un progetto di alternanza scuola-lavoro con Assolombarda e altri sei partner.
L’anno scorso, attraverso i nostri programmi, abbiamo raggiunto oltre 2.500 giovani nel nostro Paese.

– Che consiglio si sente di dare alle donne che vogliono costruire una carriera in questo settore?

Luisa Arienti: Sono cresciuta nella convinzione che i meriti professionali siano indipendenti dal genere. Per questo tendo a tenere distinto il concetto di essere donna dalla professione.

Amo molto lavorare con le donne e infatti ho recentemente partecipato all’iniziativa promossa dal Comune di Milano “Stem in the city” che ha l’obiettivo di stimolare le giovani milanesi (bambine, ragazze, studentesse universitarie) a intraprendere percorsi di studio e di carriera in ambito tecnico-scientifico per diffondere una nuova cultura di innovazione.

Spesso le indicazioni che vengono date ai giovani e, in particolare, alle ragazze sono informazioni avulse dal contesto economico-sociale nazionale e internazionale in cui si troveranno a costruire la loro carriera. Ci sono ancora, purtroppo, tanti pregiudizi. Le famiglie creano delle aspettative nei giovani e li portano a fare scelte che spesso sono foriere di frustrazione, disoccupazione e, dunque, di scarsa convinzione nelle proprie capacità. Questo è scoraggiante per loro, per la comunità e per il nostro Paese che invece ha bisogno del contributo di tutti. In particolare, delle donne.

Luisa Arienti SAP

Luisa Arienti: Amministratore delegato di Sap Italia

Luisa Arienti (AD Sap): “Il cambiamento è opportunità” ultima modifica: 2018-01-08T07:05:48+00:00 da Web Digitalic
MailUp 7-giu-2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!