Paola Bonomo, oggi membro di Italian Angels for Growth, ha un passato in Vodafone, ebay, McKinsey & Company e in Facebook. Si è laureata in Economia Aziendale presso l’Università Bocconi e ha conseguito un Master in Business Administration a Stanford. “Studiare tanto è stato fondamentale – afferma Paola Bonomo – senza il Master a Stanford probabilmente non sarei stata contagiata dalla passione per il digitale. Senza frequentare l’Università Bocconi non avrei avuto l’opportunità di passare un periodo di scambio alla New York University e probabilmente non avrei intrapreso la professione della consulenza in McKinsey. E senza un buon liceo non avrei fatto nessuna di tutte queste cose”

di Ilaria Galateria

Qual è l’obiettivo primario di Italian Angels for Growth?

Paola Bonomo: È uno dei più grandi network di business angels italiani, composto da oltre 130 soci provenienti dal mondo imprenditoriale, finanziario, industriale e delle professioni. Insieme investiamo in startup fortemente innovative. Tenuto conto del bagaglio di competenze manageriali e tecnologiche dei nostri soci, non ci limitiamo ad apportare capitali in azienda, ma assumiamo anche un ruolo di investitori attivi, dando consigli, aprendo porte nel network. I nostri obiettivi sono supportare economicamente e incoraggiare chi è dotato di idee, conoscenza e dinamismo imprenditoriale; contribuire alla crescita economica del Paese e raggiungere in cinque anni una exit redditizia per gli angels.

Le qualità di un business angel?

Paola Bonomo: Deve saper entrare in sintonia con il team in cui ha deciso di investire. Lanciare una startup è fonte di grande tensione e stress per i fondatori, tanto più una volta che si raccolgono capitali e si hanno investitori esterni a cui rispondere; a ogni round di investimento, contrariamente a quanto si tende a pensare, il rischio e le responsabilità aumentano. Il team di imprenditori deve poter vedere nell’angel un’ancora di buon senso. L’angel, a sua volta, deve essere un punto di riferimento, a volte un coach, senza mai invadere lo spazio di azione dei fondatori.

Perché in Italia queste forme di venture capital sono ancora poco sviluppate?

Paola Bonomo: Distinguerei tra gli investimenti “seed ed early stage”, diciamo fino a un milione di euro, e quelli di venture capital vero e proprio. Ormai l’angel investing ha un discreto livello di maturità e fatica a trovare opportunità di investimento valide. Quello che finora è mancato è il venture capital, tant’è che quando una nuova impresa in forte crescita ha bisogno di raccogliere capitali per cinque/dieci milioni di euro, è normale che, se viene giudicata sufficientemente credibile, li raccolga all’estero.

Negli ultimi anni è aumentata la fiducia verso le startup italiane dell’IoT ma gli investitori rimangono ancora pochi. Perché?

Paola Bonomo: Per l’Internet of Things, a livello globale, siamo indietro nella definizione degli standard che possono far decollare il mercato. Inoltre, la sicurezza degli apparati e delle comunicazioni si è dimostrata ancora troppo lacunosa. In Italia i problemi sono quelli consueti del nostro ecosistema: avremmo una grande opportunità di reinventare il settore manifatturiero seguendo la visione della Industry 4.0, ma le startup fanno fatica a scalare e, soprattutto, le grandi aziende ad affidarsi a loro per ridisegnare i propri processi.

Quali sono i motivi più comuni che determinano il fallimento di una startup?

Paola Bonomo: Le startup sono fatte di persone. Meglio investire in un team fortissimo con un’idea imperfetta che in un team “normale” con un’idea perfetta. Determinante è il team. A sua volta questo dipende da due fattori, la qualità degli individui e la coesione tra le persone intorno al progetto.
Un recente sondaggio ha rilevato che la maggior parte delle figure tecnologiche sono ricoperte da uomini. Solo il 25% dei big data engineer sono donne e il 15% delle professioniste è esperta di IoT.

Come spiega questo fenomeno?

Paola Bonomo: La Commissione Europea ha realizzato varie proiezioni sulle posizioni che ci saranno da riempire nell’industria dell’Ict in Europa nel 2020 e questo numero, a seconda delle analisi, varia tra 500.000 e 800.000. Cresceranno quindi le opportunità per entrambi i sessi. Le donne però sono meno incuriosite dal digitale perché pensano serva solo a programmare videogiochi e spesso la scuola e la famiglia le spingono, in base a pregiudizi inconsapevoli, ma dannosissimi, in direzioni diverse. Dobbiamo invece aiutare le bambine e i bambini, sin dalla scuola dell’obbligo, a capire che il digitale è uno tra gli strumenti più potenti per cambiare il mondo, oltre che per avere una carriera di grande soddisfazione.

Una cosa in cui le ragazze sarebbero bravissime?

Paola Bonomo: La cybersecurity: consiglio ormai sempre di indirizzare i propri studi in questa direzione, in quanto offre opportunità di lavoro.

C’è un personaggio femminile a cui Paola Bonomo si ispira nell’ambito dell’innovazione?

Paola Bonomo: Per fortuna ce ne sono ormai più d’una, dalle star come Sheryl Sandberg di Facebook alle donne meno visibili ma che fanno un lavoro di grande esempio per tutte noi: Meg Whitman, Ceo di HP; Angela Ahrendts, Senior VP di Apple; Julia Hartz, fondatrice di Eventbrite; Natalia Oberti Noguera, fondatrice di Pipeline Angels.

Paola Bonomo

Paola Bonomo: il ruolo dei business angel nel digitale ultima modifica: 2017-07-06T09:04:58+00:00 da Web Digitalic
Skin Synology

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!