Quando nel 2006 ha lanciato Giallo Zafferano, il fenomeno web più sorprendente d’Italia, Sonia Peronaci ha riscritto il modo in cui vengono creati i siti per il mondo della cucina, oggi ha un nuovo progetto la Sonia Factory con un ingrediente unico: la passione.

Sonia Peronaci tra le 15 donne più influenti nel digitale

Digitalic l’ha inserita nella lista delle 15 donne più influenti nel digitale in Italia, #Digiwomen 2017. Negli anni ha saputo instaurare con il pubblico un rapporto unico. Oggi la sua nuova “ricetta” è uno spazio multifunzionale accogliente e aperto a tutti. Ora Sonia Peronaci ha deciso di concentrarsi sulla propria storia e ha creato soniaperonaci.it. Oltre al sito è nata a Milano la Sonia Factory, un luogo dove i piatti e le storie escono dal web e diventano scuola ed eventi. Siamo stati in questo spazio milanese, dove la cucina diventa condivisione e spettacolo.

Qual è l’idea, il sogno, l’obiettivo che ti ha portato fino a qui?

Sono cresciuta in una famiglia di cuochi: mio padre aveva un ristorante, mia nonna ai fornelli dava vita a piatti buonissimi.
Per me il cibo è sempre stato sinonimo di condivisione e amore verso chi ci circonda. Nel 2006 ho deciso di cambiare la mia vita e dedicarmi alla cucina a tempo pieno. Non volevo entrare nel mondo della ristorazione, avevo tre figli e sapevo bene quanti sacrifici comporta avere un ristorante.

Sonia Factory Sonia Peronaci
Ho deciso di intraprendere la strada del web, condividendo il sapere con gli utenti, senza far pagare nulla. Volevo creare online qualcosa per tutti, anche per chi non sapeva cucinare. Guardandomi attorno, mi sono immedesimata, ho riflettuto su quello che io per prima avrei voluto trovare su Internet.
Avevo notato che i libri di ricette non erano “completi”, dal mio punto di vista: davano molti passaggi per scontati, non riportavano fotografie.
Io ho deciso di puntare sulle immagini, sia del piatto finito sia di tutti i passaggi di preparazione. Ho voluto avvicinare le persone che non avevano mai cucinato, puntando sulla semplicità, spiegavo tutto “a prova di imbranato”.
Ho iniziato con le ricette della cucina casalinga, poi sono passata a quelle della tradizione regionale… e così via. La semplicità di approccio e di fruizione è stata la chiave del successo.
Ho offerto una scuola di cucina gratuita che le persone hanno accolto in modo positivo. Mi chiedevano consigli, mi raccontavano come erano venuti i loro esperimenti culinari, io rispondevo sempre.

Sonia Peronaci Sonia Factory

Sonia Peronaci realizza una Sacher nella sua Sonia Factory

Social network e commenti, come gestisci il rapporto coi tuoi follower?

Negli anni ho instaurato con il mio pubblico un ottimo rapporto, quando è nato Giallo Zafferano i commenti non erano neanche moderati prima che andassero online. Non ho mai avuto particolari problemi né ho mai subito attacchi personali.
Credo che il social in cui si fanno più polemiche “inutili” sia Facebook. Oggi uso e apprezzo soprattutto Instagram.

Quali sono state le difficoltà che hai incontrato nel creare la tua azienda?

Sicuramente difficoltà burocratiche, in Italia fare impresa “è un’impresa”.
È difficile trovare chi investe in un’idea nuova, siamo un popolo di “fifoni” con la paura per il fallimento.
Credo che nel nostro Paese manchino poi seri talent scout, in tutti i settori. Spesso i più bravi rimangono in ombra e il talento non viene trovato né valorizzato.

Sonia Factory - Sonia Peronaci

Il set Tv e fotografico dello spazio Sonia Factory

Dopo il grande successo di Giallo Zafferano hai lanciato soniaperonaci.it e Sonia Factory, cosa è cambiato?

Tutti i prodotti devono essere rinnovati ed evolvere al passo coi tempi. Dopo l’esperienza di Giallo Zafferano ho scritto quattro libri, sono stata in televisione, ho girato spot pubblicitari.
Il mio obiettivo è ancora quello di educare al cibo, in modo coerente, ma diversificando la mia presenza su nuovi canali. Soniaperonaci.it è un sito ed è anche un biglietto da visita, che dal web sfocia in un luogo fisico: Sonia Factory. Non voglio essere solo sulle pagine web, ma avere il contatto reale con le persone, facendo eventi, showcooking, ecc.

Cos’è lo spazio Sonia Factory a Milano?

Sonia Factory è uno posto ricco di creatività, nel cuore di Milano (in via Bramante). Una location multifunzionale con spazio eventi, cooking lab, redazione e set.
Abbiamo una grande cucina attrezzata, nella quale è possibile fare corsi e showcooking. È qui che realizzo i miei piatti e ho un set attrezzato in cui posso filmare o fotografare ogni passaggio delle ricette.
Il luogo si presta anche ad accogliere eventi privati.

Sonia Factory Sonia Peronaci

La passione e i sorrisi do Sonia Peronaci. Qui si assaggiano le frittelle di castagne

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro?

Se quando ho iniziato volevo essere la “Martha Stewart italiana”, oggi il mio esempio è Jamie Oliver, cuoco, conduttore televisivo e scrittore di libri di cucina britannico.
In futuro mi piacerebbe riuscire, come lui, a creare un format di ristoranti. Luoghi replicabili in cui le persone che entrano – in qualsiasi città esse siano – sappiano esattamente cosa mangeranno, che sapori troveranno.

Sonia Factory Sonia Peronaci

Sonia Peronaci nella sua Sonia Factory di Milano

Sonia Factory: il nuovo progetto di Sonia Peronaci pieno di passione ultima modifica: 2017-10-29T08:16:12+00:00 da Web Digitalic
Anti-Hacker IQ Test

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!