Non solo l’intelligenza artificiale (AI) è uno degli argomenti più caldi sui media oggi, ma è anche uno dei maggiori punti di discussione tra gli esperti di email marketing . Dai robot all’iper-personalizzazione, le potenziali implicazioni sono interessanti da affrontare.

Email Marketing esempi

Molti operatori di marketing potrebbero essere all’oscuro di come possono sfruttare l’intelligenza artificiale per l’ email marketing in senso pratico oggi e i venditori sono affamati di trarne profitto fornendo sogni di un futuro senza dover più faticare.

Email Marketing e AI

Torniamo alla realtà: non sostituirete il vostro team di marketing e vendite con dei robot in tempi brevi e qualsiasi strumento d’intelligenza artificiale richiederà dati, risorse e investimenti aggiuntivi adeguati. Detto questo, in aggiunta agli strumenti di business di cui già disponete, ci sono alcuni modi relativamente semplici per utilizzare l’intelligenza artificiale per migliorare l’efficacia delle campagne di email marketing.

email marketing

Il machine learning nell’ email marketing

Il machine learning può essere utilizzato per automatizzare e ottimizzare molti aspetti del vostro programma di email marketing, come i contenuti, i tempi di invio e la frequenza. Al contempo, potete essere sicuri di massimizzare il coinvolgimento e le conversioni. Ad esempio, l’intelligenza artificiale potrebbe idealmente prevedere il contenuto e l’offerta che porterebbe con più probabilità un singolo cliente a cliccare, insieme al miglior momento della giornata e alla frequenza che avrà più probabilità di fidelizzarlo.

Mentre un sottoscrittore potrebbe essere più propenso a effettuare un acquisto dal testo dell’oggetto A, dall’immagine B e dalla promozione C, un altro abbonato potrebbe essere più propenso ad acquistare per via di un’email che è l’esatto contrario.

Gli esseri umani semplicemente non possono replicare questo grado di apprendimento costante e ottimizzare allo stesso ritmo le campagne. Ci vorrebbe una quantità significativa di test A/B per determinare il contenuto, la frequenza e le offerte più efficaci per ogni singolo abbonato, e questo senza tenere nemmeno conto della creazione dei contenuti necessari per supportarlo! Gli strumenti d’intelligenza artificiale corretti hanno il potenziale per farlo in pochi secondi, liberando il tempo dei responsabili dell’email marketing per pensare in modo più strategico.

In che modo l’intelligenza artificiale migliora l’ email marketing

Come marketer, hai probabilmente speso molto tempo e denaro per capire quali contenuti usare e le promozioni da offrire nelle campagne email marketing, insieme ai giusti tempi di invio e cadenza. Può essere complicato determinare la combinazione di questi fattori che massimizzerà le conversioni ed è qui che l’intelligenza artificiale può fornire un valido aiuto.

L’AI ha il potenziale per ottimizzare tre aree chiave di qualsiasi campagna di email marketing.

1. Contenuto dell’email

Il contenuto è una parte ovviamente importante della strategia di email marketing che potrebbe beneficiare dell’automazione. Questo potrebbe essere qualsiasi cosa, dal copy del testo principale all’oggetto e alle immagini all’interno del layout. Tradizionalmente, gli addetti al marketing testano le combinazioni di ciascuno di questi per determinare quale sia la migliore, ma il processo è spesso quello di prova/errore e richiede parecchio tempo. È qui che l’AI può risultare un aiuto.

Non solo la tecnologia AI consente di imparare più rapidamente quale combinazione di contenuti avrà il rendimento migliore (e quindi massimizzare le entrate prima), ma allevierà anche il tempo che il vostro team dedicherà ai test A/B, e li consentirà di espandersi a maggiori variazioni degli elementi di test. Inoltre, lo strumento giusto potrebbe scegliere la combinazione vincente per ogni segmento durante il recapito per iniziare a servire subito i contenuti giusti e generare entrate incrementali.

2. Tempi di invio e frequenza

È normale che gli esperti di marketing facciano affidamento su ampie ipotesi sul momento migliore per inviare le email. Mentre questo potrebbe essere efficace per alcuni dei clienti, non si applica a ogni singolo individuo. Alla fine della giornata, gli abbonati sono esseri umani, non statistiche. Ognuno ha abitudini e preferenze diverse per il controllo e l’interazione con la posta elettronica.

L’intelligenza artificiale è in grado di automatizzare l’ora e il giorno di invio ideali per ciascun iscritto in base alla sua cronologia di engagement; può analizzare i modelli analitici in tempo reale e applicarli alla campagna, il che sarebbe molto difficile da replicare per gli umani perché semplicemente non c’è abbastanza tempo. La tecnologia di machine learning è in grado di comprendere rapidamente le preferenze per elenchi di abbonati di grandi dimensioni per determinare l’ora e il giorno in cui inviare email che massimizzino il coinvolgimento e le conversioni.

La stessa idea si applica alla frequenza e alla cadenza delle e-mail inviate a ciascun utente. Mentre un abbonato potrebbe impegnarsi di più se aumenti la frequenza dei tuoi check-in, altri potrebbero sentirsi sopraffatti e disiscriversi.

3. Promozioni

Spesso i brand perdono opportunità di guadagno dando agli abbonati la promozione o l’offerta sbagliata. Mentre alcuni abbonati potrebbero diventare acquirenti con un’offerta inferiore (ad esempio il 25% di sconto rispetto al 40%), altri potrebbero partecipare a un’offerta solo quando il prezzo scende sotto un determinato importo. È facile vedere come un’offerta sbagliata potrebbe portare a un mancato guadagno per l’azienda, ma è quasi impossibile prevedere con precisione la giusta offerta usando solo l’intervento umano.

Lo strumento giusto può raccogliere e imparare dai dati della cronologia degli acquisti dei consumatori nel tempo e determinare quali tipi di offerte offrano i migliori risultati per ciascun iscritto. Questa potrebbe essere una combinazione di una percentuale di sconto e di spedizione gratuita, una certa somma o nulla del tutto. Qualunque cosa sia, la tecnologia legata all’’Intelligenza Artificiale può aiutare a generare maggiori entrate nelle campagne promozionali.

Email Marketing: iniziate piano e costruiteci su

Infine, mentre tutto quanto sopra potrebbe risultare d’auto ad una campagna di email marketing, è importante ricordare che gran parte di questa eccitazione riguardo l’intelligenza artificiale è ancora legata a qualcosa in gran parte in fase di ideazione; implementare tutto in una volta sola d’altronde non funziona mai, e se sembra troppo facile, probabilmente è una trappola. Anche alcuni dei casi d’uso menzionati sopra sono solo idee, tuttavia ci sono alcuni strumenti che stanno già aprendo la strada per l’intelligenza artificiale in relazione all’email marketing.

Mentre il concetto di intelligenza artificiale è eccitante e anche un po’ spaventoso, è importante per i marketer iniziare in piccolo: assicuratevi di disporre delle tecnologie giuste ora per implementare facilmente gli strumenti di intelligenza artificiale quando diventeranno più accessibili man mano. Mentre lo fate, continuate il duro lavoro usando le migliori pratiche di email marketing che conoscete e mantenete i vostri iscritti impegnati e leali sul lungo periodo.

 

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!