Si chiama IFIIT l’indice di fiducia sugli investimenti in innovazione tecnologica che mensilmente tasta il polso alle aziende italiane. A giugno (rilevazioni maggio 2012) si registra una leggera flessione. L’indice scende a 33,50 punti dai 33,90 del mese precedente. Un dato che non sorprende vista la situazione di stallo complessiva, aggravata anche dai terremoti in Emilia-Romagna, che ha avuto l’effetto di bloccare alcune produzioni strategiche nei settori elettromedicale, della metalmeccanica e del packaging.

Le più propense a investire per migliorare gli aspetti produttivi e organizzativi sono le aziende fortemente orientate all’esportazione e all’internazionalizzazione. In particolare le filiere delle metalmeccanica, dell’energia e della sicurezza. In media, rispetto all’Indice, si collocano l’industria dei trasporti e delle telecomunicazioni. Stabilità anche nei comparti bancario-assicurativo, dalla chimica e dalla gomma. Al di sotto della media la propensione agli investimenti nei settori del commercio, dell’edilizia, le microimprese e gli studi professionali.

In tema di digital divide il sentiment resta sui livelli già conosciuti: due terzi delle imprese considerano il nostro Paese più arretrato rispetto alla situazione degli altri principali realtà più industrializzate ed economicamente evolute.

Rispetto alle aree geografiche, la propensione a investire in innovazione tecnologica resta su posizioni elevate in Lombardia e Nord-Ovest. Da rivedere la posizione in Emilia Romagna. Stabile con una tendenza al ribasso nel Nord-Est e in gran parte del Centro. Maggiori difficoltà in alcune aree nel Meridione.

Investire in innovazione: fiducia ingessata ultima modifica: 2012-06-19T12:54:33+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!