Rete Unica: l’accordo per il progetto di banda larga Tim e Open Fiber è realtà

Tim, Cdp e Open Fiber si danno 5 mesi di tempo, fino al 31 ottobre per arrivare a un accordo vincolante sulla Rete Unica

Cinque mesi di tempo per arrivare a un accordo vincolante. Questo il tempo che si dovrà attendere per capire se la Rete Unica diventerà realtà. Gli attori in gioco sono  Tim e Open Fiber. Ma il protocollo di intesa coinvolge anche  CDP Equity, KKR e Macquarie, con quest’ultimo che possiede il 40% di Open Fiber. Mentre CDP Equity, società interamente partecipata da Cassa Depositi e Prestiti, possiede il 9,9% di Tim e il 60% di Open Fiber. Tim, Cdp e Open Fiber si danno quindi come deadline fino al 31 ottobre per arrivare a un accordo vincolante sulla Rete Unica.

Banda larga: cos’è e come funziona

I consigli di amministrazione hanno sottoscritto un Memorandum of Understanding (MoU) con l’obiettivo di creare un unico operatore di telecomunicazioni, non verticalmente integrato. Sulla carta ogni opzione è valida ma l’ipotesi della cessione sembra essere la preferita da Tim. La rete di Tim, dalla dorsale fino all’ultimo miglio e con questa anche la parte internazionale con Sparkle, verrebbe venduta a Open Fiber, in cambio del trasferimento di una buona parte del debito o addirittura con un pagamento tutto cash, si parla di una valorizzazione di 18 miliardi di euro. L’operazione permetterebbe a Tim di concentrarsi sull’attività di servizi, le rimarrebbe tutto il business mobile, con le frequenze 5G e il Cloud.

Il controllo della Rete Unica

L’obiettivo del MoU – si legge nella nota emessa a seguito dei cda – è avviare un processo volto alla creazione di un solo operatore delle reti di telecomunicazioni, controllato da Cdpe e partecipato da Macquarie e Kkr, che consenta di accelerare la diffusione della fibra ottica e delle infrastrutture Vhcn (Very High Capacity Networks) sull’intero territorio nazionale, permettendo così l’accesso ai servizi più innovativi ed efficienti offerti dal mercato alla generalità della popolazione, agli enti pubblici e alle imprese, contribuendo in tal modo ad uno sviluppo più celere, duraturo e sostenibile del Paese”.

Sarà Cdp Equity dunque a fare da “regista” dell’operazione “nel rispetto dei vincoli regolatori inerenti le attività infrastrutturali, dei processi autorizzativi interni e degli interessi dei rispettivi azionisti, investitori e stakeholder, nonché in piena, trasparente e preventiva consultazione con tutte le competenti autorità nazionali ed europee. Per l’integrazione vera e propria ci vorrà però del tempo anche in considerazione della differente natura tecnologica degli asset e bisognerà anche capire quali asset conferirà realmente Tim.


Rete Unica: l’accordo per il progetto di banda larga Tim e Open Fiber è realtà - Ultima modifica: 2022-05-30T11:58:10+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Snom Technology

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!