Youtube in Italia contribuisce per 190 milioni di euro al PIL del paese

Presentato da Oxford Economics il primo studio che analizza l’impatto economico e culturale di YouTube nel nostro Paese

YouTube ha contribuito al PIL italiano per 190 milioni di euro l’anno e ha generato nel nostro Paese un corrispettivo di circa 15.000 posti di lavoro. E’ questa l’evidenza di uno studio realizzato da Oxford Economics, che ha rilevato, quanto nel 2020, l’industria creativa legata alla piattaforma che consente la condivisione e visualizzazione in rete di contenuti multimediali, abbia creato con il suo ecosistema economico.

Lo studio è stato condotto con un sondaggio anonimo tra 2.000 persone che vivono in Italia, 2.000 imprese e più di 4.600 creatori di contenuti residenti nell’UE, di cui 470 in Italia. Nel corso dell’analisi quantitativa, Oxford ha costruito modelli economici basati su una combinazione dei risultati dell’indagine e dei dati economici pubblicati, al fine di analizzare e comprendere le ricadute positive dell’ecosistema YouTube sull’economia italiana.

In primis, che si tratti di imprenditori della creatività, media company o etichette discografiche, i creatori di contenuti su YouTube beneficiano di ricavi che vengono generati direttamente tramite la piattaforma video (ad esempio sotto forma di ricavi pubblicitari o diritti di licenza), ma hanno anche effetti di più ampia portata.

Per la realizzazione dei video, infatti, vengono acquistati prodotti e servizi presso aziende e rivenditori situati in territorio italiano: pensiamo all’attrezzatura tecnica audio-video, ma anche a tutto il necessario per la realizzazione dei contenuti di ciascun video.

Ed in moltissimi casi, inoltre, i creatori di contenuti assumono persone qualificate che supportano la produzione dei video, come specialisti di montaggio, produzione, tecnici del suono e della luce e si servono di professionisti nei diversi campi di interesse. La spesa sostenuta dai creator e dagli altri professionisti coinvolti nell’ecosistema di YouTube all’interno delle proprie catene di fornitura, ha quindi un ulteriore impatto sull’economia e, più in generale, sulla comunità.

YouTube, strumento importante per le piccole realtà imprenditoriali

Youtube impatto PIL in Italia

Le realtà imprenditoriali utilizzano il proprio canale YouTube per incrementare le vendite, raggiungere nuovi clienti e diventare più competitive. Questo è possibile alimentando contenuti specifici sul proprio canale YouTube, utilizzando pubblicità mirate, sia condividendo i contenuti su YouTube che poi vengono visualizzati da pubblici specifici.

Attraverso questo sistema, una pasticceria, ad esempio, ha la possibilità di vendere più torte grazie al proprio canale YouTube e ai contenuti condivisi sulla piattaforma, perché può raggiungere un numero più ampio di potenziali clienti.  Questo reddito generato al di fuori della piattaforma, a sua volta, genera ulteriori benefici economici: i creatori di contenuti e i loro dipendenti infatti si rivolgono a fornitori italiani per i loro acquisti, aumentando la propria capacità di spesa e, di conseguenza, i propri consumi.

Degli imprenditori della creatività italiani intervistati da Oxford Economics:

  • Il 75% afferma che YouTube ha avuto un impatto positivo sui loro obiettivi professionali
  • Il 76% concorda nel dire che essere YouTuber fa provare un senso di identificazione e appartenenza.

E quando si tratta di supporto alle imprese, delle aziende intervistate in UE:

  • Il 70% concorda sul fatto che YouTube ha avuto un ruolo nell’aiutarle ad ampliare la propria base clienti,
  • Il 75% delle imprese UE  ha convenuto che la presenza su YouTube aiuta a essere trovati dai clienti,
  • Il 72% concorda sul fatto che YouTube le aiuta a raggiungere nuovi segmenti di pubblico in tutto il mondo.

Le 9 funzioni nascoste di YouTube che (forse) non conoscevi

Secondo lo studio YouTube inoltre ha permesso ai creatori di contenuti italiani di accedere a un pubblico globale di oltre 2 miliardi di persone, creando non solo opportunità di guadagno, ma anche di condivisione con il resto del mondo. Dall’analisi di Oxford Economics emerge che:

  • Il 75% degli italiani conferma che YouTube permette loro di fruire di contenuti a cui non potrebbero accedere diversamente.
  • Il 65% degli imprenditori della creatività concorda sul fatto che YouTube permette loro di esportare i propri contenuti a un pubblico internazionale a cui altrimenti non avrebbero accesso.
  • Più della metà dei creativi italiani è d’accordo nel dire che l’accesso a un pubblico al di fuori dell’Italia è essenziale per la sostenibilità del loro canale.

Si evince anche quanto durante la pandemia YouTube è diventata una risorsa preziosa, fornendo spesso un’ancora di salvezza ai cittadini e alle imprese che hanno vissuto tempi duri di isolamento e disgregazione sociale.

  • Il 92% degli utenti italiani ha riferito di usare YouTube per informarsi e ampliare le proprie conoscenze
  • Il 57% degli utenti italiani è concorde nell’affermare che YouTube è stato fonte affidabile di informazione fin dall’inizio della pandemia a Covid-19
  • Il 69% degli utenti italiani concorda sul fatto che YouTube è stato utile dall’inizio della pandemia da Covid-19

Youtube in Italia contribuisce per 190 milioni di euro al PIL del paese - Ultima modifica: 2021-11-24T10:08:42+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Intelligenza Artificiale

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!