Apple userà chip progettati da Apple stessa nei propri computer Mac, a partire dal 2020. La scelta sarebbe un duro colpo per Intel, fornitore dal 2005 dei chip per i Mac di Apple. Apple, inoltre lavora su una piattaforma software per unire le app di iPad e Mac.

Apple userà chip propri nei Mac dal 2020, addio a Intel

Apple userà i propri chip nei computer Mac a partire dal 2020, sostituendo i processori di Intel, secondo alcune persone che hanno familiarità con i piani di Apple, lo ha reso pubblico Bloomberg, di solito molto ben informata sui piani Apple.

L’iniziativa, in codice Kalamata, è ancora nelle prime fasi di sviluppo, ma fa parte di una strategia più ampia per rendere tutti i dispositivi Apple, inclusi Mac, iPhone e iPad, capaci di lavorare in modo più simile e perfettamente integrato, hanno detto alcune fonti. Il progetto, che i dirigenti hanno approvato, porterà probabilmente a una transizione in più fasi.

Apple userà i propri chip nei mac addio intel

Apple dice addio ai processori Intel, userà chip propri

Il passaggio sarebbe un duro colpo per Intel, la cui partnership ha contribuito a far rivivere il successo di Apple Mac e ha collegato il produttore di chip a uno dei marchi leader nel settore dell’elettronica. Apple genera a Intel circa il 5% del suo fatturato annuale, secondo l’analisi effettuata da Bloomberg.

Le azioni Intel sono scese del 9,2%, il più grande crollo in solo giorno da oltre due anni.

Apple potrebbe ancora teoricamente lasciar perdere o ritardare il cambiamento. L’azienda ha rifiutato di fornire commenti in merito. Intel ha dichiarato: “Non commentiamo speculazioni sui nostri clienti”.

Perché Apple sceglie di usare i propri processori e abbandonare Intel

Per Apple, il cambiamento sarebbe una scelta determinante. I chip Intel rimangono alcuni degli unici componenti progettati da altri all’interno del portafoglio di prodotti Apple.
Attualmente, tutti gli iPhone, iPad, Apple Watch e Apple TV utilizzano i processori progettati da Apple e basati sulla tecnologia di Arm Holdings Plc. Il passaggio ai propri chip all’interno dei Mac potrebbe consentire ad Apple di rilasciare nuovi modelli in base alle proprie linee temporali, invece di affidarsi alla roadmap dei processori Intel.

“Pensiamo che Apple stia cercando un modo per integrare ulteriormente le sue piattaforme hardware e software e ha chiaramente fatto alcune mosse in questo senso, cercando di integrare iOS e macOS”, ha affermato Shannon Cross, analista di Cross Research. “Ha senso che stiano andando in questa direzione. Se si considerano le spese in ricerca e sviluppo incrementali, è necessario cercare di integrare verticalmente i propri componenti in modo che possano aggiungere più funzionalità per la differenziazione competitiva.”

Processori Apple nei Mac, i vantaggi

Il cambiamento permetterebbe anche all’azienda di Cupertino, California, di introdurre più velocemente nuove funzionalità in tutti i suoi prodotti e di distinguersi dalla concorrenza. L’utilizzo dei propri chip renderebbe Apple l’unico principale produttore di PC a utilizzare i propri processori. Dell Technologies Inc., HP Inc., Lenovo Group Ltd. e Asustek Computer Inc. utilizzano chip Intel.

Apple userà chip propri nei Mac dal 2020, per migliorare le prestazioni

Utilizzando i propri chip, Apple sarebbe in grado di integrare più strettamente nuovo hardware e software, potenzialmente risultante in sistemi con una durata della batteria migliore – simile agli iPad, che utilizzano i chip Apple.

Apple, passaggio ai processori propri nel 2020

Mentre la transizione verso i chip Apple nell’hardware è pianificata per iniziare già nel 2020, le modifiche lato software inizieranno anche prima. Gli iPhone e gli iPad Apple con chip personalizzati utilizzano il sistema operativo iOS, mentre i computer Mac con chip Intel funzionano su un sistema diverso chiamato macOS. Negli ultimi anni Apple ha gradualmente integrato le funzionalità rivolte agli utenti e, più recentemente, ha iniziato a condividere funzionalità di livello inferiore come un nuovo sistema di gestione dei file.

Apple: in arrivo una nuova piattaforma software per integrare app iOS e Mac

Come parte dell’iniziativa più ampia per far funzionare i Mac più come gli iPhone, Apple sta lavorando a una nuova piattaforma software, denominata internamente Marzipan, in uscita già quest’anno, che consentirà agli utenti di eseguire app per iPhone e iPad su Mac, ha riferito Bloomberg News l’anno scorso.

L’azienda ha anche rilasciato in precedenza Mac con co-processori basati su ARM, che eseguono un sistema operativo tipo-iOS per funzioni specifiche, come la sicurezza. Gli ultimi MacBook Pro e iMac Pro includono i co-processori. Apple prevede di aggiungere questo chip a una nuova versione del suo Mac Pro, che verrà rilasciata entro il prossimo anno, e ai nuovi portatili Mac quest’anno, secondo una persona informata.

Apple era passata a Intel nel 2005, l’annuncio fatto da Steve Jobs

Nel 2005, Apple aveva annunciato l’adozione dei chip Intel nei suoi Mac, un’iniziativa che aveva portato sul palco l’ex amministratore delegato di Intel Paul Ottelini insieme al co-fondatore di Apple, Steve Jobs. Era stata una collaborazione atta a scuotere l’industria dei PC che aveva visto Apple allontanarsi dai chip co-sviluppati da IBM e Motorola.

Come sono i chip progettati da Apple

I chip attuali progettati da Apple si sono fatti notare in dispositivi mobili sottili e leggeri. Ciò indicherebbe che Apple inizierà la transizione con i laptop prima di spostarsi in progetti di modelli desktop più performanti. Apple dovrà camminare sulla linea sottile dell’allontanarsi dai chip Intel senza sacrificare la velocità e le capacità dei suoi Mac.

L’architettura Arm dei processori Apple

La decisione di adottare la tecnologia ARM nei computer potrebbe darle maggiore credibilità laddove finora non è riuscita a ottenere una grande influenza. La Qualcomm Inc., il più grande fornitore di chip di telefonia mobile, sta lavorando con i produttori di PC per introdurre nuovi laptop sottili e leggeri basati sui suoi chip in un altro tentativo di rubare quote di mercato da Intel. Microsoft Corp. sta supportando questo sforzo fornendo una versione del suo sistema operativo Windows per chip basati su tecnologia ARM.

Chi produce i processori Apple

I processori personalizzati di Apple sono stati recentemente prodotti principalmente dalla Taiwan Semiconductor Manufacturing Ltd. La sua decisione potrebbe indicare la fiducia che TSMC e altri fornitori come Samsung Electronics Co. hanno colmato il gap di produzione con Intel e possono produrre processori altrettanto potenti.

Apple userà chip propri nei Mac dal 2020, addio a Intel ultima modifica: 2018-04-03T08:47:39+00:00 da Web Digitalic
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!