Apple nega di privilegiare le proprie app nei risultati di ricerca dell’App Store

Il WSJ ha scoperto che le app di Apple erano al primo posto nel 60% delle categorie di app sull’App Store, incluse categorie come libri e mappe.

Apple afferma di non favorire le proprie app quando classifica i risultati di ricerca dell’App Store in iOS, respingendo i risultati di un’indagine del Wall Street Journal appena pubblicata che mostra come le app Apple meno popolari spesso si posizionano più in alto rispetto ai software meglio recensiti di concorrenti di terze parti. Il WSJ ha scoperto che le app di Apple erano al primo posto nel 60% delle categorie di app sull’App Store, incluse categorie come libri e mappe in cui le offerte di Apple risultano molto meno popolari rispetto alle opzioni di concorrenti come Amazon e Google.

risultati di ricerca AppStore Apple ips

Risultati di ricerca dell’App store: l’esempio di Apple Books

Per esempio, l’app Apple Books, che non ha una valutazione a cinque stelle o un numero di download effettuati pubblico, è elencata come risultato numero uno nella ricerca di “libri” nella versione americana dell’App Store (Le classifiche possono cambiare leggermente in altri paesi, ma, a quanto pare, lo stesso avviene nel Regno Unito e, quindi, plausibilmente in altri paesi). Tuttavia, Apple Books è elencata come la 168a app più popolare della categoria per download.

L’app Kindle di Amazon, che ha una valutazione di 4,8 stelle ed è stata valutata 1,2 milioni di volte, si trova al di sotto di Apple Books nei risultati di ricerca, al n. 2, spesso con un annuncio a pagamento di un’altra app in mezzo. La stessa situazione si manifesta per Maps, dove l’offerta di Apple si trova più in alto nei risultati di ricerca rispetto a Google Maps e Waze, che si trovano rispettivamente al primo e al secondo posto nella categoria.

In effetti, secondo quanto riferito, Apple, qualche tempo fa, aveva pensato di applicare una rimozione forzata di tutte le app con una valutazione inferiore alle due stelle, ma l’ex direttore delle recensioni dell’App Store, Phillip Shoemaker, aveva detto al WSJ che al suo team, che aveva proposto la rimozione nel 2015, fu detto che avrebbe ucciso l’app per podcast di Apple, che al momento aveva una valutazione inferiore alle due stelle. In effetti, molte app di Apple non mostrano più i voti in evidenza.

La risposta di Apple

Apple nega di manipolare le classifiche dei risultati di ricerca dell’App Store in casi come quelli evidenziati, affermando che utilizza sia corrispondenze di nomi che “dati sul comportamento degli utenti”, tra dozzine di altri fattori, per determinare come classificare i risultati. In effetti, l’azienda ha dichiarato al WSJ che prende in considerazione ben 42 fattori quando classifica i risultati di ricerca, ma mantiene segreto tale algoritmo di classificazione, presumibilmente per impedire la manipolazione dei risultati di ricerca da parte di sviluppatori di terze parti.

“I clienti Apple hanno una connessione molto forte con i nostri prodotti e molti di loro usano la ricerca come un modo per trovare e aprire le app – ha affermato Apple al WSJ in una nota – Questo utilizzo da parte dei clienti è il motivo per cui Apple ha un buon posizionamento nelle ricerche, ed è lo stesso motivo per cui Uber, Microsoft e molti altri hanno spesso anche un posizionamento elevato.”

In effetti, sembra che Apple stia dicendo che, poiché gli utenti utilizzano la ricerca Spotlight per iOS per individuare le app che hanno già scaricato, le proprie app con nomi correlati vengono potenziate maggiormente nella ricerca. Quindi la ricerca di Google Maps con solo “mappe” potrebbe rendere inavvertitamente le mappe di Apple il risultato più votato sull’App Store.

Apple non ha fornito commenti in merito.

I controlli sui risultati di ricerca dell’App Store

In questo periodo, Apple sta affrontando una rinnovata ondata di controlli sul funzionamento dell’App Store, in un rinvigorito stimolo a controlli antitrust che si sta diffondendo sia in Europa che negli Stati Uniti. Tra gli obiettivi più facili per i regolatori che cercano comportamenti anticoncorrenziali ci sono le classifiche nella ricerca e l’autopromozione aziendale. Quest’ultima è stata la base del caso antitrust storico contro Microsoft negli anni ’90 e la combinazione dell’utilizzo dei risultati di ricerca per incrementare le offerte di un’azienda è ciò che ha fatto sbattere Google contro una multa antitrust multimiliardaria nell’UE nel 2017.

Apple afferma di non essere in posizione di monopolio per via del fatto che iOS ha una quota di mercato piuttosto ridotta rispetto al sistema operativo Android. Tuttavia, ci sono altri modi in cui l’azienda potrebbe essere presa di mira dalle autorità di regolamentazione e dal sistema legale. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito a maggio che Apple potrebbe essere citata in giudizio dagli acquirenti di app, aprendo la possibilità dell’esposizione dell’azienda ad azioni legali di tipo class action da parte degli utenti dell’App Store, anziché solo dagli sviluppatori. Due sviluppatori hanno anche intentato una causa contro l’azienda affermando che l’App Store è un monopolio illegale per i modi in cui Apple controlla i prezzi e la discovery, per come prende dagli sviluppatori il 30% di ogni transazione e le sue restrizioni sulla distribuzione di app al di fuori dell’App Store.

Le altre controversie di Apple sui temi della concorrenza

Negli ultimi anni Apple è anche andata incontro a numerose controversie su come gestisce le app in concorrenza con la propria offerta. L’azienda si è trovata sotto i riflettori dopo che ha vietato una serie di app di controllo per genitori all’inizio di quest’anno, sostenendo che stavano violando la privacy degli utenti accedendo ad alcuni strumenti di sviluppo di iOS. Dopo una protesta che ha accusato Apple di aver bloccato la concorrenza per promuovere la propria funzione Screen Time, Apple ha iniziato a ripristinare la disponibilità di alcune delle app di controllo per genitori che aveva bandito proprio il mese prima.

Spotify ha anche chiesto che venisse avviata un’indagine nell’UE sulla fetta che Apple prende dagli acquisti in-app, che ammonta al 30%. Spotify afferma che tale pratica offre ad Apple Music un vantaggio sui prezzi ingiusto se Spotify è costretta a valutare la propria offerta con dei costi più elevati per compensare la percentuale prelevata da Apple. Amazon, Netflix e altri hanno risposto all’approccio di Apple a volte rifiutando di consentire agli utenti di effettuare acquisti in-app su iOS per evitare la commissione di Apple e perché l’azienda spesso tiene gli sviluppatori nel limbo degli aggiornamenti se provano a bypassare il sistema di pagamento di Apple.

Queste controversie influenzeranno probabilmente il modo in cui i regolatori vedono l’approccio di Apple all’App Store. Allo stato attuale, Apple ha il controllo completo sull’ecosistema dell’app per iOS, ma tutto ciò potrebbe cambiare se si scoprisse che è un amministratore ingiusto o utilizza metodi irregolari.


Apple nega di privilegiare le proprie app nei risultati di ricerca dell’App Store - Ultima modifica: 2019-07-25T06:45:12+00:00 da Giulia Mandrioli

Giornalista, Blogger, appassionata di digitale e tecnologia. Laureata in lettere moderne

IQ Test Storage Intelligente

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!