Avatar su Facebook, il clone digitale regala un sorriso

Qualche sorriso in più e un po’ di odio in meno con l’arrivo delle faccine digitali e i dati confortanti di messaggi dannosi eliminati dal social network.

Vi sarete accorti in questi giorni dell’arrivo degli avatar su Facebook. Dopo il lancio negli Stati Uniti questa divertente funzione è ora presente sul social network anche in Italia. Speciali riproduzioni che è possibile creare direttamente all’interno dell’applicazione. Gli avatar possono poi essere utilizzati nei commenti o nelle conversazioni Messenger anche come adesivi, in maniera simile a quanto accade con le Memoji di Apple.

Come creare l’avatar su Facebook

avatar su facebook

Per creare il proprio avatar su Facebook basta selezionare la sezione commenti di un post qualsiasi e premere sull’icona a forma di faccina. Qui, se è arrivata sul proprio profilo, si dovrebbe trovare la nuova opzione per costruire il proprio clone digitale. Si può scegliere il colore della pelle, la forma del viso e del corpo, occhi, capelli, bocca e abbigliamento. Una volta creato, l’avatar sarà disponibile all’interno dei commenti ai post su Facebook, e ci si può accedere sempre attraverso l’icona a forma di faccina.

Un po’ di sorrisi e meno contenuti di odio

Gli avatar su Facebook portano sicuro una ventata di allegria in un momento dove dalle dichiarazioni arrivate da Menlo park si parla di 9,6 milioni di contenuti di odio eliminati nel primo trimestre dell’anno. Nel report che copre i sei mesi da ottobre 2019 a marzo 2020 l’88,8 per cento degli attacchi è stato cancellato senza nessuna segnalazione da alcun utente grazie all’intervento di moderatori e occhio tecnologico, che ha migliorato la comprensione del linguaggio e la capacità di analizzare in modo unitario immagini, testo e commenti per scovare meme sconvenienti.

Su Instagram i contenuti rimossi per odio sono stati 805.900, ma solo il 44,3 per cento è stato individuato prima di una segnalazione. Sia su Facebook sia su Instagram la percentuale peggiora nei casi di bullismo e molestie. Gli interventi pre-segnalazioni sono, rispettivamente, il 15,6 per cento e il 35,2 per cento. E in entrambi i casi c’è un lieve calo rispetto ai mesi precedenti.


Avatar su Facebook, il clone digitale regala un sorriso - Ultima modifica: 2020-05-19T09:23:20+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!