L’IT si fa sostenibile grazie ai data center green e alla dematerializzazione dei processi

Per essere green un Data Center deve consumare poche risorse: non solo energetiche, ma anche economiche. Ed ecco come le aziende, muovendosi in ottica di digitalizzazione dei propri servizi e processi, possono contribuire all’approccio green.

Per essere green un Data Center deve consumare poche risorse: non solo energetiche, ma anche economiche. Ed ecco come le aziende, muovendosi in ottica di digitalizzazione dei propri servizi e processi, possono contribuire all’approccio green.

Siamo in molti a guardare alla sostenibilità, ognuno a proprio modo. Alcuni si concentrano sul riutilizzo di materiali, altri sul contenimento degli sprechi; Aruba sull’adozione di un approccio meno invasivo, sia che si tratti di adattare i data center all’ambiente in cui viene realizzato, sia nel rendere efficienti processi che evitino gli sprechi, per avere il minor impatto possibile sull’ambiente: anche l’IT in questo senso, si fa sostenibile.

Aruba Data enter Green

Il Global Cloud Data Center

Aruba è in ‘direzione green’ e l’esempio migliore a supporto delle sue attività ‘sostenibili’ è sicuramente dato dall’ideazione e creazione di data center a bassissimo impatto ambientale, nel pieno rispetto dei massimi standard di affidabilità.
Il Global Cloud Data Center Aruba di Ponte San Pietro (BG) è classificato Rating 4, il massimo livello secondo gli standard ANSI-TIA 942 ed è progettato per avere il massimo livello possibile di efficienza energetica, non solo per assicurare qualità e convenienza dei servizi, ma anche per ridurre il più possibile il suo impatto sull’ambiente.
È alimentato con energia proveniente dagli impianti idroelettrici e fotovoltaici di proprietà, situati all’interno del campus tecnologico, che è il più grande d’Italia. Per tutte le esigenze non coperte dall’autoproduzione, viene prelevata dalla rete solo energia con origine certificata a livello europeo grazie alla Garanzia di Origine (GO) e quindi generata al 100% da fonti rinnovabili.
Quando progetta un data center, oltre a garantire la massima affidabilità, sicurezza e prestazioni, Aruba si concentra sulle strategie per raggiungere la massima efficienza e risparmio energetico; con questo modello l’azienda contribuisce ogni anno a non immettere nell’atmosfera l’equivalente di 1.500 autoarticolati carichi di CO2).

 

Come si migliora e sostiene l’efficienza nei servizi IT?

Fare innovazione vuol dire digitalizzare. Digitalizzare tutti quei processi di un’azienda o di un ente che le permettono di crescere ed innovarsi, appunto.
Questo vuol dire dematerializzare, fare ‘digital transformation’. La digital transformation è seguire le esigenze del mercato.
Le imprese e le PA che oggi non investono sul digitale non intercettano tutte le esigenze dei clienti e dei cittadini. Seguire la digital transformation è seguire le evoluzioni di ogni processo in digitale, continuare ad innovare sistemi e infrastrutture, dare importanza al digital learning e migliorare ogni flusso di lavoro a partire dall’interno per contrastare il gap digitale.
Aruba Enterprise offre tecnologie abilitanti per questi processi tramite diversi approcci:

1 – come CSP – con i servizi cloud e i data center del network Aruba
Aruba è stata qualificata da AgID come Cloud Service Provider (CSP) per erogare servizi Cloud alle Pubbliche Amministrazioni. Nel dettaglio, è stata qualificata come CSP di tipo C, cioè dotata di un’infrastruttura capace di erogare servizi di livello IaaS, PaaS e SaaS. È a partire dal 1° aprile 2019 che la PA ha dovuto adottare servizi cloud – IaaS, PaaS e SaaS – che fossero esclusivamente qualificati da AgID e pubblicati nel Cloud Marketplace (Catalogo dei servizi Cloud qualificati per la PA). Tra questi:
Aruba Virtual Private Cloud – un servizio IaaS che permette di acquistare quantità variabili di risorse computazionali, rete e servizi aggiuntivi – es. il Cloud DRaaS e il Cloud Bare Metal Backup – e attraverso la console web VMware vCloud Director, creare e gestire in completa autonomia i propri data center virtuali, completi di funzionalità evolute come firewall perimetrali, bilanciatori e concentratori VPN, garantendo massima flessibilità e scalabilità.
Aruba Cloud Backup (SaaS) – un servizio di backup self-service multipiattaforma che permette all’amministratore di sistema di eseguire backup pianificati di interi sistemi, di file e cartelle o di singole applicazioni con la massima affidabilità.
Aruba Cloud Monitoring (SaaS) – un servizio con cui monitorare i servizi IT, come ad esempio il proprio sito web, database o server di posta, in termini di disponibilità e tempi di risposta.

2 – come Trust Service Provider Qualificato
Aruba è certificata per la gestione del servizio di “marcatura temporale” da Bureau Veritas Italia come Trust Service Provider per la fornitura di servizi qualificati a livello europeo.
Il regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) prevede infatti il coinvolgimento di Organismi di Certificazione accreditati secondo il Regolamento UE 765/2008, per la qualifica degli operatori di servizi fiduciari (TSP o Trust Service Providers) e dei relativi servizi. Inoltre, agevola a livello Europeo l’utilizzo dei mezzi di identificazione elettronica degli Stati membri, in virtù del principio di mutuo riconoscimento e di reciproca accettazione di schemi di Identificazione elettronica e attraverso i TSP.

3 – come partner per la Dematerializzazione
La dematerializzazione dei processi è un passaggio importante nell’eliminazione degli sprechi. Processi efficienti sono sinonimo di competitività sul mercato e lo spostamento verso il paperless porta importanti risparmi di tempo e risorse. Le aziende capaci di gestire in modo efficace tutti i processi, a prescindere dal supporto cartaceo, vanno in direzione della lean organization e le soluzioni offerte alle imprese da Aruba Enterprise consentono di ottenere processi certificati e completamente dematerializzati.


L’IT si fa sostenibile grazie ai data center green e alla dematerializzazione dei processi - Ultima modifica: 2019-07-17T12:16:46+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!