Coronavirus: il mercato dello streaming online cresce oltre le previsioni

I ricercatori di Strategy Analytics hanno corretto al rialzo le previsioni per il mercato globale dei contenuti audiovisivi in streaming

Il mercato dello streaming online è decisamente spinto al rialzo dal coronavirus. A dirsi così suona un po’ bruttino, ma secondo i ricercatori di Strategy Analytics le previsioni per il mercato globale dei contenuti audiovisivi in streaming hanno una stima di crescita evidente, in un momento dove l’epidemia da COVID-19 costringe le persone a casa.

Secondo la società leader di soluzioni di ricerche di mercato e di consumo, a fine 2020 gli abbonamenti a Netflix e servizi analoghi raggiungeranno i 949 milioni di unità su scala globale, 47 milioni in più (+5%) rispetto a quanto stimato in precedenza. Ma la crescita viene calcolata solo sul breve termine. Il futuro fa intravedere un grosso punto interrogativo sulla crescita di Netflix & Co (Amazon Prime Video, Disney+). Trend della pandemia e condizioni economiche potrebbero ribaltare lo scenario. L’evoluzione dell’impatto a medio-lungo termine dipenderà dalla durata del virus e dal conseguente danno economico subito da aziende e consumatori.

Il coronavirus spinge lo streaming online

streaming online con coronavirus

Nel lungo periodo, gli analisti prevedono una crescita di 621 milioni di abbonamenti tra il 2019 e il 2025, quando le persone che pagano un servizio di video in streaming saranno 1,43 miliardi. In Cina se ne conteranno 438 milioni, e 342 milioni si registreranno in Usa, dove ad essere abbonate ad almeno un servizio saranno tre famiglie su quattro.

Attualmente, la Cina e gli Stati Uniti rappresentano quasi i due terzi (65%) degli abbonamenti Svod (Subscription Video on Demand ) a livello globale. Ma “poiché questi mercati stanno avvicinandosi alla saturazione di mercato e abbonamenti in particolare nel Sud-est asiatico – spiega Strategy – la quota di sottoscrizioni potrà scendere al 55% nel 2025”.

Coronavirus: aumentano le chat di gruppo, WhatsApp e Messenger a rischio crash

“Un fattore significativo che influenza la futura crescita degli abbonamenti è l’impatto del coronavirus, sia a breve che a lungo termine“, spiega l’analista Michael Goodman. “Nel breve termine il coronavirus farà aumentare sia gli abbonamenti sia le visualizzazioni, poiché un numero crescente di consumatori manterrà la distanza sociale o sarà costretto alla quarantena“.


Coronavirus: il mercato dello streaming online cresce oltre le previsioni - Ultima modifica: 2020-03-27T12:30:18+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!