eMotionButterflies, le farfalle bioniche

eMotionButterflies, le farfalle bioniche della compagnia tedesca di robotica Festo, sono droni volanti ultraleggeri che si muovono come uno sciame

Ci sono molti robot ispirati alla natura. Ma pochi rispettano, nell’aspetto e nei movimenti, la realtà. Le eMotionButterflies della compagnia tedesca di robotica Festo sembrano essere un’eccezione. Queste bellezze, infatti, potrebbero essere scambiate per vere farfalle.

emotionbutterflies droni farfalla festo

Le caratteristiche delle eMotionButterflies

Ognuna pesa solo 32 grammi ed è alimentata da una batteria con un’autonomia di 4 minuti in volo. Le ali sono realizzate da film elastici capacitivi e supportate da barre di carbonio sottili.
Tutte insieme danno vita a uno sciame robotico, dove i diversi droni -ciascuno con un’apertura alare di 50 cm – sono coordinati per muoversi in una stanza senza sbattere contro pareti e ostacoli e senza finire gli uni contro gli altri.
Questo sistema si basa su telecamere a infrarossi ad alta velocità posizionate attorno alla stanza nella quale volano le farfalle bioniche. Le telecamere tracciano i marker infrarossi su ciascuna farfalla e inviano informazioni in tempo reale a un computer centrale che coordina i movimenti dello sciame.

emotionbutterflies droni farfalla festo

eMotionButterflies sono droni realizzati per fare ricerca

Per quanto belli possano essere, questi esemplari non sono in vendita. Sono stati sviluppati esclusivamente a scopo di ricerca e per dimostrare quanto piccoli e leggeri possano essere i droni. L’uso ridotto di materiali, inoltre, permette di ottenere un comportamento in volo il più uguale possibile a quello naturale, con un battito d’ali fedele alla realtà e aerodinamico.

emotionbutterflies droni farfalla festo


eMotionButterflies, le farfalle bioniche - Ultima modifica: 2019-02-25T07:58:39+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!