Furhat Robotics ha lanciato il suo robot sociale che cambia faccia, dopo anni di sviluppo e prototipazione iniziati al Royal Institute of Technology di Stoccolma, in Svezia. A differenza della maggior parte dei robot, Furhat non è stato creato con uno scopo particolare in mente. In effetti, questo è il punto.

Il suo busto può somigliare a qualunque tipo di persona virtuale. Può assumere qualsiasi personalità. È un nuovo tipo di interfaccia per computer, più coinvolgente e comprensibile di qualsiasi schermo o altoparlante o AI chatbot. Come afferma il CEO Samer Al Moubayed, Furhat non è un sostituto per le persone, ma una risposta all’assenza di robot.

Le caratteristiche tecniche del robot Furhat

La parte frontale è il busto stesso. Un sistema di proiezione proietta i volti su una maschera opaca, mentre un collo con tre gradi di libertà consente movimenti della testa morbidi e naturali. Telecamere e microfoni eseguono l’osservazione; gli speaker si occupano di parlare. Il back-end è fondamentalmente un sistema operativo che gestisce una sorta di intelligence di livello base. Furhat controlla costantemente i volti (la loro posizione e le espressioni) di persone di fronte a loro. Comprende dove stai guardando e dove stai, sa quando gli si parla e quando tacere e ascoltare la conversazione.

Furhat Robotics robotica sociale

Cosa fa un robot sociale

Questo approccio umanizzato all’osservazione è la chiave per l’idea dei robot sociali. Invece di essere una macchina per domande e risposte come uno speaker/assistente intelligente, è consapevole di quello che succede intorno e può reagire ad ambienti e situazioni molto più complesse. Grazie a questo sistema operativo, che trasforma l’input grezzo in dati contestuali, gli sviluppatori possono collegare le loro specifiche personalità al robot. Sono già disponibili numerosi strumenti di sviluppo per supportare terze parti nella creazione di queste personalità, come ci si aspetterebbe da qualcosa che è stato pubblicizzato come una piattaforma piuttosto che un componente hardware con un utilizzo specifico. Sono incluse un’ampia selezione di voci in molte lingue e facce di varie età ed etnia, oltre a personaggi come un cane con le guance cadenti. Poi ci sono anche aspetti più complicati, come l’elaborazione in lingua naturale dell’AI e gli strumenti per coordinare i movimenti della testa e le espressioni facciali.

Non ha quell’atmosfera inquietante che molti prototipi di robot umanoidi hanno né la freddezza estetica e comportamentale dei robot metallici o umanoidi della cultura pop; anche in stato di riposo, la testa si guarda intorno, inclinando la testa di tanto in tanto in modo quasi ingenuo e da cucciolo; gli occhi si muovono da un lato all’altro e si chiudono e aprono ogni tanto; gli angoli della bocca si contraggono e le sopracciglia si muovono nello stesso modo inconscio di quello di una persona. La sua psicologia è affascinante: mettere una faccia e un collo su un computer la rende intrinsecamente più facilmente riconoscibile. Assomiglia un po’ a Sonny di Io Robot, se Sonny fosse in grado di assumere qualità più realistiche di etnia, età e sesso. Non è troppo carino per essere considerato un giocattolo, ma non abbastanza realistico da essere inquietante o sinistro.

Furhat Robotics robotica sociale

Perché il robot di Furhat potrebbe avere successo

L’azienda Furhat non è la classica startup con una piattaforma hardware e la speranza che gli sviluppatori si serviranno di essa. Durante i molti anni di sviluppo, l’azienda ha attratto vari partner; Merck sta trasformando Furhat in uno strumento di riabilitazione per chi soffre di sclerosi multipla, KMPG lo sta addestrando per fornire consulenza finanziaria e Honda pensa che potrebbe aiutare gli anziani a interagire con le case intelligenti; ha anche attratto l’interesse di Disney e Intel.

Collaborando con Deutsche Bahn, Furhat ha creato un concierge multilingue che gestisce una reception presso l’aeroporto tedesco di Francoforte. Un’agenzia di risorse umane in Svezia sta preparando colloqui di lavoro con Furhat e, in alcune scuole di Stoccolma, è un assistente per l’insegnamento. Rabobank, in Olanda, utilizza Furhat per addestrare il personale su come avere conversazioni difficili e delicate come rifiutare a qualcuno un prestito. Può fingere di essere arrabbiato o sconvolto, ponendolo in posizione di interagire in una serie di scenari emotivi. Una società di reclutamento sta per iniziare a condurre interviste con Furhat, eliminando ogni potenziale pregiudizio che l’elemento umano potrebbe introdurre nel colloquio.

Gli psicologi dell’Università di Stoccolma stanno creando una personalità robotica che mostra segni di depressione per colmare il divario di allenamento tra i libri e la realtà incontrare un paziente depresso in uno scenario clinico reale. L’azienda Furhat stessa ha sviluppato un personaggio con l’Alzheimer allo stadio iniziale che può risultare smemorato e ripetitivo e mostrare i primi segni di demenza.

Quanto può essere versatile il busto robot Furhat

Al Moubayed vede il potenziale ovunque, in particolare dove le persone hanno già lasciato il posto alle interfacce. Invece di visitare un sito di comparazione prezzi, Furhat potrebbe essere il nuovo agente di viaggio; invece di toccare uno schermo in un fast food, Furhat potrebbe prendere l’ordine ed essere consapevole del contesto, il che significa che saprà di dover ascoltare l’adulto e non i loro figli che chiedono il gelato. È un ottimo addetto al servizio clienti che non si arrabbia mai enon è mai annoiato, frustrato, affamato o stanco. Potrebbe aiutarti a imparare una lingua, conversare in tempo reale. Potrebbe indossare il volto di un personaggio dei cartoni animati e leggere ai figli una favola della buonanotte o ricordare loro di pulire le loro stanze in modo da non dover essere il genitore il cattivo. Dalle applicazioni serie nel settore sanitario ad essere un punto informativo, o anche comico in un parco a tema, le applicazioni sono vaste e varie.

Furhat Robotics robotica sociale

Il futuro della robotica sociale

La robotica sociale, l’idea che i robot possano connettersi con noi a livello emotivo anziché essere macchine progettate per compiti fisici, è ancora agli inizi. I progressi nell’AI stanno iniziando a permetterci di comunicare in modo più naturale con i computer. Ma stiamo ancora cercando di capire dove i robot possano adattarsi alla società. Anche le forme che dovrebbero prendere è una domanda interessante. Sappiamo, ad esempio, che è molto più facile per noi creare un legame con qualcosa che sembra tenero o grazioso, tranne in contesti particolarmente seri, come ospedali.

Alcune case di cura giapponesi hanno utilizzato un robot sociale simile a un cucciolo di foca da quasi 15 anni e vi sono chiari segni che i robot d’accompagnamento possono migliorare la salute mentale. Allo stesso modo, il robot compagno Kirobo Mini di Toyota è stato progettato appositamente per fare conversazioni casual con i guidatori in viaggi lunghi e solitari.

Mayfield Robotica sperava di mettere i robot sociali nelle case con il Kuri, che non era stato creato con uno scopo specifico se non quello di diventare parte della famiglia. Poteva leggere storie per bambini, giocare con animali domestici e scattare foto di momenti speciali. Ma Mayfield alla fine decise che semplicemente non poteva costruire un business sostenibili dalle vendite di Kuri.

Furhat non fa nulla… ma noi siamo pronti?

Furhat non è progettato per una funzione specifica, o limitato alle idee di una singola azienda. Invece, è un banco di prova per tutti con un’idea per un robot sociale con cui lavorare.

Ma quanto siamo pronti ad affrontare robot simili ad umani nella vita di tutti i giorni? Un agente di reclutamento potrebbe sentirsi a disagio nel tenere un colloquio con qualcuno con l’autismo, ad esempio, ma quella persona si sentirà a suo agio a parlare con un robot? Chi dice che un robot sarà veramente migliore nel valutare un candidato? È etico usare i robot conversazionali per eliminare la solitudine o aiutare le persone anziane? I dubbi sono tanti, ma gli usi potenziali sono vari.

La robotica sociale come concetto ampio non è dissimile dalle auto a guida autonoma, in un certo senso. La promessa è grande: rivoluzionare la vita e l’economia. Ma molte persone non saranno mai a loro agio nel consegnare la guida al computer. Allo stesso modo, molti potrebbero rifiutare l’idea di relazionarsi con un robot umanoide.

Furhat Robotics robotica sociale

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!