Piovono conferme sulle indiscrezioni che riguardano la nuova categoria di device presto in arrivo sul mercato: Samsung conferma alcune caratteristiche del suo prossimo smartphone pieghevole.

Telefono pieghevole tablet

Sembra proprio che ormai ci siamo: dopo anni di speculazioni, di tentativi, sviluppo ed investimenti, questo 2018 potrebbe essere quello buono per vedere finalmente sul mercato il primo smartphone pieghevole.
E per quanto la corsa per chi riesca a proporlo per primo tra le maggiori aziende del settore e sempre più serrata tra Samsung e Huawei, la prima potrebbe essere più vicina alla presentazione ufficiale rispetto alla seconda.

È stato D.J. Koh in persona a confidare a CNET alcuni dei dettagli più interessanti che caratterizzeranno la nuova classe di device mobili, o meglio uno in particolare che è sempre stato il sogno di tanti consumatori.

L’amministratore delegato di Samsung, capo della divisione mobile, ha confermato che il dispositivo pieghevole su cui stanno lavorando potrà essere utilizzato in due modalità: smartphone, come lo conosciamo noi oggi, e tablet, per un’esperienza visiva superiore.

Galaxy X ai box di partenza

Stando alle voci sempre più insistenti, il primo smartphone pieghevole di Samsung – che dovrebbe conquistare anche il primato rispetto a tutti gli altri competitor, in termini di tempismo nel lancio – si chiama Galaxy X, e negli anni abbiamo imparato a conoscerlo grazie ai render e ai concept sempre più realistici pubblicati online.

Già da tempo si sospettava un utilizzo “misto” di questo device ibrido, che dovrebbe assumere le sembianze di uno smartphone speciale, costituito da due display separati.
Nello specifico, tenendo il dispositivo chiuso si potrà utilizzare il terminale come uno smartphone normale, ma spiegandolo lo stesso assumerà le dimensioni di un vero tablet, con capacità multitasking e possibilità di utilizzarlo più facilmente per diverse operazioni.

D.J. Koh ha riferito a CNET che:

“Quando offriremo uno smartphone pieghevole, dovrà avere una certa importanza e un valore aggiunto per i nostri clienti. Se l’esperienza utente non è all’altezza dei miei standard, non metto in commercio quel tipo di prodotto.”

Inoltre, il vicepresidente di Samsung ha spiegato che in un primo momento lo smartphone pieghevole potrà trovare una nicchia di mercato in cui insidiarsi e crescere, ma che presto sarà anche in grado di espandersi, poiché ormai il mondo ha bisogno di uno smartphone pieghevole.

A tal proposito, in passato Koh si è soffermato su alcune riflessioni sul motivo dell’utilizzo dei computer: gli smartphone non sono in grado di scalzare questo tipo di dispositivo poiché, secondo il CEO, non hanno uno schermo abbastanza grande per poter soddisfare tutte le necessità. Ma, con la tecnologia flessibile, questo ostacolo può essere superato.

Nei mesi scorsi lo stesso Koh aveva lasciato intendere come la conferenza del 7 Novembre per gli sviluppatori di Samsung potesse essere il palcoscenico ideale per l’ufficializzazione del Galaxy X, e dal momento che si dicono già da un po’ pronti a proporre al mercato globale uno smartphone pieghevole, attendiamo fiduciosi.

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!