Investimenti in smart working: adeguato solo un quarto delle imprese italiane

L’analisi emerge dal bollettino annuale del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, secondo cui la spesa in smart working è cresciuta rispetto al 2018 del 23,5%

Alla prova “lavoro a distanza” imposta dal lockdown è arrivata preparata solo un quarto delle imprese italiane. Gli investimenti in smart working hanno riguardato solo il 24,6% delle aziende, dato riscontrato tra il 2015 e il 2019. Sul podio di questo dato rilevato dal bollettino annuale del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal ci sono le imprese di servizi informatici e di Tlc. Public utility, servizi e industria sono invece i settori top spender.

Secondo il bollettino, gli investimenti in smart working sono cresciuti rispetto al 2018 del 23,5% e seguono un trend di incremento consistente, “destinato probabilmente – fa sapere una nota – a conoscere una ulteriore impennata nel prossimo futuro”.

Non tutti i settori si sono potuti adattare all’introduzione del lavoro agile nella stessa maniera. L’ambito più ricettivo è stato quello delle Public utilities (luce, acqua, gas), in cui il 34,7% delle imprese ha dichiarato di aver operato investimenti in smart working. A seguire quello dei Servizi (25,5%), l’Industria (22,5%) e fanalino di coda le Costruzioni (19,9%).

All’interno del mondo dei servizi, gli investimenti in smart working si concentrano sul 50,9% delle imprese di Servizi informatici e delle telecomunicazioni, sul 48,8% delle imprese di Servizi finanziari e assicurativi, e il 40,3% dei Servizi avanzati di supporto alle imprese. A questa modalità di lavoro a distanza hanno invece guardato solo il 15,7% delle imprese dei Servizi culturali, sportivi e altri servizi alle persone e il 17,9% dei Servizi di alloggio e ristorazione e servizi turistici.

Hanno puntato invece sul lavoro a distanza il 33,3% delle Industrie elettriche, elettroniche, ottiche e medicali, il 32,8% per le Industrie chimiche, farmaceutiche e petrolifere e il 29,6% delle Industrie di fabbricazione macchinari.

Investimenti in smart working, il Sud Italia è più avanti

Investimenti in smart working

Il Mezzogiorno è l’area del Paese in cui maggiormente le imprese hanno puntato sul lavoro a distanza, un’opportunità offerta dalla tecnologia per colmare altri gap strutturali. A favore di questa modalità organizzativa hanno investito il 27,1% delle imprese meridionali. A seguire il Nord Ovest, con il 24,1%, il Nord Est con il 23,5%, quindi il Centro con il 23%.

A farla da padrone sono però le imprese con più di 500 dipendenti dove l’innovazione al lavoro agile riguarda il 53,1% delle aziende. Seguono il 50,3% delle aziende tra i 250 e i 499 dipendenti e il 41,8% delle aziende tra i 50 e i 249 dipendenti. La percentuale scende per le imprese più piccole. Infatti si notano investimenti in smart working solo per il 31,1% delle imprese tra i 10 e i 49 dipendenti, e per il 21,3% di quelle tra 1 e 9 dipendenti.

 


Investimenti in smart working: adeguato solo un quarto delle imprese italiane - Ultima modifica: 2020-05-12T09:14:22+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!