La fotocamera di Google Translate ora rileva automaticamente le lingue

L’impeccabilità nella traduzione linguistica è diventata un’importante dimostrazione delle capacità di alcune delle più grandi compagnie di AI nel mondo,

A partire da oggi, la fotocamera di Google Translate può rilevare automaticamente le lingue. Grazie a questa nuova funzione si potrà, per esempio, puntare la fotocamera su un volantino o segnale stradale e ottenere risultati nella tua lingua, anche se non sai quale lingua stai vedendo.

Le funzionalità di traduzione tramite computer vision di Google Translate hanno ottenuto un avanzamento oggi con l’aggiunta di 60 nuove lingue disponibile per le traduzioni istantanee. Questo porta il numero totale di lingue che puoi tradurre semplicemente puntando la tua fotocamera a 88.

Le nuove versioni andranno a beneficio dei viaggiatori in visita in Europa, Africa e Asia, con aggiunte come Hindi, Lettone, Persiano e Shona.

fotocamere google translate

Fotocamera di Google Translate: come funziona

La traduzione di immagini statiche di Google Translate – che richiede agli utenti di caricare un’immagine e di utilizzare il dito per selezionare il testo che vogliono tradurre – ha ottenuto la possibilità di tradurre 13 nuove lingue nell’autunno 2018 come l’arabo, il bengalese e il vietnamita.

Advertising

Le traduzioni istantanee con Google Translate e le fotocamere di smartphone sono iniziate nel 2015.

La notizia di un nuovo e migliorato Traduttore di Google segue l’aggiunta della lettura e traduzione on spot di oltre 100 lingue a maggio con il servizio di visione artificiale Lens Assistant di Google.

“Circa 25 delle lingue aggiunte di recente, tra cui l’arabo, lo swahili e l’urdu, sono disponibili per le traduzioni offline e non richiedono alcuna connessione di rete”, ha dichiarato un portavoce di Google AI. Circa un anno fa, Google Translate ha visto implementate le traduzioni offline basate su reti neurali in circa 60 lingue.

 

La sfida delle traduzioni impeccabili

L’impeccabilità nella traduzione linguistica è diventata un’importante dimostrazione delle capacità di alcune delle più grandi compagnie di AI nel mondo, come parte delle operazioni di comprensione del linguaggio che alimentano cose come gli assistenti dotati di AI, il commercio locale o le interazioni con i social media.

Google ha anche introdotto le traduzioni istantanee con gli speaker Google Home a gennaio, un modo per tradurre le conversazioni al volo.

Verso la fine del 2018, Facebook ha introdotto modi per utilizzare l’apprendimento non supervisionato per tradurre linguaggi che non dispongono di grandi set di dati per la formazione. Baidu ha anche mostrato le sue capacità di traduzione simultanea e Microsoft ha portato la traduzione di 60 lingue nei suoi servizi di rete enterprise.

 

 


La fotocamera di Google Translate ora rileva automaticamente le lingue - Ultima modifica: 2019-07-14T07:14:39+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!