di Fabio Bossi

Il fascino del telefonino non conosce crisi: secondo una ricerca di IDC, infatti, durante il terzo trimestre dell’anno il mercato dei cellulari è cresciuto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso di quasi il 40%, passando da 186,7 a 261,1 milioni di dispositivi distribuiti.

In questo panorama, la parte del leone la fanno ancora una volta i prodotti basati sul sistema operativo Android, che hanno raggiunto l’80% di marketshare (di cui il 39,9% costituito da modelli Samsung).
Per quanto riguarda gli smartphone di Apple, invece, la quota di mercato si è sensibilmente contratta, passando dal 14,4% del 2012 (sempre riferito al terzo trimestre dell’anno) al 12,9; sebbene il volume di iPhone distribuiti sia invece cresciuto di oltre il 25%. Il numero di iPhone immessi sul mercato è infatti passato in un anno da 26,9 a 33,8 milioni di unità, e occorre inoltre considerare che il rilevamento è stato effettuato nel periodo che ha preceduto il lancio dei nuovi modelli 5s e 5c, che avranno certamente dato un’accelerazione alle vendite Apple.
Una forte crescita si è invece registrata fra i modelli basati su Windows Phone, la cui quota di mercato ha registrato un incremento del 156% ma con numeri tutto sommato ancora molto contenuti. Nel terzo trimestre del 2012 sono stati distribuiti 3,7 milioni di smartphone con sistema Microsoft, per una quota del 2%, che quest’anno sono diventati 9,5 milioni, ovvero il 3,6% del mercato che è quasi interamente costituito dai cellulari prodotti da Nokia (per il 93,2%)
Male, invece, Blackberry, che cede più del 40% della propria quota arrivando fino all’1,7%, con 4,7 milioni di dispositivi contro i 7,7 dell’anno precedente.
I risultati della ricerca di IDC assumono però un significato sensibilmente diverso se si osservano i dati relativi al prezzo medio di vendita degli smartphone. Rispetto all’anno scorso, il prezzo medio di uno smartphone è calato del 12,5%, stabilendosi a 317$. Secondo IDC c’è sempre maggiore richiesta di dispositivi economici, fatta eccezione per i cosiddetti “phablet”, i dispositivi con schermo da 5 a 7” di diagonale, che sebbene anche loro in calo per quanto riguarda il prezzo medio (da 573 a 443”) restano decisamente più costosi degli smartphone con schermo standard.
Ma osservando i dati dei prezzi medi rilevati non si può far a meno di notare che è Apple a dominare incontrastata, con un valore che resta ben al di sopra dei 600$ per unità. I modelli equipaggiati con Windows Phone e con Android sono invece quasi allineati: per entrambi, infatti, il prezzo medio di vendita è inferiore ai 300$.

Il Rapporto IDC completo qui http://tinyurl.com/q5j9ykk

 

Android cresce più di tutti ultima modifica: 2013-11-22T08:30:11+00:00 da Francesco Marino
Accenture Cristina

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!