Nuove emoji su iPhone: arriva il “ma che vuoi”

In arrivo 117 pittogrammi di cui la mano con i polpastrelli uniti, che suggerisce il tipico gesto italiano per dire “che vuoi?”

Ci saranno ben 117 nuove emoji su iPhone. E ad accogliere i nuovi simboli sarà l’aggiornamento del sistema operativo, iOS 14.2, disponibile già in questo mese d’ottobre. Tra le figure che potrebbero diventare protagoniste dellla nuova messaggistica, spunta anche la mano con i polpastrelli uniti. Il cosiddetto “ma che vuoi?“.  Pittogramma che forse può essere considerato il più italiano di sempre.

Ma saranno le più varie le combinazioni di pittogrammi. Tra capelli e carnagione, di uomini, donne e persone che danno il biberon a un neonato. Per la prima volta è poi possibile scegliere di vestire in smoking emoji femminili, così come di mettere il velo da sposa a quelle maschili. Sei pittogrammi raffigurano un babbo natale non identificato né con un uomo né con una donna. Arrivano poi la bandiera e il simbolo transgender.

Secchio, sturalavandini, cacciavite, spazzolino sono alcuni dei nuovi oggetti, insieme allo specchio, alla scala e alla matrioska, alle infradito e all’elmetto militare.

Nuove emoji su iPhone

Nello sport ci sono il boomerang e i pattini a rotelle. Tra gli animali fanno il loro ingresso il mammut e il bisonte, ma anche la mosca e lo scarafaggio, oltre al gatto nero. La cucina si arricchisce con mirtilli, oliva, e peperone, focaccia, fonduta e teiera. Spazio anche all’anatomia, con cuore e polmoni disegnati in modo realistico.

Mentre Mammut, bisonte, mosca, scarafaggio e gatto nero sono le news entry del mondo animale, accompagnate da alcuni cibi, quali: mirtilli, olive, peperoni, focacce e fonduta. Insomma, un carico di nuove emoji su iPhone che daranno carattere e personalità ai nostri messaggi.


Nuove emoji su iPhone: arriva il “ma che vuoi” - Ultima modifica: 2020-10-02T10:00:22+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Packaging Premiere

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!