Covid-19, quali sono le persone più a rischio? La risposta in un’analisi genomica

Confermati i fattori di rischio dipendenti dal fumo e dall’alto indice di massa corporea

Quali sono le persone più a rischio di contrarre il Covid-19? A rispondere alla delicata domanda è un maxi studio genetico pubblicato su Nature, su scala mondiale, basato sui dati di quasi 50mila persone positive al virus e 2 milioni di soggetti sani di controllo.

Sostiene che la ragione dell’estrema variabilità nella reazione individuale al virus SarsCoV2 è scritta, almeno in parte, in 13 regioni del nostro DNA, che aumentano la suscettibilità all’infezione e il rischio di sviluppare forme gravi di malattia.

Risultati, che potranno aprire la strada a nuove terapie, derivati dal “Covid-19 Host Genomics Initiative”, una rete globale di oltre 3mila ricercatori di 25 Paesi creata nel marzo 2020 dall’italiano Andrea Ganna, ricercatore all’Istituto di medicina molecolare della Finlandia (Fimm) e al Broad Institute di Cambridge, insieme al collega Mark Daly.

Green Pass: come ottenerlo, quanto dura e a cosa serve

Al network ha dato un importante contributo anche l’Italia, attraverso i dati di oltre 8mila pazienti e la partecipazione di numerosi enti, come l’Università di Siena, l’Irccs Humanitas e il Politecnico di Milano.

Covid-19, chi è più a rischio

Un riassunto completo dei risultati rivela 13 “loci”, luoghi nel genoma umano, che sono fortemente associati a infezioni da Covid grave. Dei 13 loci identificati finora dal team, due avevano frequenze più alte tra pazienti di origine dell’Asia orientale o dell’Asia meridionale rispetto a quelli di origine europea.

Uno di questi due loci in particolare, vicino al gene FOXP4, è collegato al cancro ai polmoni. La “variante FOXP4” associata a grave Covid-19 aumenta l’espressione del gene, suggerendo che inibire il gene potrebbe essere una potenziale strategia terapeutica. Altri loci includevano DPP9, un gene sempre coinvolto nel cancro ai polmoni e nella fibrosi polmonare, e TYK2, che è implicato in alcune malattie autoimmuni.

covid-19_chi_più_a_rischio

I ricercatori hanno anche identificato, e confermato, l’importanza di alcuni fattori causali dipendenti dagli stili di vita, come il fumo e l’alto indice di massa corporea.
I risultati potrebbero contribuire a fornire obiettivi per le terapie future. Attualmente non esistono terapie mirate sull’infezione, a parte gli anticorpi monoclonali.

Formare questa collaborazione internazionale è stato sorprendentemente facile: è iniziato tutto con un tweet”, ha raccontato Ganna. “Avevamo un network esistente da cui siamo partiti e che si è espanso in maniera molto veloce. Quello che oggi pubblichiamo su Nature è solo la punta dell’iceberg di quanto abbiamo prodotto in questo anno”.

“Abbiamo trovato quattro regioni del Dna che aumentano il rischio di contrarre l’infezione e nove che invece aumentano la probabilità di sviluppare forme gravi di malattia. Alcune hanno a che fare con la risposta immunitaria, ed erano già note per il loro coinvolgimento in malattie autoimmuni e infiammatorie, mentre altre riguardano la biologia del polmone e hanno a che fare con malattie come la fibrosi e il tumore”  – ha poi proseguito Ganna.

Foto di Muhammad Naufal Subhiansyah da Pixabay


Covid-19, quali sono le persone più a rischio? La risposta in un’analisi genomica - Ultima modifica: 2021-07-09T10:22:34+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Cyber Security

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!