Quali sono virologi più affidabili? Gli italiani dicono la loro

Lo stile di comunicazione dei soggetti che a vario titolo si sono espressi riguardo la pandemia da un punto di vista medico-scientifico ha influito pesantemente sulla loro conoscenza e reputazione

Quali sono i virologi più affidabili secondo gli italiani? Da un anno a questa parte ne abbiamo conosciuto volti, nomi e capacità comunicativa. Perché no, anche persuasiva. E secondo un recente studio nato da un’idea di ABG PR (agenzia  specializzata in attività di ufficio stampa e digital PR) e realizzato a dicembre 2020 dall’istituto di ricerca AstraRicerche, in collaborazione con Volocom (società specializzata nell’ambito dell’editoria digitale e del monitoraggio dei media), la reputazione dei soggetti che a vario titolo si sono espressi riguardo la pandemia, da un punto di vista medico-scientifico, è tutta una questione di comunicazione.

La ricerca quantitativa svolta presso un campione di italiani tra i 18 e i 70 anni ha preso in considerazione 6 soggetti che hanno influenzato l’opinione pubblica con le loro dichiarazioni: Roberto Burioni, Ilaria Capua, Andrea Crisanti, Massimo Galli, Antonella Viola e Alberto Zangrillo.

I virologi più affidabili, la loro notorietà

Virologi livello di conoscenza dichiarato

Tre sono i virologi che hanno una notorietà nettamente superiore agli altri: Galli, Zangrillo e Burioni. Solo un intervistato su dieci dice di non conoscere Zangrillo e poco più di uno su sei ammette di non conoscere Galli e Burioni; inoltre la maggior parte degli intervistati ritiene di conoscerli bene (sotto questo punto di vista prevale Galli con il 22%, seguito da Zangrillo – 19% e da Burioni con il 18%). Due virologi ottengono un risultato intermedio, Crisanti e Capua.

Più di un soggetto su quattro non li conosce e solo il 13% li conosce bene. Un solo soggetto, Antonella Viola, è nettamente ‘staccata’ dagli altri: più della metà degli intervistati non la conosce e solo il 6% la conosce bene.

virologi indicatore sintetico di conoscenza

La notorietà è direttamente proporzionale a quanto i “virologi” siano stati presenti sui media a marzo (coefficiente di rilevanza del mese: 13.3) e ad aprile (9.3) cioè nei mesi di inizio della pandemia, di lockdown ‘totale’ per la popolazione italiana e di conseguente altissima attenzione alle informazioni mediatiche e a quanto siano stati presenti nel periodo successivo al mese di agosto e in particolare a settembre (coefficiente 10.9), ottobre (coefficiente 13.6: il mese con il valore massimo nell’anno) e novembre (11.3).

Da notare, quindi, l’andamento con due picchi. A partire da uno scarso impatto della presenza mediatica sulla notorietà a febbraio (5.7) si è saliti fortemente (marzo-aprile) per poi scendere (prima moderatamente a maggio e giugno e poi fortemente a luglio ed agosto) e poi risalire a livelli massimi (settembre-novembre) e infine scendere nuovamente (dicembre).

Coefficiente impatto-mese

Pare chiaro che nei periodi di lockdown (marzo-aprile) e di nuove restrizioni (settembre-novembre) l’impatto mediatico è stato massimo, mentre in quelli di maggior libertà per i cittadini (luglio, agosto, dicembre) l’impatto è crollato. Molto rilevante è la differenza di impatto tra i vari “mezzi”. L’impatto massimo è registrato sul web (coefficiente 18.8), un impatto rilevante (ma molto minore) è riscontrato sulla stampa (7.4).

Impatti non rilevanti (coefficienti tra 1.1 e 1.9) per tutti gli altri mezzi: TV, Radio, Social Media. Dallo studio emerge chiaramente quanto la notorietà dei “virologi più affidabili” sia influenzata dal loro stile di comunicazione, più che dai contenuti e che una comunicazione “aggressiva” non porta a un maggiore o migliore ricordo del soggetto.

Infatti l’analisi relativa al singolo “virologo” mostra che – rispetto a un punteggio base fissato in 100 – Crisanti ottiene molto di più (166: è più ricordato rispetto a quanto la sua visibilità suggerirebbe), Galli un valore più che positivo (121), Burioni è appena sopra la media (107), mentre Capua (77) e Viola (53) sono nettamente sottoperformanti rispetto alla visibilità che hanno avuto. Soprattutto Zangrillo, il più polarizzante e dai toni forti (come lo definiscono gli intervistati) ottiene solo 64 punti.

La capacità ad ottenere fiducia

Riassunto dai principali

I profili con una maggiore trustability (capacità ad ottenere fiducia) sono quelli di Massimo Galli e Andrea Crisanti. I due professionisti con il profilo più controverso sono invece Roberto Burioni e Alberto Zangrillo che risultano più degli altri, quest’ultimo in particolare, aggressivi, polemici, presuntuosi, e non sempre coerenti. Zangrillo inoltre risulta essere quello maggiormente in contrasto con i colleghi (30,9%).

 


Quali sono virologi più affidabili? Gli italiani dicono la loro - Ultima modifica: 2021-02-24T09:04:28+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!