Video NASA inedito: cosa ha visto Armstrong prima dell’allunaggio

Il nuovo video rilasciato dalla NASA, in cui si mostra ciò che Neil Armstrong vide durante l’atterraggio sulla Luna, racconta un bel momento e offre una lezione avvincente su leadership e compostezza.

Questo sabato ricorre il 50° anniversario dell’atterraggio sulla luna dell’Apollo 11. La NASA, per l’occasione, ha rilasciato un video davvero mozzafiato che mostra una parte dell’atterraggio che nessuno ha mai visto finora.

Il nuovo video della NASA racconta approssimativamente gli ultimi tre minuti del viaggio verso la luna visto dalla finestra del comandante della missione Neil Armstrong, quando ha dovuto prendere manualmente il controllo del lander e guidare il modulo lunare lontano da rocce e detriti che coprivano il sito di atterraggio previsto.

Le sue deviazioni dell’ultimo minuto hanno fatto sì che la navicella atterrasse con il carburante sufficiente per meno di un altro minuto di volo, ma anche che il lander non si è schiantato su alcuni dei grossi massi presenti nei dintorni.

Video nasa inedito Luna

Apollo 11: la tecnologia che ci portò sulla Luna 50 anni fa

Advertising

Video NASA inedito: il ruolo di Armstrong

In quel momento, Armstrong è così impegnato a volare che non ha il tempo di spiegare cosa sta facendo e cosa succede. Si sente il suo collega astronauta, Buzz Aldrin, mentre comunica i dati di navigazione rimanendo in contatto via radio con Houston.

L’unica telecamera montata sul lander lunare era sul lato di Aldrin, il che significa che nessun altro è mai stato in grado di vedere cosa Armstrong avesse visto e come e perché avesse assunto i comandi all’ultimo minuto, almeno fino a ora.

Nuovo video della NASA: la ricostruzione per il 50° anniversario

Poco prima del 50° anniversario, il team della NASA che lavora sul Lunar Reconnaissance Orbiter, un satellite che orbita intorno alla luna da quasi un decennio, ha creato una ricostruzione simulata usando immagini reali per mostrare la visuale di Armstrong durante l’avvicinamento alla luna.

Non è CGI, è vera fotografia, come spiegato in una dichiarazione:

“Il team di LROC ha ricostruito gli ultimi tre minuti della traiettoria di atterraggio (latitudine, longitudine, orientamento, velocità, altitudine) utilizzando la navigazione per punti di riferimento e le comunicazioni sull’altitudine dalla registrazione vocale. Da queste informazioni sulla traiettoria e le immagini e topografia LROC ad alta risoluzione, abbiamo simulato ciò che Armstrong ha visto in quei minuti finali mentre guidava il LM fino alla superficie della luna”.

Le due versioni del nuovo video della NASA

Ci sono due versioni del video. Uno mostra solo la visuale simulata di Armstrong, mentre quello qui di seguito mostra la versione simulata di ciò che Armstrong ha visto accoppiata alla registrazione reale in 16mm, sei fotogrammi al secondo di quello che Aldrin ha visto dal suo lato.

Nei prossimi giorni avremo molte opportunità di parlare delle meraviglie tecnologiche e delle qualità di leadership che hanno reso possibile la missione di sbarco sulla Luna e ci sarà anche modo di discutere se l’impresa è valsa il suo costo.

Per ora, è impressionante osservare e ascoltare come Armstrong e Aldrin si sono comportati compostamente, con calma, e hanno reagito rapidamente, durante una delle missioni più stressanti, pericolose e monumentali di tutta la storia umana.

La trascrizione in tempo reale

Ironia della sorte, la storia della NASA dell’Apollo 11 sul proprio sito web riporta le manovre di Armstrong con solo due frasi poco emozionanti:

“Durante l’avvicinamento finale, il comandante notò che il punto di atterraggio verso cui era diretta la navicella era al centro di un grande cratere che appariva estremamente robusto, con massi da cinque a dieci piedi di diametro e più grandi.

Di conseguenza, passò al controllo di assetto manuale per superare l’area di terreno accidentato.”

Ma se Armstrong non avesse preso il controllo e i due astronauti non avessero agito come hanno fatto, durante quegli ultimi minuti, l’anniversario di questa settimana avrebbe dovuto ricordare un risultato molto diverso.

È forse allora preferibile leggere la trascrizione in tempo reale, che rende l’importanza e la difficoltà un po’ più chiare:

Armstrong: “Houston, Base Tranquility qui. L’Eagle è atterrata.”

Houston: “Roger, Tranquility, ti sentiamo a terra, un gruppo di tizi qui stava diventando blu, stiamo respirando di nuovo adesso, grazie mille.”

 

 


Video NASA inedito: cosa ha visto Armstrong prima dell’allunaggio - Ultima modifica: 2019-07-18T15:52:24+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!