Gesti Android P è ufficiale: il nuovo sistema operativo Android P introdurrà ufficialmente i gesti (le gesture), sostituendo il classico trio di pulsanti nella parte inferiore dello schermo con danze delle dita che ricordano l’iPhone X (o il Palm Pre, per chi lo ricorda ancora). La nuova interfaccia è incentrata su un unico pulsante home a forma di pillola, che consente di accedere a un’interfaccia multi-tasking riprogettata. Ecco come funziona.

Gesti Android P come usarli

Per prima cosa: al momento i gesti Android P sono opzionali. È possibile che sia l’impostazione predefinita su una nuova installazione, ma se si utilizza la versione beta e non si vede la nuova interfaccia, si può attivare in Impostazioni > Sistema > Gesti.

Scorri verso l’alto dalla parte inferiore dello schermo e ti danno il benvenuto le app recenti nel nuovo hub chiamato “Overview”. A differenza della vecchia schermata, Google suggerisce anche alcune app che potresti voler avviare nella parte inferiore del display, oltre a una barra di ricerca per cercare rapidamente le informazioni.

Se scorri ancora una volta, avrai una visione completa del tuo cassetto delle app. Questo in sostanza sostituisce la necessità di utilizzare il launcher per aprire nuove app, dal momento che puoi semplicemente accedere al tuo launcher da qualsiasi posizione. Trascinando il tasto home a destra, puoi scorrere rapidamente le tue app recenti nella visualizzazione orizzontale (non funziona se trascini verso sinistra). Un passaggio rapido a destra funziona come Alt + Tab su Windows, passando all’app precedente. Basta toccare il pulsante per tornare a home, e tenerlo premuto richiama l’Assistente.

I gesti Android P favoriscono il multi-tasking

C’è una chiara enfasi sul multi-tasking con i nuovi gesti. Su questo fronte, c’è un trucchetto utile: per via delle anteprime più grandi, ora si può selezionare il testo direttamente dalla Overview. Ciò significa che copiare il testo tra le app è più rapido, utile per cose come incollare l’indirizzo di un contatto in Google Maps. Le selezioni funzionano anche con le Smart Actions di Google che consentono di selezionare il nome di un brano e di riprodurlo immediatamente in Spotify, ad esempio.

Per quanto riguarda il pulsante Indietro, Google ha scelto di rendere il più classico dei pulsanti Android un po’ più contestuale; fondamentalmente, si nasconde dalla vista quando non ne hai bisogno, come nella schermata iniziale. Questo cambiamento è abbastanza influente considerato che il pulsante Indietro viene utilizzato sempre in Android, ma non dovrebbe influire sulla funzionalità.

Lo spazio in più nella parte inferiore consente di liberare spazio sul telefono per alcune nuove funzionalità. Ad esempio, se hai attivato il blocco della rotazione, sarai in grado di sbloccarlo da un pulsante contestuale che verrà visualizzato quando accendi il dispositivo. Immagino che Google stia pensando ad altri modi per utilizzare la parte inferiore del telefono ora che ha lo spazio; Non sarebbe una grande sorpresa se più pulsanti contestuali fossero inseriti nei futuri aggiornamenti di Android.

Gesti Android P la disponibilità

È da tenere presente che questo aggiornamento è solo per i telefoni che girano sull’interfaccia di Google. Non sembra che i produttori saranno tenuti ad adottare i gesti di Google e molti OEM Android come Huawei e Motorola includono già gesti propri. Nondimeno è plausibile che i gesti diventeranno molto più importanti nei dispositivi Android futuri.

Android P tutte le nuove funzioni da scoprire

Google I/O 2018: tutte le novità annunciate

 

gesti Android P

Nuovi gesti Android P ecco come funzionano ultima modifica: 2018-05-16T12:32:32+00:00 da Web Digitalic
google_cloud

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!