Le case automobilistiche tedesche BMW e Mercedes (Daimler)  hanno comunicato che uniranno le loro attività di car sharing mentre cercano di competere meglio con le aziende della Silicon Valley per rimettere in sesto l’industria automobilistica tradizionale.

L’accordo tra BMW e Mercedes

Daimler, il produttore di auto Mercedes, e BMW hanno dichiarato uniranno i loro rispettivi servizi di mobilità – la serie di app e servizi che forniscono soluzioni di trasporto per le persone che non possiedono un auto o non vogliono usare la propria – in una joint venture in cui avranno parti uguali.

bmw e mercedes accordo-car-sharing

L’inedita alleanza BMW e Mercedes

L’alleanza è un importante punto di partenza per BMW e Mercedes  (Daimler), rivali di lunga data. Insieme alla divisione Audi di Volkswagen, la coppia domina il mercato globale dei veicoli di lusso, tuttavia, rischiano di essere travolti dalla potenza finanziaria superiore di nuovi concorrenti del mondo tecnologico, come Alphabet, la casa madre di Google, che ha investito in tecnologie automobilistiche autonome e ha un valore di borsa di 10 volte quello di Daimler.

Oltre DriveNow di BMW e Car2Go di Daimler (mercedes), l’accordo include servizi che aiutano i clienti a chiamare i taxi, trovare parcheggi e caricare veicoli elettrici.

Come pionieri nell’ingegneria automobilistica, non lasceremo il compito di plasmare la futura mobilità urbana ad altri”, ha affermato Dieter Zetsche, amministratore delegato di Daimler.

La concorrenza dalla Silicon Valley ai produttori tedeschi

Praticamente tutte le principali case automobilistiche in Europa, negli Stati Uniti e altrove stanno cercando di riformularsi in “società di mobilità” che fanno molto più che semplici veicoli di produzione di massa, ma è ancora una questione aperta se i produttori di automobili tradizionali possano essere agili e tecnologicamente esperti come le aziende della Silicon Valley, come Uber e Google, che stanno cercando di cambiare il significato stesso di proprietà dell’automobile e spesso dispongono di risorse finanziarie molto maggiori.

Finora, le compagnie automobilistiche di vecchia data hanno faticato a guadagnare con nuovi servizi come il car sharing. DriveNow, un’azienda di car sharing che offre una flotta di auto BMW e Mini per i clienti in Europa, ha perso 34 milioni di euro nel 2017, secondo il rapporto annuale della BMW.

Mettendo da parte la loro rivalità di lunga data e fondendo le loro operazioni digitali, BMW e Mercedes (Daimler) sperano di trovarsi in una posizione migliore per competere con aziende come Zipcar, un’unità di Avis Budget Group, che è il più grande servizio di car sharing negli Stati Uniti, così come minacce più grandi come Uber.

Le due società non hanno rivelato i termini finanziari dell’accordo. Entrambi hanno affermato che la fusione, che deve essere approvata dai regolatori, avrà un leggero effetto positivo sui guadagni del 2018.

Le aziende BMW e Mercedes che verranno inserite nella nuova joint venture

La joint venture non ha ancora un nome, ma includerà:
■ La Car2Go di Daimler (mercedes), che ha una flotta in Nord America, Asia ed Europa e afferma di essere il più grande servizio di car car sharing al mondo. Combinati, Car2Go e DriveNow di BMW avranno quattro milioni di utenti.

■ Il servizio ParkNow di BMW, che aiuta gli utenti a trovare parcheggi gratuiti su strada e spazi nei parcheggi a pagamento.

■ La rete di ricarica per auto elettriche BMW, che tramite i partner copre 143.000 punti di ricarica in tutto il mondo.

■ Servizi di ride-hailing tra cui MyTaxi di Daimler (Mercedes), un’app che consente agli utenti di ordinare e pagare per i taxi ordinari registrati. L’app è popolare in Europa, dove molte città non consentono Uber e altri servizi affini.

Daimler e BMW “rimangono concorrenti quando si tratta dei migliori veicoli premium“, ha dichiarato in una nota Harald Krüger, amministratore delegato della BMW. Ha aggiunto: “La prevista fusione dei nostri servizi di mobilità riunirà le nostre risorse e invierà un forte segnale ai nostri nuovi concorrenti”.

accordo BMW e Mercedes car sharing

BMW e Mercedes insieme per competere con la Silicon Valley nel car sharing ultima modifica: 2018-03-31T07:33:47+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!