Ecco cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA, nella sua testimonianza integrale, il discorso preparato per spiegare gli ultimi scandali.
Mark Zuckerberg ha, infatti,  testimoniato davanti al Comitato dell’Energia e del Commercio del Congresso USA, questa è la prima di due udienze previste a Capitol Hill per il fondatore e CEO di Facebook.
Facebook doveva fornire delucidazioni in merito ai dati che la società di ricerca Cambridge Analytica ha ottenuto e che riguardano le informazioni personali di ben 87 milioni di utenti di Facebook (214mila italiani).

Facebook Datagate

Il leak di dati è solo l’esempio più recente delle problematiche che colpiscono il social network e segue le segnalazioni di intromissioni russe durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 e il controverso voto sul Brexit nel Regno Unito.

Lo scandalo Facebook sui dati

Facebook negli ultimi mesi ha inviato rappresentanti a Washington per affrontare i problemi di interferenze straniere su Facebook, ma le udienze previste per questa settimana rappresenteranno la prima opportunità dell’azienda di affrontare la questione delle policy sulla privacy davanti ai legislatori e sono anche la prima volta in cui Zuckerberg viene chiamato a parlare al Congresso.

Qui le risposte principali date da Zuckerberg alle domande dei Senatori

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: La testimonianza integrale

cosa ha detto-zuckerberg congresso americano

Presidente Walden, Ranking Member Pallone, e Membri del Comitato,

affrontiamo una serie di questioni importanti relative alla privacy, alla sicurezza e alla democrazia, e avrete giustamente alcune domande difficili a cui rispondere. Prima di parlare dei passi che stiamo facendo per affrontare tali questioni, voglio parlare di come siamo arrivati ​​a questo punto.

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: gli ideali di Facebook

Facebook è un’azienda idealista e ottimista. Per gran parte della nostra esistenza, ci siamo concentrati su tutto il bene che mettere in contatto le persone può portare. Mentre Facebook è cresciuta, le persone di tutto il mondo hanno ottenuto un nuovo potente strumento per rimanere in contatto con le persone che amano, far sentire la propria voce e costruire comunità e imprese. Proprio di recente, abbiamo visto il movimento #metoo e la March for Our Lives, organizzata, almeno in parte, su Facebook. Dopo l’uragano Harvey, sono stati raccolti oltre 20 milioni di dollari in aiuti. Oltre 70 milioni di piccole imprese ora usano Facebook per crescere e creare posti di lavoro.

Ma ora è chiaro che non abbiamo fatto abbastanza per impedire che questi strumenti venissero usati anche per fare danno. Ciò vale per le fake news, le interferenze straniere nelle elezioni e i discorsi di incitamento all’odio, così come per gli sviluppatori e la privacy dei dati. Non abbiamo avuto una visione abbastanza ampia della nostra responsabilità e questo è stato un grosso errore. È stato un mio errore e mi dispiace. Ho aperto Facebook, lo gestisco e sono responsabile di ciò che accade qui.

Quindi ora dobbiamo esaminare ogni parte del nostro rapporto con le persone e assicurarci di avere una visione sufficientemente ampia della nostra responsabilità.

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: Le colpe di Facebook

Non è sufficiente connettere le persone, dobbiamo assicurarci che queste connessioni siano positive. Non basta solo dare alle persone una voce, dobbiamo assicurarci che le persone non la usino per ferire altre persone o diffondere disinformazione. Non è abbastanza dare alle persone il controllo delle loro informazioni, dobbiamo assicurarci che anche gli sviluppatori a cui le hanno date le stiano proteggendo. In generale, abbiamo la responsabilità non solo di costruire strumenti, ma di assicurarci che tali strumenti siano utilizzati positivamente.

Ci vorrà del tempo per elaborare tutti i cambiamenti che dobbiamo apportare, ma mi impegno a farlo nel modo più giusto.

Ciò include il miglioramento del modo in cui proteggiamo le informazioni delle persone e salvaguardiamo le elezioni in tutto il mondo. Ecco alcune cose chiave che stiamo facendo:

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: lo Scandalo Facebook Cambridge Analytica

II. CAMBRIDGE ANALYTICA

Nelle ultime settimane, abbiamo lavorato per capire esattamente cosa è successo con Cambridge Analytica e per fare in modo che questo non possa accadere di nuovo. Abbiamo intrapreso azioni importanti per impedire che ciò potesse accadere di nuovo oggi già quattro anni fa, ma abbiamo anche commesso degli errori, c’è ancora molto da fare e dobbiamo intensificare il lavoro e farlo.

A. Che cosa è successo

Nel 2007, abbiamo lanciato la piattaforma Facebook con la visione che più app sarebbero dovute essere social. Il tuo calendario dovrebbe essere in grado di mostrare i compleanni dei tuoi amici, le tue mappe dovrebbero mostrare dove vivono i tuoi amici e la tua rubrica dovrebbe mostrare le loro foto. Per fare questo, abbiamo permesso alle persone di accedere ad app e a condividere chi erano i loro amici e alcune informazioni su di loro.

Nel 2013, un ricercatore dell’Università di Cambridge, Aleksandr Kogan, ha creato un’applicazione di un quiz sulla personalità. È stata installata da circa 300.000 persone che hanno accettato di condividere alcune delle loro informazioni di Facebook e alcune informazioni dai loro amici le cui impostazioni sulla privacy lo consentivano. Dato il modo in cui la nostra piattaforma funzionava all’epoca, ciò significava che Kogan era in grado di accedere ad alcune informazioni su decine di milioni di loro amici.

Nel 2014, per prevenire app dal comportamento illegittimo, abbiamo annunciato che avremmo cambiando l’intera piattaforma per limitare drasticamente l’accesso delle app alle informazioni di Facebook. Soprattutto, app come quella di Kogan non avrebbero potuto più chiedere informazioni sugli amici di una persona a meno che i anche loro amici non avessero autorizzato l’app. Abbiamo anche richiesto agli sviluppatori di ottenere l’approvazione di Facebook prima di poter richiedere dati al di fuori del profilo pubblico, dell’elenco di amici e dell’indirizzo email dell’utente. Queste azioni oggi impedirebbero a qualsiasi app come quella di Kogan di accedere a molti dati di Facebook.

Nel 2015, abbiamo appreso dai giornalisti del Guardian che Kogan aveva condiviso i dati della sua app con Cambridge Analytica. È contrario alle nostre policy che gli sviluppatori condividano i dati senza il consenso delle persone interessate, quindi abbiamo immediatamente bandito l’app di Kogan dalla nostra piattaforma e richiesto che Kogan e altre entità a cui ha fornito i dati, inclusa Cambridge Analytica, certificassero formalmente di aver cancellato tutte le acquisizioni improprie di dati – cosa che alla fine hanno fatto.

Il mese scorso, abbiamo appreso dal Guardian, dal New York Times e da Channel 4 che Cambridge Analytica potrebbe non aver cancellato i dati come aveva certificato. Abbiamo immediatamente vietato loro l’utilizzo di uno qualsiasi dei nostri servizi. Cambridge Analytica afferma di aver già cancellato i dati e ha accettato un controllo forense da un’azienda che abbiamo assunto per indagare su questo. Stiamo anche lavorando con l’U.K. Information Commissioner’s Office, che ha giurisdizione su Cambridge Analytica, mentre completa la sua indagine su quanto accaduto.

B. Cosa stiamo facendo

Abbiamo la responsabilità di assicurarci che ciò che è successo con Kogan e Cambridge Analytica non si verifichi più. Ecco alcuni dei passi che stiamo facendo a proposito:

Salvaguardare la nostra piattaforma. Dobbiamo assicurarci che sviluppatori, come Kogan, che hanno avuto accesso a molte informazioni in passato non possano avere accesso a tante informazioni nel futuro.

1. Nel 2014 abbiamo apportato alcuni importanti cambiamenti alla piattaforma Facebook per limitare drasticamente la quantità di dati a cui gli sviluppatori possono accedere e per rivedere in modo proattivo le app che operano sulla nostra piattaforma. Quanto fatto impedisce che uno sviluppatore oggi possa ancora fare ciò che Kogan ha fatto anni fa.

2. Ma c’è di più che possiamo fare per limitare le informazioni a cui gli sviluppatori possono accedere e mettere in atto più salvaguardie per prevenire gli abusi.

– Stiamo rimuovendo l’accesso degli sviluppatori ai tuoi dati se non hai usato la loro app da tre mesi.

– Stiamo riducendo i dati che fornisci a un’app quando la approvi, limitandoli solo al tuo nome, la foto del profilo e l’indirizzo email. È molto meno di quanto le app possano ottenere su qualsiasi altra principale piattaforma di app.

– Stiamo richiedendo agli sviluppatori non solo di ottenere l’approvazione, ma anche di firmare un contratto che impone requisiti rigorosi per chiedere a chiunque l’accesso ai loro post o altri dati privati.

– Stiamo limitando più API come gruppi ed eventi. Dovresti essere in grado di accedere alle app e condividere facilmente le tue informazioni pubbliche, ma tutto ciò che potrebbe condividere anche informazioni di altre persone – come gli altri post nei gruppi in cui ti trovi o altre persone che partecipano agli eventi a cui intendi andare – sarà molto più limitato.

– Due settimane fa, abbiamo scoperto che una funzionalità che ti consente di cercare qualcuno in base al numero di telefono e all’email è stata abusata. Questa funzione è utile nei casi in cui le persone hanno lo stesso nome, ma è stata abusata per collegare le informazioni pubbliche di Facebook degli utenti a un numero di telefono di cui si era già in possesso. Non appena abbiamo scoperto di questo utilizzo illegittimo, abbiamo disattivato la funzione.

3. Indagini su altre app. Stiamo esaminando tutte le app che hanno avuto accesso a una grande quantità di informazioni prima di bloccare la nostra piattaforma nel 2014. Se rileveremo attività sospette, eseguiremo un controllo completo e se scopriremo che qualcuno sta utilizzando in modo improprio i dati, lo allontaneremo dalla piattaforma e informeremo tutti gli interessati.

4. Costruire controlli migliori. Infine, stiamo rendendo più facile da capire a quali app hai dato l’accesso ai tuoi dati. Questa settimana abbiamo iniziato a mostrare a tutti un elenco delle app utilizzate e un modo semplice per revocare le autorizzazioni ai tuoi dati. Puoi già farlo nelle impostazioni sulla privacy, ma lo inseriremo nella parte superiore del feed delle notizie per assicurarci che tutti lo vedano. Abbiamo anche avvisato tutti coloro che potenzialmente hanno fornito dati a Cambridge Analytica.

Oltre ai passi che avevamo già compiuto nel 2014, ritengo che questi siano i prossimi passi da compiere per continuare a proteggere la nostra piattaforma.

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: lo scandalo Facebook Fake News e le elezioni

III. INTERFERENZE RUSSE SULLE ELEZIONI

La missione di Facebook è di dare alle persone una voce e avvicinare le persone. Sono valori profondamente democratici e siamo orgogliosi di questi valori. Non voglio che nessuno usi i nostri strumenti per indebolire la democrazia. Questo non è ciò che rappresentiamo.

Siamo stati troppo lenti a individuare e rispondere alle interferenze russe e stiamo lavorando duramente per migliorare. La nostra sofisticazione nel gestire queste minacce sta crescendo e migliorando rapidamente. Continueremo a lavorare con il governo per capire la portata dell’interferenza russa, e faremo la nostra parte non solo per garantire l’integrità di elezioni libere ed eque in tutto il mondo, ma anche per dare voce a tutti e per essere una forza positiva in democrazia ovunque.

A. Che cosa è successo

Le elezioni sono sempre state momenti particolarmente delicati per il nostro team di sicurezza e le elezioni presidenziali americane del 2016 non hanno fatto eccezione.

Il nostro team di sicurezza è stato a conoscenza delle tradizionali minacce informatiche russe, come l’hacking e il malware, da anni. Alla vigilia del giorno delle elezioni del novembre 2016, abbiamo rilevato e affrontato diverse minacce legate alla Russia. Ciò includeva l’attività di un gruppo chiamato APT28, che il governo degli Stati Uniti ha pubblicamente collegato ai servizi di intelligence militari russi.

Ma mentre la nostra attenzione principale era rivolta alle minacce tradizionali, abbiamo anche visto alcuni nuovi comportamenti nell’estate del 2016 quando gli account relativi a APT28, sotto la bandiera di DC Leaks, hanno creato falsi personaggi che erano stati usati per seminare informazioni rubate ai giornalisti. Abbiamo chiuso questi account per aver violato le nostre norme.

Dopo le elezioni, abbiamo continuato a indagare e a saperne di più su queste nuove minacce. Ciò che abbiamo scoperto è che i criminali hanno utilizzato reti coordinate di account falsi per interferire sulle elezioni: promuovere o attaccare candidati e cause specifiche, creare sfiducia nelle istituzioni politiche o semplicemente diffondere confusione. Alcuni di questi criminali hanno utilizzato anche i nostri strumenti pubblicitari.

Abbiamo anche appreso di una campagna di disinformazione condotta dalla Internet Research Agency (IRA) – un’agenzia russa che ha ripetutamente agito in modo ingannevole e ha cercato di manipolare persone negli Stati Uniti, in Europa e in Russia. Abbiamo trovato circa 470 account e pagine collegati all’IRA, che hanno generato circa 80.000 post su Facebook nell’arco di circa due anni.

La nostra stima è che a circa 126 milioni di persone sia stato diffuso contenuto promosso da una pagina Facebook associata all’IRA a un certo punto durante quel periodo. Su Instagram, dove i nostri dati sul reach non sono completi, abbiamo trovato circa 120.000 pezzi di contenuto e stimiamo che altre 20 milioni di persone siano state probabilmente colpite.

Nello stesso periodo, l’IRA ha speso circa $100.000 per oltre 3.000 annunci su Facebook e Instagram, che sono stati visti da circa 11 milioni di persone negli Stati Uniti. Abbiamo chiuso questi account dell’IRA nell’agosto 2017.

B. Cosa stiamo facendo

Non c’è dubbio che avremmo dovuto notare l’interferenza russa prima, e stiamo lavorando duramente per assicurarci che non accada di nuovo. Le nostre azioni includono:

Costruire nuove tecnologie per prevenire gli abusi. Dal 2016, abbiamo migliorato le nostre tecniche per impedire agli Stati nazionali di interferire nelle elezioni estere e abbiamo sviluppato strumenti di intelligenza artificiale più avanzati per rimuovere gli account falsi in generale. Da allora ci sono state numerose elezioni importanti in cui questi nuovi strumenti sono stati impiegati con successo. Per esempio:

1. In Francia, fino alle elezioni presidenziali del 2017, abbiamo trovato e chiuso 30.000 account falsi.

2. In Germania, prima delle elezioni del 2017, abbiamo lavorato direttamente con la commissione elettorale per apprendere da loro le minacce che hanno notato e condividere informazioni.

3. Nell’elezione speciale del Senato degli Stati Uniti in Alabama lo scorso anno, abbiamo implementato nuovi strumenti di intelligenza artificiale che hanno rilevato proattivamente e rimosso account falsi Macedoni che cercavano di diffondere disinformazione.

4. Abbiamo disattivato migliaia di account legati a spammer di fake news organizzate e motivate dal punto di vista finanziario. Queste indagini sono state utilizzate per migliorare i nostri sistemi automatici che trovano account fasulli.

5. La scorsa settimana abbiamo chiuso più di 270 pagine e ulteriori account gestiti dall’IRA e utilizzati per colpire persone in Russia e russofoni in paesi come l’Azerbaigian, l’Uzbekistan e l’Ucraina. Alcune delle pagine che abbiamo rimosso appartengono alle organizzazioni di notizie russe che abbiamo determinato erano controllate dall’IRA.
Aumentare significativamente il nostro investimento in sicurezza. Ora abbiamo circa 15.000 persone che lavorano sulla sicurezza e sulla revisione dei contenuti. Avremo più di 20.000 entro la fine di quest’anno.

1. Ho dato ordine ai nostri team di investire tanto nella sicurezza, oltre agli altri investimenti che stiamo facendo, cosa che avrà un impatto significativo sulla redditività futura. Ma voglio essere chiaro su quale sia la nostra priorità: proteggere la nostra comunità è più importante che massimizzare i nostri profitti.

Rafforzare le nostre policy pubblicitarie. Sappiamo che alcuni membri del Congresso stanno esplorando i modi per aumentare la trasparenza sulla pubblicità politica e siamo felici di continuare a lavorare con il Congresso su questo. Ma non stiamo aspettando che la legislazione agisca.

1. D’ora in poi, tutti gli inserzionisti che desiderano pubblicare annunci politici dovranno essere autorizzati. Per ottenere l’autorizzazione, gli inserzionisti dovranno confermare la loro identità e posizione. A qualsiasi inserzionista che non viene accordato il permesso sarà vietato pubblicare annunci politici o relativi a tematiche politiche. Li etichetteremo e gli inserzionisti dovranno mostrarti chi ha pagato per loro. Stiamo avviando questi interventi negli Stati Uniti ed espanderemo gli sforzi nel resto del mondo nei prossimi mesi.

2. Per una maggiore trasparenza degli annunci politici, abbiamo anche creato uno strumento che consente a chiunque di vedere tutti gli annunci che una pagina ha in esecuzione. Lo stiamo testando ora in Canada e l’avremo a disposizione in tutto il mondo entro questa estate. Stiamo anche creando un archivio ricercabile di annunci politici passati.

3. Richiederemo che vengano verificate anche le persone che gestiscono pagine di grandi dimensioni. Ciò renderà molto più difficile per alcune persone gestire pagine utilizzando account falsi, o crescere in modo virale e diffondere disinformazione o contenuti divisivi in ​​questo modo.

4. Per richiedere la verifica di tutte queste pagine e inserzionisti, assumeremo migliaia di persone in più. Ci impegniamo a farlo in tempo per i mesi critici prima delle elezioni del 2018 negli Stati Uniti e per le elezioni in Messico, Brasile, India, Pakistan e altrove nel prossimo anno.

5. Questi passaggi da soli non impediranno a tutte le persone di provare ad aggirare il sistema, ma renderanno molto più difficile per chiunque fare ciò che i russi hanno fatto durante le elezioni del 2016 e utilizzare account e pagine false per pubblicare annunci pubblicitari. L’interferenza elettorale è un problema più grande di qualsiasi piattaforma, ed è per questo che sosteniamo l’Honest Ads Act. Ciò contribuirà ad alzare il livello di controllo su tutti gli annunci pubblicitari politici online.

Condividere informazioni. Collaboriamo con altre società tecnologiche per condividere informazioni sulle minacce e collaboriamo anche con il governo degli Stati Uniti e altri governi stranieri sull’integrità delle elezioni.

Allo stesso tempo, è anche importante non perdere di vista i modi più semplici e più ampi in cui Facebook svolge un ruolo nelle elezioni.

Nel 2016, le persone hanno avuto miliardi di interazioni e discussioni aperte su Facebook che non sarebbero mai potute avvenire offline. I candidati avevano canali diretti per comunicare con decine di milioni di cittadini. Le campagne elettorali hanno visto spese decine di milioni di dollari per l’organizzazione e la pubblicità online per estendere ulteriormente i messaggi. E abbiamo organizzato la diffusione del messaggio “vai a votare” che hanno aiutato più di 2 milioni di persone a iscriversi per votare, cosa che non avrebbero fatto diversamente.

La sicurezza, incluse le elezioni, non è un problema che si possa risolvere completamente. Organizzazioni come l’IRA sono avversari sofisticati che sono in continua evoluzione, ma continueremo a migliorare le nostre tecniche per essere sempre all’avanguardia. E continueremo a costruire strumenti per aiutare più persone a far sentire la propria voce nel processo democratico.

Le Conclusioni della testimonianza di Zuckerberg al Congresso USA

IV. CONCLUSIONI

La mia priorità principale è sempre stata la nostra missione sociale di collegare le persone, costruire comunità e avvicinare il mondo. Gli inserzionisti e gli sviluppatori non avranno mai la priorità su questo finché ho in gestione Facebook.

Ho avviato Facebook quando ero al college. Abbiamo fatto molta strada da allora. Ora serviamo più di 2 miliardi di persone in tutto il mondo e ogni giorno le persone usano i nostri servizi per rimanere in contatto con le persone per loro più importanti. Credo profondamente in quello che stiamo facendo e, mentre affrontiamo queste sfide, so che guarderemo indietro e vedremo come aiutare le persone a connettersi e dare a più persone una voce sia una forza positiva nel mondo.

Mi rendo conto che i problemi di cui stiamo parlando oggi non sono solo problemi per Facebook e la nostra comunità, sono sfide per tutti noi come americani. Grazie per avermi ospitato qui oggi, sono pronto a rispondere alle vostre domande.

Cosa ha detto Zuckerberg al Congresso USA: la testimonianza ultima modifica: 2018-04-10T20:14:57+00:00 da Web Digitalic
CeBit 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!