Effetti del Covid19: ha tolto la speranza agli italiani, i numeri

Gli effetti del Covid19 sono stati devastanti non solo per il numero di vite strappate, ma anche per situazione che lascia a livello economico e psicologico: è crollata la speranza nel futuro, solo 1 italiano su 10 guarda avanti con ottimismo.

La ricerca “Covid-19 Consumer Pulse Survey” misura gli effetti del Covid19 sulla vita delle persone, sulle loro abitudini e speranze per il futuro. Solo il 10% degli italiani guarda con ottimismo al futuro, alla ripresa economica dopo l’emergenza sanitaria

Gli effetti del Covid19 sull’economia e la psicologia delle persone

Ecco quale impatto sta avendo l’emergenza sanitaria globale sulle persone: McKinsey & Company ha pubblicato i primi risultati della ricerca “Covid-19 Consumer Pulse Survey” in cui, monitorando il consumer sentiment di 40 Paesi tra fine marzo e metà aprile, è stato tracciato un profilo (seppure ancora parziale) degli effetti economici e sociali della pandemia.

Il Covid19 ha distrutto la speranza sul futuro

Tra gli indicatori presi in considerazione, il livello di fiducia nelle capacità di ripresa delle economie nazionali: in Europa meno del 20% della popolazione si dice ottimista, una percentuale che registra, nel periodo, un calo tra il 25% e il 40% in Paesi come UK, Francia, Spagna e Italia; unica eccezione, la Germania che si attesta sul 24%, con valori pressoché stabili. Più elevato (35%), ma comunque in discesa, il livello di ottimismo negli Stati Uniti, mentre Cina ed India si rivelano in controtendenza con valori in crescita del 10% sui livelli di metà marzo.
In Italia solo 1 persona su dieci è ottimista sul futuro, sulla ripresa economica dopo l’emergenza sanitaria.
In Cina invece è ottimista il 52%.
Anche la Francia ha perso la speranza, stessi valori italiani (solo il 10% è ottimista)
La Germania invece le persone che hanno fiducia sono più del doppio (25%)
Negli USA è il 35%.

Effetti del Covid19 su economia e psicologia

Effetti del Covid19: riduzione delle entrare

Sostanzialmente tutti gli italiani si aspettano di guadagnare meno in futuro, solo 1% dice di aspettarsi entrate maggiori.
Tra il 25% e il 63% dei consumatori a livello globale prevede una diminuzione delle proprie entrate nell’immediato futuro.
La percentuale di coloro che al contrario si aspettano maggiori guadagni è minima in quasi tutti i Paesi monitorati (sotto il 5% in Francia, Germania, Spagna e Regno Unito; solo l’1% in Italia), ad eccezione, ancora una volta, di Cina ed India dove una fetta più ampia (ma comunque minoritaria) del campione – tra il 25% e il 18% – si aspetta di veder aumentare i proprio guadagni.

Gli effetti del Covid19 sulla spesa

Questi due fattori influenzano direttamente le previsioni di spesa dei consumatori.

Nei Paesi dove il livello di ottimismo è più alto, le percentuali di coloro che pensano di spendere di più sono superiori a quelle di coloro che prevedono di ridurre le spese, come ad esempio in Cina (il 33% pesa di spendere di più in futuro contro 28%), Arabia Saudita (42% contro 31%) e Indonesia (50% contro 21%).
Al contrario, in Europa la percentuale dei consumatori intenzionati a ridurre le spese è tendenzialmente superiore rispetto a quelli che ne prevedono un aumento: una forbice in alcuni casi più ridotta, come in Belgio (23% contro 22%) e Germania (24% contro 15%), in altri più evidente, come in Italia (37% contro 15%), Spagna (34% contro 13%) e UK (36% contro 9%). Lo stesso accade anche per Stati Uniti (40% contro 15% ) e Canada (49% contro 11%).

Effetti del Covid19: chi paga il prezzo più alto

In questo orizzonte, alcune categorie (ristorazione, abbigliamento, accessori, turismo, intrattenimento fuori casa) risultano più colpite, mentre generi alimentari e per la casa mantengono valori positivi; in crescita anche tutto il comparto dell’home entertainment. Si tratta di un trend destinato a durare per qualche tempo, visto che più del 75% dei consumatori a livello globale pensa che gli effetti del Covid-19 impatteranno la loro routine e le loro finanze per oltre due mesi e circa il 50% ipotizza che ci vorranno oltre 4 mesi per un ritorno alla normalità. Nella riorganizzazione della quotidianità, il digitale assume un ruolo sempre più da padrone, con cospicue percentuali di persone (in Italia oltre il 40% degli intervistati) che intendono dedicare ancora più tempo al consumo di news, video, film in versione digitale e ai social. Nuove abitudini stanno prendendo piede coinvolgendo nuove fasce di popolazione: dall’online streaming (con un incremento di utilizzo dichiarato da circa il 40% di utenti) al videoconferencing (la cui crescita in Paesi come Italia, Cina e Giappone è legata per il 50% a nuovi utenti) e alle videochat personali (con un incremento di utilizzo da parte di oltre il 40% di utenti in Spagna e Cina), dal remote learning, all’online fitness e alla telemedicina (il settore più in vista, dove oltre il 50% della crescita è legata a nuovi utenti in tutto il mondo).


Effetti del Covid19: ha tolto la speranza agli italiani, i numeri - Ultima modifica: 2020-06-08T07:45:15+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!