Uber non colpevole , probabilmente la macchina a guida autonoma non è reputabile colpevole per il micidiale incidente in cui è stato coinvolto un loro veicolo a guida automatica in Arizona, domenica sera scorsa, in base a quanto affermato dal capo della polizia di Tempe, Sylvia Moir, parlando con il San Francisco Chronicle in un’intervista il giorno seguente. I suoi commenti hanno suscitato scalpore e sono stati da molti ritenuti inappropriati, in relazione a questo incidente descritto come il primo caso in cui un essere umano è stato ucciso da un veicolo autonomo.

Uber incidente mortale non colpevole

Uber non colpevole, nessun conducente avrebbe potuto evitare lo schianto

Lo schianto si è verificato nei pressi di Mill Avenue e Curry Road nella tarda serata a Tempe, in Arizona. Il veicolo Uber era diretto verso nord quando una donna, identificata come Elaine Herzberg di 49 anni, è stata colpita mentre spingeva una bicicletta dall’altra parte della strada. Herzberg è stata portata all’ospedale, dove però è morta per via delle ferite riportate.

Il veicolo viaggiava a 38 miglia all’ora, anche se non è chiaro se fosse al di sopra o al di sotto del limite di velocità. (La polizia ha detto che il limite di velocità era di 35 miglia all’ora, ma un’immagine di Google Street View della carreggiata presa lo scorso luglio mostra un limite di velocità di 45 miglia all’ora in quel tratto di strada.) L’autista, Rafaela Vasquez, di 44 anni, era in auto ma il veicolo era in modalità guida autonoma. Ha rilasciato una dichiarazione alla polizia.

La polizia ha visto il filmato ripreso da due delle telecamere del veicolo, una rivolta in avanti verso la strada e l’altra all’interno della vettura rivolta verso l’autista. Sulla base del filmato, Moir ha detto che qualsiasi autista non sarebbe riuscito a reagire, il tempo per reagire era troppo poco. “L’autista ha detto che è stato come un lampo, la persona è saltata all’improvviso davanti a loro”, ha detto. “Il primo allarme è stato il suono della collisione.”

Ha aggiunto: “È molto chiaro che sarebbe stato difficile evitare questa collisione in qualsiasi tipo di modalità [autonoma o guidata dall’uomo] in base al modo in cui la persona colpita è arrivata improvvisamente dall’ombra direttamente nella carreggiata.”

Uber non colpevole ? Il dibattito

I sostenitori delle strade sicure sono stati pronti a denunciare i commenti di Moir come sordi, inappropriati e forse disinformati. Il dipartimento di polizia di Tempe ha emesso una dichiarazione in cui si legge: “Il dipartimento di polizia di Tempe non determina i difetti nelle collisioni dei veicoli”.

La questione della responsabilità

I commenti di Moir sembrerebbero contraddire le nuove leggi dell’Arizona che regolano i test dei veicoli autonomi su strade pubbliche. L’ordine esecutivo, emesso dal governatore dell’Arizona Doug Ducey a marzo, stabilisce che una società è responsabile se una delle sue auto a guida autonoma uccide con negligenza una persona. La società che gestisce i veicoli sarebbe responsabile, dice l’ufficio del governatore, e la società potrebbe essere ritenuta penalmente responsabile come una persona.

“Credo che non possa ritenersi che Uber abbia commesso un errore in questo incidente”, ha affermato Moir al Chronicle, aggiungendo: “non escludo che potenzialmente si possa giungere a una denuncia del guidatore di riserva del veicolo Uber.”

La polizia di Tempe sta collaborando con l’US National Safety Board nelle indagini. Il legale della contea di Maricopa sarà responsabile per la presentazione di eventuali addebiti al termine dell’indagine del dipartimento di polizia.

Moir ha anche criticato Herzberg per aver attraversato la strada fuori da un passaggio pedonale. “È pericoloso attraversare strade durante le ore serali, quando invece ci sono strisce pedonali ben illuminate”, ha affermato.

La polizia di Tempe sta pianificando un’altra conferenza stampa per fornire aggiornamenti sulle indagini. Nel frattempo, l’autista dell’auto a guida autonoma di Uber è ora sotto esame, come riporta AZ Central, perché sembra che Vasquez abbia scontato quasi quattro anni in una prigione dell’Arizona nei primi anni del 2000 per tentata rapina a mano armata. Il documento riporta come segue:

I registri giudiziari mostrano che Vasquez ha una fedina penale in Arizona con un nome diverso. I registri del Dipartimento delle Prigioni dell’Arizona mostra che Vasquez ha scontato tre anni e dieci mesi in una prigione di stato per condanne per tentata rapina a mano armata e falsificazione. È stata rilasciata dal carcere nel 2005.

Un portavoce di Uber si è rifiutato di commentare la storia di AZ Central, citando il fatto che c’è un’indagine in corso.

incidente mortale Uber non colpevole

Photo: AP

Uber non colpevole dell’incidente mortale, secondo la Polizia ultima modifica: 2018-03-21T12:57:54+00:00 da Web Digitalic

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!