Attacchi hacker: 2021 anno peggiore e previsioni sul 2022

Anno da dimenticare sul fronte degli attacchi informatici.

Il 2021 è stato un anno un anno decisamente terribile per quanto riguarda gli attacchi hacker. A sottolinearlo è stato il report annuale di Acronis, società leader mondiale nella protezione informatica, che oltre a fornire un quadro dell’anno che sta per terminare, cerca di tracciare delle previsioni anche sul successivo. Ad essere stati presi di mira, in particolare, i fornitori di servizi gestiti, con rischi che hanno riguardato sia l’attività di queste aziende sia i loro clienti. Secondo il rapporto di Acronis, tra l’altro, nel corso della seconda metà del 2021 soltanto il 20% delle aziende avrebbe riferito di non aver subito attacchi informatici, rispetto al 32% dell’anno precedente.

Cybersecurity, aumenta del 134% la spesa delle aziende italiane

Attacchi hacker nel 2021, quali sono stati i trend

Il rapporto annuale di Acronis ha cercato di individuare quelle che sono state le tendenze di questo 2021 in merito agli attacchi informatici. In particolare sembra che gli hacker si siano concentrati su tali tipologie di crimini:

  • phishing via mail, che resta, per il 94% dei casi, la via più utilizzata per far sì che gli utenti installino dei malware sui propri dispositivi. Acronis riferisce che nel terzo trimestre del 2021 ha bloccato il 23% in più delle e-mail di phishing e il 40% in più di e-mail di malware. Gli hacker sembrano essersi ingegnati anche per quanto riguarda i metodi per aggirare i controlli sul phishing. È per tale motivo che hanno iniziato a utilizzare anche programmi quali Teams, Slack oppure sms per inviare i loro messaggi malevoli;
  • il ransomware resta invece la minaccia più insidiosa soprattutto per il settore pubblico, la sanità oppure altre aziende che operano in settori particolari. Questo crimine informatico prevede l’invio di un malware che infetta un dispositivo e che chiede un riscatto per l’eliminazione della limitazione provocata. Secondo il rapporto Acronis, il ransomware provocherà danni superiori ai 20 miliardi di dollari entro la fine di quest’anno;
  • le criptovalute sembrano infine essere il nuovo terreno di caccia degli hacker. Tali strumenti sembrano essere oggetto di attacco soprattutto per quanto riguarda il furto di informazioni e l’utilizzo di malware che scambiano gli indirizzi dei portafogli digitali. Il rapporto stima che questi attacchi informatici potrebbero crescere esponenzialmente nel corso del 2022.

Sebbene il 2021 sia stato l’anno peggiore, nel complesso, dal punto di vista della sicurezza informatica, gli elevati tassi di rilevamento di malware registrati da Acronis potrebbero significare che i Paesi e le aziende prestano maggiore attenzione alla sicurezza su internet, aggiornando le proprie capacità di rilevamento.

Attacchi hacker

immagine: Pixabay


Attacchi hacker: 2021 anno peggiore e previsioni sul 2022 - Ultima modifica: 2021-12-14T11:00:54+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Hackers’ Trend IQ Test by Trend Micro

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!