Coronavirus: aumenta lo stress, i più colpiti sono i single

Dietro al lockdown la minaccia nascosta è il crollo demografico non solo per il numero dei morti ma anche per le difficoltà a programmare una nuova famiglia

Chi è maggiormente penalizzato dal lockdown causato dal coronavirus? A metterlo in rilievo è stato il portale di incontri per genitori single ByParent.com, che tramite strumenti di rilevamento ha potuto identificare delle evidenze riguardo il periodo di “clausura” a cui il COVID-19 ha costretto gli italiani.

L’indagine afferma quanto le famiglie che soffrono meno per la clausura sono quelle allargate mentre i single passano sempre più tempo a divagarsi sui siti d’incontri. Ad essere maggiormente penalizzate dal lockdown sono soprattutto le famiglie monoparentali. La loro è una situazione oggi abbastanza diffusa che, con la circostanza del confinamento dovuto alle misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus, diventa sempre più insopportabile.

Lo stress da coronavirus penalizza i single

Lo stress da Coronavirus è in aumento e riguarda ormai il 68% degli italiani. Ma ad esserne maggiormente colpiti, secondo quanto ha potuto appurare ByParent.com, sono proprio i genitori single: l’80% delle donne ed il 92% degli uomini.

stress-da-coronavirus.

 

Soprattutto per le donne il blocco maggiore che non consente di cercare serenamente un nuovo compagno sta nel fatto che esse credono fortemente di non poter riuscire a trovare qualcuno che possa accettare la loro situazione. Ma non è affatto così” sostiene Alex Fantini ideatore del portale di incontri. E vero è, infatti, che un recente sondaggio condotto da ByParent.com su un campione di 2 mila uomini di diverso stato civile, in una fascia di età compresa tra i 34 ed i 65 anni, ha messo in evidenza che il 92% di essi non ha preclusioni a conoscere una donna single con uno o più figli.
il numero di famiglie con madri o padri soli in Italia. Un numero che, basandosi su dati Istat, presenta un incremento di 600 mila unità ogni decennio e che, secondo le proiezioni di ByParent.com coerenti anche con i dati Eurostat, sale nel 2020 a 3.252.000 nuclei con madri o padri soli con uno o più figli.

Coronavirus sì, coronavirus no, c’è da notare però che per la stragrande maggioranza dei nuclei monoparentali (83%) si tratta di donne sole con bambini, mentre solo nel 17% dei casi si tratta di padri single: rispettivamente il 13% e il 3% del totale dei nuclei familiari italiani.

A voler tracciare poi una geografia delle famiglie monogenitoriali, emerge che la regione dove è state rilevata la percentuale maggiore è il Lazio, con il 17% di donne sole con bambini (ben 4 punti percentuali sopra la media nazionale) e con il 4% di uomini soli con bambini. Al secondo posto segue la Liguria con il 16% di donne (3 punti percentuali sopra la media nazionale) e con il 3% di uomini, in linea con il dato nazionale.


Coronavirus: aumenta lo stress, i più colpiti sono i single - Ultima modifica: 2020-04-08T12:30:49+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente
Smart Impresa

Fai diventare la tua impresa smart: evento online

Iscriviti all'evento online: dallo smart working alla digital transformation: gli esperti di tecnologia e lo chef Simone Rugiati, approfondiranno le sfide e le opportunità che abbiamo davanti, come imprese e come Paese, per passare dall’emergenza alla ripresa e per fare un salto culturale e tecnologico verso il futuro. Per costruire, insieme, l’Italia di domani.

You have Successfully Subscribed!