Google Chrome renderà più difficile bloccare la navigazione in incognito

Hai il diritto di navigare sul web sotto mentite spoglie. Una scappatoia di lunga data nella modalità di navigazione in incognito di Chrome consente ai siti web di riconoscere quando le persone navigano sul web in privato.

Google Chrome renderà più difficile bloccare la navigazione in incognito per reagire a quanto sta succedendo su alcuni siti. Recentemente, siti come The Boston Globe e MIT Technology Review hanno iniziato a utilizzare tale falla per impedire a chiunque di navigare in modalità di navigazione in incognito per impedire alle persone di evitare i paywall e massimizzare l’acquisizione dei dati. Ora, secondo 9to5Google, Google ha intenzione di correggere tale problema.

google chrome inccognito

Il problema è radicato nell’API “FileSystem” di Google Chrome. Quando un browser è in modalità di navigazione in incognito, l’API è disabilitata; quando i siti di terze parti non possono accedere all’API, vuol dire quindi che la navigazione è in incognito.

 

In futuro, quando i siti di terze parti richiederanno l’API del FileSystem, Chrome creerà un file system virtuale temporaneo nella RAM del computer. I siti di terze parti non sapranno quale sistema Chrome è in esecuzione e non saranno in grado di rilevare o bloccare i browser web in incognito. Ciò renderà anche facile per Chrome di eliminare questo file system temporaneo non appena chiuso il browser.

Tuttavia, questa potrebbe essere una correzione temporanea fino a quando l’API del FileSystem non venga completamente rimossa, il che potrebbe accadere se Google determinasse che l’API fa poco più che rivelare gli utenti in incognito.

Advertising

Per ora, questa soluzione alternativa verrà visualizzata come una funzione sperimentale nella build Canary di Chrome 74. Con un po’ di fortuna, la funzione diverrà standard in Chrome 76.


Google Chrome renderà più difficile bloccare la navigazione in incognito - Ultima modifica: 2019-02-20T07:29:20+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Zyxel Channel HUB

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!