Problema dell’URL di AMP: passi in avanti da parte di Google

AMP sta per “Accelerated Mobile Pages” e probabilmente avrai già notato che queste pagine si caricano rapidamente e di solito sono molto più semplici delle normali pagine web.

Amp di Google è supportato solo su Chrome in questo momento: quando si fa clic su un collegamento sul telefono con un piccolo fulmine nella ricerca di Google, ottiene un contenuto nel formato AMP.  Potresti anche aver notato che l’URL nella parte superiore del browser è stato avviato con “www.google.com/qualchealtroindirizzo” anziché con la pagina web che pensavi di visitare.

Google sta cercando di risolvere la questione dell’indirizzo finalmente, annunciando il supporto per qualcosa chiamato “Signed Exchanges” e quello che dovrebbe significare è che quando si farà clic su uno di questi link, l’URL visualizzato sarà quello originale.
Affinché questa cosa funzioni, ogni fase della catena di tecnologie coinvolte nel caricamento del formato AMP deve supportare i Signed Exchanges, compreso il browser, il motore di ricerca e il sito web che ha pubblicato il collegamento. In questo momento, ciò significa che l’URL verrà corretto solo quando un browser Chrome carica un link di ricerca Google a un articolo pubblicato che ha implementato il supporto per la funzione.

Esaminiamo un po’ meglio la cosa e parliamo di cosa è AMP e cosa sta cercando di diventare. Possiamo iniziare con la cosa di cui si parla da anni: Il web mobile è ancora scadente.

problema-url-amp

Dagli Instant Articles di Facebook a Apple News

Molte aziende hanno cercato di risolvere il problema. Da un lato, ci sono gli ad-blocker, i vari aggiornamenti del browser e il settore pubblicitario che promette di essere “più bello”. Nessuno di questi sforzi è arrivato a molto perché è un gioco del gatto e del topo con persone che cercano di migliorare il web e altre che fanno soldi con esperienze di pubblicità scadenti.
Ecco perché, d’altra parte, ci sono stati vari tentativi di soppiantare il web con qualcosa di un po’ più controllato e mobile-centrico. Questo è quello a cui puntavano gli Instant Articles di Facebook e questo è ciò che, in gran parte, è ora Apple News. Questi nuovi standard sono anche migliori per i telefoni perché possono essere impacchettati, precaricati e inviati da qualsiasi server.
Anche Google AMP rientra in questa categoria, ma Google sta cercando di differenziare la connotazione aperta del web e la natura sicura e controllata di tali altri standard.

Problema URL di AMP: gli “scambi firmati”

Questo, però, ci porta al problema: dato che Google sta cercando di rendere AMP uno standard web, è necessario utilizzare gli standard web, ovvero l’URL, ma l’URL è sempre stato una sorta di promessa e di sicurezza: la cosa che stai guardando proviene dal luogo in cui dice di provenire. Si chiama “indirizzo” web per questa ragione. AMP, poiché si basa sul web, non infrange il “contratto” con l’utente, anche se l’articolo potrebbe essere servito da qualcun altro ed ecco perché si vede un URL diverso su alcuni articoli di AMP.
A volte il browser può essere intelligente e condividere l’URL reale, ma il più delle volte, si finisce per visualizzare l’URL AMP e la cosa sembra ancora più stupida su un browser desktop, quando, ad esempio, si condivide un indirizzo.
Qui entra in scena il discorso dei Signed Exchanges, gli “scambi firmati: tutte le parti della catena di tecnologie si dicono reciprocamente che si fidano l’una dell’altra e, pertanto, il server di Google otterrebbe il permesso di fornire un URL che inizia con www.indirizzo.com anziché www.google.com/etc… Il risultato sarebbe in qualche misura un “rompere la promessa” dell’indirizzo URL originale, ma non sarebbe più un grosso problema perché l’editore avrebbe “firmato” che si fida di Google.

Problema URL di AMP: Google dovrà convincere gli editori a supportare lo standard

Ciò significa che Google deve anche coinvolgere gli editori e convincerli a supportare lo standard, il che significa ancora più lavoro per le aziende che sono già gravate dall’assicurarsi che i loro contenuti appaiano sul web, Apple News, AMP e chissà dove altro e questo potrebbe diventare un grande ostacolo per Google in futuro.

Tutto questo lavoro fa parte di una spinta generalizzata a spingere il “Web Packaging Standard”, che, in pratica, consente di impacchettare le pagine web su internet in modo che possano essere precaricate e servite più velocemente e questo è anche il caso di AMP, ma il nuovo standard dovrebbe essere un po’ più universale.

Tutto quello che riguarda gli standard web richiede tempo: non c’è una cadenza annuale con un dirigente tecnico che sale sul palco durante un keynote e che introduce una tecnologia straordinaria a cui ci si può iscrivere il giorno dopo.

L’intera faccenda dei Signed Exchanges è un piccolo passo, ma è un piccolo passo nella giusta direzione.


Problema dell’URL di AMP: passi in avanti da parte di Google - Ultima modifica: 2019-05-13T06:40:41+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!