A scuola su Instagram: un corso nelle stories per fermare le bufale

L’azienda californiana Seed, nota per gli integratori probiotici venduti per corrispondenza, il mese scorso ha iniziato a richiedere ai suoi promotori o “affiliati” di superare un esame prima di promuovere i suoi prodotti sui social.

Da oggi si può andare a scuola su Instagram,  o meglio: si possono seguire dei corsi di formazione nelle storie del popolare social network. L’obiettivo? Fermare la disinformazione e le bufale, soprattutto nel campo della salute.

È stata la nausea mattutina di Kim Kardashian a far scattare i primi campanelli d’allarme. Nel 2015, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha richiamato un’azienda farmaceutica canadese che ha pagato la star dei reality per proporre una pillola anti-nausea ai suoi 74 milioni di follower su Instagram e Twitter senza citare i rischi del farmaco. Kardashian alla fine ha cancellato il post, ma non prima di raggiungere i 434.000 like.

Il caso della Kardashian è forse l’esempio più noto di come Instagram, una piattaforma con oltre 1 miliardo di iscritti, sia diventata una vetrina privilegiata per il discutibile marketing relativo alla salute. Diverse mode legate al benessere, dal succo di sedano alle diete fasulle e in generale tante pericolose tendenze di disinformazione, come le bufale no-vax hanno prosperato sul social network di condivisione di foto.

Instagram riconosce il problema. All’inizio di quest’anno, la piattaforma di proprietà di Facebook ha iniziato a nascondere gli hashtag discutibili su vaccini e disturbi alimentari e ha promesso di rimediare al problema. Karina Newton, responsabile globale delle politiche pubbliche di Instagram, ha ammesso che “ci vorrà del tempo”.

Advertising

A scuola su Instagram: l’idea di Seed

Mentre il governo degli Stati Uniti si affretta a cercar di frenare questo tipo di problemi, la start-up per la salute Seed ha un’altra strategia proattiva: educare gli influencer. L’azienda californiana, nota per gli integratori probiotici venduti per corrispondenza, il mese scorso ha iniziato a richiedere ai suoi promotori o “affiliati” di superare un esame prima di approvare i suoi prodotti.

La co-fondatrice di Seed, Ara Katz, afferma che è un tentativo di promuovere influencer responsabili sui social media.

“La disinformazione, aggravata dal bias di conferma, nonostante le migliori intenzioni, è alimentata da algoritmi ottimizzati per tap e clic, non verità”, ha scritto Katz in un post del 27 giugno.

Seed University: a scuola su Instagram

Attraverso un corso gratuito della durata di un’ora chiamato Seed University, gli influencer vengono istruiti sulla scienza dei microbiomi e dei probiotici, nonché sulle linee guida della FTC sull’approvazione responsabile dei prodotti. Le lezioni sono state sviluppate da un team di esperti di comunicazione scientifica, medici e scienziati, tra cui il dottor Gregor Reid, un rinomato ricercatore di probiotici che ha presieduto un panel delle Nazioni Unite/Organizzazione Mondiale della Sanità sull’argomento.

Si tratta di un esperimento di comunicazione nell’era dei periodi di scarsa attenzione e Seed University utilizza Instagram per offrire coinvolgenti lezioni di scienze. Ci sono collegamenti, gif, sondaggi, emoji, video e grafica audace, in sei unità e 587 slide di Storie Instagram. Katz afferma che l’azienda ha trascorso ore a scrivere, progettare, produrre e rivedere il corso per assicurarsi che raggiungesse il giusto equilibrio tra credibilità e divertimento.

Oltre a guadagnare una commissione su ogni vendita derivante dai loro post sui social media, gli influencer che completano il programma Seed University hanno accesso a scienziati ed esperti a cui porre domande e ai futuri corsi si Seed, oltre a opportunità di networking. L’azienda afferma che la sua lezione inaugurale ha incluso l’attrice Sophia Bush, la modella Karlie Kloss e il fondatore di BeautyCon Moj Mahdara.

a scuola su instagram

A scuola su Instagram: imparare prima di linkare

L’obbligo di “verità nella pubblicità” della Federal Trade Commission degli Stati Uniti proibisce il marketing ingiusto o ingannevole su qualsiasi mezzo. L’agenzia è stata particolarmente attenta alle affermazioni sulla salute e il benessere sui social media e richiede che tutti i post sponsorizzati siano chiaramente etichettati e rivelino i termini dell’endorsement.

A differenza della pubblicità su canali tradizionali, però, sorvegliare su selfie e testimonianze personali del crescente corpo di influencer su una miriade di piattaforme social rappresenta un enorme onere. Anche il limite di caratteri sui post sui social media rende più difficili da applicare le lunghe digressioni o spiegazioni.

Allo stesso tempo, i canali dei social media stanno plasmando sempre più i servizi e i prodotti che acquistiamo. Un recente studio di Sprout Social suggerisce che oltre i tre quarti dei consumatori americani oggi consultano i social media per ottenere indicazioni utili alle decisioni d’acquisto, con il marketing degli influencer che supera la pubblicità sulla stampa e le sponsorizzazioni di celebrità tradizionali, secondo il Digital Marketing Institute.

“La scienza ha un vero problema di comunicazione. Molte persone pensano che sia troppo fredda, troppo clinica, troppo complessa”, osserva Katz, che è un ex-membro del Center for Future Storytelling del MIT Media Lab, ed “ecco perché i messaggi di marketing, in particolare quelli relativi alla salute e al benessere, sono più appetibili quando si percepiscono come intuitivi e fanno affermazioni”.

Programmi di certificazione dell’istruzione come la Seed University, la scuola su Instagram, che incoraggiano ad “apprendere prima di linkare” sono un tentativo di dare al settore dell’influencer marketing (che vale 10 miliardi di euro) la credibilità e gli standard etici di cui ha un disperato bisogno.


A scuola su Instagram: un corso nelle stories per fermare le bufale - Ultima modifica: 2019-07-25T06:51:55+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!