Un nuovo studio universitario ha fornito risultati allarmanti, ma probabilmente la cosa non è sorprendente per chiunque conosca un adolescente: gli adolescenti delle scuole superiori oggi scrivono messaggi, consultano e utilizzano i social media invece di leggere libri e riviste.

adolescenti libri vs media digitali

Gli adolescenti non leggono libri e preferiscono messaggi e social media

Nel loro tempo libero, tutti i giorni gli adolescenti americani si dedicano ai loro dispositivi e smartphone, invece di perdersi nella lettura di libri o nei media a lungo termine, secondo una ricerca pubblicata da poco dall’American Psychological Association.

In effetti, 1 su 3 studenti delle scuole superiori statunitensi non hanno letto un libro per scelta nel 2016. Nello stesso periodo, l’82 percento dei dodicenni ha visitato siti come Facebook, Twitter e Instagram ogni giorno.

Jean Twenge, professoressa di psicologia all’Università statale di San Diego e uno delle autrici dello studio, ha affermato che la mancanza di lettura nel tempo libero è preoccupante. Per lei, la scoperta più importante nascosta nei dati è questa statistica: negli anni ’70, circa il 60% degli studenti delle scuole superiori riferiva di leggere un libro, una rivista o un quotidiano ogni giorno. Quattro decenni dopo, nel 2016, solo il 16% dei ragazzi delle scuole superiori ha riferito di averlo fatto.

Leggere libri per sviluppare pensiero critico

“Questo declino nella lettura dei supporti stampati, e in particolare il declino nella lettura di libri, è preoccupante”, ha affermato Twenge, autrice del libro iGen: perché i bambini super-connessi oggi stanno diventando meno ribelli, più tolleranti, meno felici e completamente impreparati per l’età adulta e cosa significa per tutti noi”.

Il motivo della preoccupazione è che l’insieme di abilità e l’attenzione che serve per elaborare i concetti nella scrittura in forma lunga sono molto diversi da quelli di un messaggio di testo o di un aggiornamento di stato sui social.

“Leggere testi di lunga durata come libri e articoli di riviste è molto importante per comprendere idee complesse e sviluppare capacità di pensiero critico”, ha affermato Twenge.

Come sono cambiate le abitudini di lettura degli adolescenti

Lo studio, condotto da Twenge e da due colleghi dell’Università Statale di San Diego, Gabrielle Martin e Brian Spitzberg, si basa su dati raccolti attraverso un progetto di indagine chiamato Monitoring the Future, in corso dal 1975. Gestito da ricercatori dell’Università del Michigan e finanziato dal National Institutes of Health, Monitoring the Future esamina gli studenti delle scuole superiori di tutta la nazione interrogandoli sui loro piani di carriera e sull’uso di droghe, tra le altre cose.

Twenge, Martin e Spitzberg hanno analizzato le abitudini di lettura degli studenti tra il 1976 e il 2016, per un totale di oltre 1 milione di adolescenti. I ricercatori hanno confrontato il consumo di “legacy media” da parte dei liceali – libri, giornali e riviste – con il loro consumo di “media digitali”, che include Internet, messaggi su cellulari, videogiochi e siti di social media.

Il declino dei tassi di lettura dei media legacy è iniziato nei primi anni ’80 ed è accelerato rapidamente dopo la metà degli anni 2000, quando gli smartphone e l’accesso a Internet ad alta velocità sono divenuti gradualmente ampiamente disponibili. Allo stesso tempo, il tempo trascorso sullo schermo dei frequentanti le high school nordamericane, compresa la televisione, ha iniziato a salire, quasi triplicandosi tra la fine degli anni ’70 e la metà del 2010, secondo lo studio.

Libri vs Social

Nel 2016, i ragazzi più giovani hanno riferito di dedicare circa sei ore del loro tempo libero ogni giorno ai media digitali. Gli studenti un po’ più grandi hanno dichiarato di dedicare cinque ore e gli studenti di fine corso hanno dichiarato di dedicarvi quattro ore.

I dati mostrano che gli adolescenti preferiscono prendere in mano i loro dispositivi piuttosto che un libro.

La suddivisione razziale e di genere del gruppo intervistato corrisponde approssimativamente ai dati demografici nazionali e le scoperte principali non variano in base alla razza, al genere o allo stato socioeconomico, ha affermato Twenge. C’è stata una leggera differenza tra i sessi: le ragazze hanno riferito di visitare siti di social media più spesso dei ragazzi, mentre i ragazzi hanno riferito di passare più tempo sui videogiochi.

La domanda del sondaggio che chiede agli studenti se e quanto spesso leggono libri, riviste e giornali non ha distinto tra la versione stampata e quella elettronica di questi articoli di tipo tradizionale. Twenge ha riconosciuto che questo potrebbe significare che i risultati dello studio sottostimano o riducono la quantità di tempo che i liceali trascorrono effettivamente leggendo online.

Lo studio cita ricerche precedenti a sostegno dell’idea che gli studenti vedano libri ed e-book come se fossero sotto lo stesso ombrello, il che significa che le scoperte dello studio probabilmente riflettono abbastanza accuratamente le abitudini di lettura degli adolescenti.

Twenge, a sua volta madre di tre figli, ha detto di sospettare che molti genitori trovino il nuovo studio preoccupante. Non solo il minor tempo dedicato alla lettura potrebbe determinare inferiori prestazioni al college/università, ma anche l’utilizzo dei social media ha portato a un aumento dell’isolamento sociale e dei problemi di salute mentale.

Cosa possono fare i genitori per far mettere giù il telefono al proprio adolescente e fargli aprire un libro?

La soluzione può richiedere una danza complicata tra coercizione e suggerimento, ha affermato Daniel Willingham, professore di psicologia all’Università della Virginia e autore di “Raising Kids Who Read”.

Il primo passo è quello di allontanare i figli dagli schermi, ha detto Willingham, ma non legare la mancanza di tempo trascorso sullo schermo a lettura forzata. Ad esempio, non è utile “sequestrare” il telefono di un figlio adolescente e dirgli che può riaverlo dopo aver letto per 30 minuti.

“Questo non è il modo di insegnare ai bambini che si tratta di attività piacevoli”, ha affermato Willingham. “Voglio dire, pensaci, non penseresti mai di costringere tuo figlio a prendere un pezzo di torta”.

Invece, quando imponi un divieto temporaneo sui dispositivi, assicurati che i libri siano la seconda opzione disponibile per allontanare la noia. Un modo per farlo, secondo Dean-Michael Crosby, un insegnante in una scuola in Inghilterra che spesso fornisce consigli ai genitori su questo tema, è quello di “sporcare la casa con titoli accattivanti”. Egli suggerisce di lasciare libri in giro per il salotto, la cucina e anche in bagno.

“Anche se ne scovano uno per curiosità, mentre aspettano che l’acqua stia bollendo, potrebbe essere il libro giusto per loro”, ha detto Crosby.

Sia Willingham che Crosby hanno consigliato di provare dei libri e romanzi grafici. Con la loro abbondanza di immagini, insieme a temi più maturi e contenuti adatti alla loro età, questi libri possono aiutare gli adolescenti riluttanti ad entrare nel mondo della letteratura.

Un altro modo per infondere amore per la lettura è insegnare ai bambini quanto può essere utile. La prossima volta che tuo figlio verrà da te a porre una domanda, prova a dire loro di andare a trovare la risposta visitando una biblioteca e leggendo della questione autonomamente.
Spiega che i libri offrono un livello di conoscenza approfondita non disponibile attraverso la “gratificazione immediata” di internet.

Infine, è importante dare l’esempio per modellare un buon comportamento di lettura: “se stai assillando il tuo bambino perché legga e sei sempre su Instagram, perché mai dovrebbero prenderti sul serio?”. Non dimentichiamo infatti che i genitori spesso passano più tempo davanti agli schermi dei propri figli.

 

Facebook : 10 consigli per gli adolescenti

5 azioni per migliorare la propria vita digitale

Sì è vero, gli adolescenti non leggono libri e preferiscono messaggi e social ultima modifica: 2018-08-30T10:50:44+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!