I siti Internet più visitati di sempre, la lista per epoca

Per quanto sia oggi difficile immaginare la nostra vita senza Google, YouTube e Facebook, agli albori dell’era di Internet, il web era molto diverso rispetto a ora.

Ecco la lista dei i siti Internet più visitati di sempre. Nonostante tutti i cambiamenti che si sono verificati dal 1993, osservando i dati relativi alle visite mensili, vediamo una certa consistenza ai vertici della classifica dei siti più popolari.

Le parole più cercate su Goole 2020

Siti Internet più visitati di sempre

A detenere il primato dal 1993 a giugno 2000 è stato AOL, uno dei primi principali portali web, nell’era dei Cd-Rom e dei modem dial-up. Nel suo periodo di massimo splendore l’azienda arrivò a dominare il mercato, grazie a un’aggressiva campagna di prova gratuita costata milioni di dollari. Decisamente un successo che portò AOL ad avere, al suo apice, oltre 30 milioni di utenti e una capitalizzazione di mercato di oltre $ 200 miliardi. Nel giugno 2000 è Yahoo a spodestare AOL: nato come directory web, Yahoo è stato il primo sito web a offrire indici localizzati per le principali città, diventando poi un colosso con un record di 5,5 miliardi di visite mensili e ancora oggi rimane nella top 10 dei siti più popolari a livello mondiale.

i siti Internet più visitati di sempre

I siti Internet più visitati di sempre

Siti Internet più visitati di sempre: l’era di Google

Nel 2006 inizia invece l’era di Google – solo brevemente interrotta dall’agosto 2008 al giugno 2010 da un temporaneo “ritorno di fiamma” di Yahoo – che dura incontestato ancora oggi, con oltre 81 miliardi di visite mensili: nato nei primi anni ‘90 come progetto di ricerca universitaria, Google è ormai praticamente sinonimo di Internet, dato che il 90% di tutte le ricerche su Internet vengono effettuate proprio su Google o sui prodotti associati. Insomma è Google il leader dei siti Internet più visitati di sempre.

Tuttavia Google non fu il primo né l’unico motore di ricerca: tra i suoi precedessori c’è WebCrawler, il primo motore di ricerca ad abilitare l’analisi full-text, divenuto così popolare che il server si bloccava costantemente, rendendolo praticamente inutilizzabile durante le ore di punta. O ancora Lycos creato nel 1994 (un anno prima di Yahoo) e Infoseek, motore di ricerca predefinito di Netscape, poi confluito in go.com. A differenza di Infoseek, Lycos e WebCrawler sono riusciti in qualche modo a restare in vita, ma non sono neanche lontanamente paragonabili a Google in termini di entrate o volume di ricerca giornaliero.

E i social?

I meno giovani certamente ricordano MySpace, tecnicamente ancora esistente, ma molto meno gettonato rispetto ai suoi anni d’oro. Creato nel 2004, MySpace era diventato un hub per musicisti e appassionati di musica in rete. In appena un anno il sito web vide una crescita enorme e nel 2005 fu acquisito da News Corp.

Siti più popolari: Facebook

MySpace ha continuato a dominare il panorama dei social media fino al 2008, quando Facebook ha assunto il ruolo di piattaforma di social media più popolare di Internet. La storia di Facebook è ben nota: dopo la sua nascita circoscritta all’ambiente studentesco di Harvard, nel 2006 è stato aperto al grande pubblico acquisendo in soli due anni 100 milioni di utenti attivi e diventando il canale social più popolare. Oggi conta quasi 3 miliardi di utenti e oltre 28 miliardi di visite mensili.


I siti Internet più visitati di sempre, la lista per epoca - Ultima modifica: 2020-12-09T18:34:47+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Cyber Security

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!