Epic Fail nel tech del 2019, gli errori più chiacchierati dell’anno

Gli errori del settore tecnologico più imbarazzanti e chiacchierati dell’anno

Un altro “anno tecnologico” sta per finire e, tra tante novità positive, come di consueto accade, siamo stati spettatori di altrettanti piccoli disastri che hanno caratterizzato l’ultimo anno della decade. Con il 2020 pronto a scenari legati all’arrivo della tecnologia 5G e all’ampliamento nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale, gli Epic Fail nel tech del 2019 si spera da bagaglio per migliorare il futuro.

Violazioni dei dati, bug dei software, fiaschi sulla privacy, malfunzionamenti dei dispositivi e grandi aziende tecnologiche che sono messe in discussione. Facciamo un bilancio dell’anno dei fallimenti tecnologici con gli Epic Fail nel tech del 2019 più chiacchierati con una piccola carrellata di “ricordi negativi”.

Il clamoroso bug su FaceTime di Apple

apple blocca facetime gruppo

Fine gennaio 2019,  Apple è costretta a disabilitare le chiamate di gruppo su FaceTime. Motivo? Un bug permetteva di spiare il destinatario di una chiamata, aprendo il microfono e avviando il video prima che lo stesso rispondeva. Lo stesso bug era stato riscontrato anche in telefonate via FaceTime tra iPhone e Mac. Apple ha poi risolto la vulnerabilità ma che figuraccia.

Il malware sui dispositivi Asus

malware Asus

Fine marzo 2019. Asus lancia l’aggiornamento annuale tramite la piattaforma di software aziendale. Più di un milione di utenti rimangono vittime di un malware. L’attacco, battezzato ShadowHammer, viene scoperto dai ricercatori di Kaspersky Lab. Gli hacker spacciavano il malware come un “aggiornamento critico” di Asus, distribuito dai server dell’azienda e firmati con certificati validi. Totale imbarazzo da parte dell’azienda di Taiwan colpita nel cuore.

Il fiasco di Samsung Galaxy Fold

ritiro del galaxy fold

Maggio 2019, Samsung annuncia il ritiro dal mercato del suo smartphone pieghevole, il Samsung Galaxy Fold. Un disastro totale e forse l’Epic Fail tech del 2019 più discusso. Il dispositivo era già disponibile per i preordini e l’azienda aveva inviato diversi modelli di prova a noti YouTuber e giornalisti. Secondo i recensori lo strato protettivo dello schermo si separava dal resto del dispositivo lasciando presumere che la pellicola fosse rimovibile. Tuttavia, dopo aver tentato di rimuovere la striscia protettiva di plastica, lo schermo del telefono smetteva immediatamente di funzionare. A distanza di mesi, solo a novembre, Samsung ha rimesso sul mercato Galaxy Fold rimediando ad un clamoroso errore di assemblaggio dello smartphone.

Il disastro dei tappi per orecchie Bose

SleepBuds Bose

Uno degli Epic Fail nel tech del 2019 passato un po’ sottotraccia ma veramente imbarazzante è stato quello “tappi per le orecchie tecnologici” pensati per migliorare la qualità del sonno di Bose. L’azienda è costretta ad avviare un programma di richiamo dei suoi Sleepbuds offrendo un risarcimento totale a chi li aveva acquistati. Motivo? Un problema legato alla batteria. Su tantissimi esemplari era impossibile ricaricare al 100% e/o si manifestavano spegnimenti improvvisi che ne compromettevano il corretto funzionamento.

Vulnerabilità di WhatsApp

sicurezza di whatsapp a rischio

Due brutte tegole da risolvere nei mesi di ottobre e novembre 2019 per WhatsApp. In primis scoperta una nuova vulnerabilità che sfruttava GIF dannose per compromettere sessioni, file e messaggi degli utenti. Problemi di sicurezza relativi ai soli dispositivi Android per gli utenti che su WhatsApp inviavano e ricevevano le GIF. Il secondo relativo ad un codice dei file Mp4 che permetteva agli hacker di iniettare malware nel sistema dell’app di messaggistica.

Facebook travolto dalle critiche

zuckerberg

Metà ottobre 2019. Mark Zuckerberg al meeting di Ginevra annuncia la nascita della “Libra Association”, un consorzio dedito al progetto Libra, la moneta virtuale di Facebook. Da Mastercard a Visa, da PayPal, a Stripe, attori che avrebbero dovuto garantire l’affidabilità del progetto di criptovaluta abbandonano però il carrozzone.   Facebook accusa il colpo dell’abbandono di tutti gli attori finanziari e Zuckerberg viene travolto da critiche tra  il rifiuto di vietare le pubblicità politiche, lo scandalo Cambridge Analytica valsa una multa di 5 miliardi dollari e  il suo tentativo di lanciare una criptovaluta globale a rischio frana.

La figuraccia di Elon Musk, l’Epic Fail nel tech del 2019 top

Epic Fail nel tech del 2019

Come non annoverare la figuraccia di Elon Musk durante i test sul Cybertruck di Tesla con tanto di fiasco in diretta. Cos’è successo? Nulla di che. Un vetro antiproiettile è andato… frantumi. Durante lo show di presentazione del Cybertruck, Musk ha chiesto a un suo collaboratore di lanciare una sfera di acciaio contro il finestrino del concept pick-up.

cybertruck epic fail

Il veicolo, con la sorpresa dello stesso Musk, non ha retto. Il vetro antiproiettile che prometteva di essere indistruttibile è andato in frantumi per mano dei suoi costruttori, il giorno del debutto.


Epic Fail nel tech del 2019, gli errori più chiacchierati dell’anno - Ultima modifica: 2019-12-12T12:06:38+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!